Alfonso Maruccia

Le major di Hollywood all'assalto di Mega

L'industria dei contenuti chiede a Google di rimuovere la homepage del cyberlocker di Kim Dotcom dai risultati nelle ricerche web. Non spetta a noi stabilire quali siti sono illegali e quali no, risponde indirettamente Google

Roma - Mega, il servizio di archiviazione file sul web creato da Kim Dotcom dopo la débâcle di Megaupload, sarebbe secondo il suo fondatore un business legale al 100 per cento. Non per le major statunitensi, a ogni modo, che hanno sempre e comunque interesse nel mettere i bastoni fra le ruote a Dotcom, tentando di isolare il servizio rendendolo invisibile sui motori di ricerca.

Tra le numerosissime richieste di rimozione di pagine web inviate a Google ogni settimana per la presunta presenza di link a contenuti illegali, infatti, due delle suddette major - Warner Bros. ed NBC Universal - hanno infilato la homepage di Mega come se nulla fosse: l'obiettivo delle richieste è chiedere a Google di rimuovere i "siti illegali" dai suoi indici di ricerca, come previsto dalle norme del DMCA.

Il problema è che sulla homepage di Mega non è presente alcun link a contenuti di dubbia origine o natura legale, e la richiesta del dinamico duo Warner+NBC sembra più un tentativo di una censura pura e semplice che una difesa del diritto d'autore su un lungometraggio sepolto negli archivi di Hollywood ("Mama").
La realtà, osserva Dotcom su TorrentFreak, è probabilmente molto più semplice e disarmante: le richieste di rimozione link inviate dalle major a Mountain View sono fasulle per il 20 per cento - e questo già all'epoca di Megaupload - e prendono di mira una quantità enorme di contenuti e file perfettamente legittimi.

In attesa di osservare lo svolgersi degli eventi e magari l'aprirsi di una nuova battaglia legale fra Dotcom e le major, una chiave di lettura della questione "pirateria" torna ad offrirla Google stessa in un dibattito svoltosi nel Regno Unito: Mountain View non può stabilire l'illegalità di un sito web mentre scandaglia il web per il suo motore di ricerca, chiudere un "covo" di pirati provoca l'immediata apertura di nuovi e più sfuggenti servizi dedicati e i business farebbero bene ad attivarsi chiedendo la rimozione del proprio advertising dai siti di origine discutibile.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • AttualitàGoogle, l'antipirateria spiegata all'ItaliaI rappresentanti italiani di BigG alla Camera per parlare degli sforzi compiuti per la prevenzione della condivisione illecita dei contenuti. Da Content ID al ranking nel search, le strategie del colosso di Mountein View
  • AttualitàKim Dotcom: il mio brevetto per denaroIl founder di Megaupload mette in vendita un suo brevetto che coprirebbe l'autenticazione a doppio fattore. La stessa appena implementata da Twitter dopo gli ultimi attacchi. A Kim, comunque, non va di fare il patent troll
3 Commenti alla Notizia Le major di Hollywood all'assalto di Mega
Ordina
  • Il problema è la mancanza di contrappeso, come per l'interpretazione del Copyright post-WTO.

    Se "Tutti i Diritti sono riservati", quali sono i "Doveri" che scaturiscono dal riconoscemento e dalla garanzia collettiva di quei "Diritti"? Oggi nessuno.
    Ergo se uno vince tutto e non perde niente, perché dovrebbe limitarsi nel giocare?

    Se richiedere la rimozione di un link ad una fonte di distribuzione in regola con il Copyright costasse al richiedente il 20% del fatturato relativo ai prodotti di cui si è richiesto ed ottenuto la rimozione perché rimandanti ad una fonte di distibuzione priva di autorizzazione secondo il Copyright, magari uno ci pensa su due secondi prima di premere invio. Ma oggi non cosa nulla...

    P.S: Sorvolando sull'assurdità semantica di "link illegali" o "link a contenuti illegali". La contrazione ci starebbe, se non fosse che cambia il significato delle parole... se fossero veramente i "contenuti" ad essere "illegali" non potrebbero distribuirli nemmeno le Major...
    non+autenticato
  • refuso: 2nd linea dell'articolo se4condo
    non+autenticato