Mauro Vecchio

Wikipedia, editing for dummies

La Wikimedia Foundation annuncia il nuovo editor di testo che si baserà sul principio del WYSWYG per facilitare il compito di produzione delle voci enciclopediche

Roma - Annunciato nel corso dell'ultima edizione del raduno Wikimania, un nuovo editor di testo WYSIWYG faciliterà il lavoro di inserimento dei contenuti sulla popolare enciclopedia libera. Dopo anni di sviluppo e sperimentazioni, VisualEditor sarà a disposizione degli utenti registrati alla versione in lingua inglese di Wikipedia a partire dalla prima settimana del prossimo luglio, per poi estendersi ai non iscritti sulle varie versioni della piattaforma nelle diverse lingue sul pianeta.

Nella sua prima fase in beta, VisualEditor si legherà ad alcuni account scelti a caso dalla versione inglese dell'enciclopedia online, per avviare un periodo di testing dal prossimo 17 giugno. I responsabili della Wikimedia Foundation analizzeranno con attenzione i risultati raggiunti dai vari editor, cercando di risolvere eventuali problematiche riscontrate nelle fasi di produzione e pubblicazione dei contenuti. Come già spiegato, il nuovo editor di testo non si baserà più su complicati codici, presentando all'utente un'interfaccia simile a quella che verrà in seguito visualizzata dai lettori.

Dietro le quinte, VisualEditor si appoggia pesantemente su Parsoid, un complesso algoritmo software componente di MediaWiki che riesce a tradurre in automatico dal linguaggio di markup alla versione HTML che verrà visualizzata dai comuni browser per la navigazione online sul sito di Wikipedia.
Con la semplicità del quello che vedi è quello che è, Wikimedia Foundation cercherà di attirare la massa dei netizen verso la realizzazione periodica di articoli per l'enciclopedia, da anni afflitta da una emorragia di editor e contributor. (M.V.)
Notizie collegate
  • AttualitàWikipedia si rifà il truccoPresto chi si imbatterà nelle pagine dell'enciclopedia libera avrà la possibilità di osservare i cambiamenti sperimentati negli ultimi mesi da Wikimedia Foundation
  • Digital LifeIl 2012 di Wikipedia, eterogeneo e generosoDiverse per interessi e aree geografiche le ricerche condotte sull'enciclopedia collaborativa. "Facebook" la parola più cercata sulla versione in inglese. Un anno che si chiude in bellezza per Wikimedia grazie alle donazioni a sei zeri
6 Commenti alla Notizia Wikipedia, editing for dummies
Ordina
  • Oggi c'è la notizia che cesare Previti ha perso una causa contro wikipedia:

    http://www.ilpost.it/2013/06/27/previti-causa-wiki.../

    E su Punto Informatico niente? Sono proprio questi gli articoli che attirano più clic. Vi devo dire tutto io.
    non+autenticato
  • Non è l'editor "macchinoso" che ha causato l'emorragia di editor e contributor. E' che purtroppo la libertà di Wikipedia è finita nelle mani di amministratori tuttologi e molti non hanno più voglia di perdere ore di editing solo per vedersi cancellare tutto da un amministratore ignorante che pensa di essere il depositario della verità assoluta, consegnatagli dal divino. Finché le cose non cambieranno, Wikipedia continuerà a perdere editor.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Gion
    > Non è l'editor "macchinoso" che ha causato
    > l'emorragia di editor e contributor. E' che
    > purtroppo la libertà di Wikipedia è finita nelle
    > mani di amministratori tuttologi e molti non
    > hanno più voglia di perdere ore di editing solo
    > per vedersi cancellare tutto da un amministratore
    > ignorante che pensa di essere il depositario
    > della verità assoluta, consegnatagli dal divino.
    > Finché le cose non cambieranno, Wikipedia
    > continuerà a perdere
    > editor.

    Quotone, però questo problema è soprattutto della Wikipedia italiana. Quella in inglese è generalmente molto più seria (non perfetta eh, ma su quella inglese raramente si vedono cialtronate senza fonti attendibili accettate e modifiche corrette cancellate).
    non+autenticato
  • Mi spiace sembrare disfattista, ma mi sembra una PESSIMA idea.
    Se l'editor WYSIWYG sarà simile a quello implementato da anni sulla "cugina" Wikia, c'è da rabbrividire. Ogni volta che edito (anche per modifiche minime) una pagina su Wikia la prima cosa che faccio è passare dall'editor WYSIWYG a quello standard... quello WYSIWYG, oltre a generare markup leggermente "sporco" in generale, talvolta gli ho visto combinare dei veri e propri "arrosti" disastrando l'intera pagina... senza contare il fatto che se vai a modificare un link pre-esistente, ti modifica soltanto il testo visualizzato e non il link vero e proprio... insomma è una tragedia.

    Spero tanto che quello che metteranno su Wikipedia sia (molto) migliore, oppure che ritornino sui loro passi...
    non+autenticato
  • Non mi piace questa cosa del WYSWYG.

    Un tasto di anteprima assolverebbe alla medesima funzione, ma lasciando all'utente il pieno controllo e la piena consapevolezza dei codici che sta usando per formattare il testo.

    Il WYSWYG serve solo a togliere all'utente questa consapevolezza col risultato di avere poi un proliferare di sequenze inutili di codici di formattazione, dimenticati semplicemente perche' non si vedono.

    Sono anni che la wiki funziona, e la gente riesce a scriverci senza alcun problema.
  • - Scritto da: panda rossa
    > Non mi piace questa cosa del WYSWYG.
    >
    > Un tasto di anteprima assolverebbe alla medesima
    > funzione, ma lasciando all'utente il pieno
    > controllo e la piena consapevolezza dei codici
    > che sta usando per formattare il
    > testo.
    >
    > Il WYSWYG serve solo a togliere all'utente questa
    > consapevolezza col risultato di avere poi un
    > proliferare di sequenze inutili di codici di
    > formattazione, dimenticati semplicemente perche'
    > non si
    > vedono.
    >
    > Sono anni che la wiki funziona, e la gente riesce
    > a scriverci senza alcun
    > problema.
    tendenzialmente sono d'accordo con te ("squadra che funziona non si cambia" & "keep it simple, stupid"). Ma attendo di vedere i risultati finali.
    L'editor "canonico" cmq rimane (ed e' cosa buona)
    non+autenticato