Microsoft, la UE ora cerca i produttori

Le autorità antitrust dell'Unione hanno iniziato a contattare le imprese dell'hardware per conoscere quali fossero i loro rapporti con il big di Redmond

Bruxelles - Dopo anni di analisi del ruolo di mercato di Microsoft all'interno dell'Unione Europea e dopo la conclusione del lungo processo antitrust subìto dall'azienda negli Stati Uniti, la Commissione europea ha deciso di doversi solo ora informare di quali siano stati i rapporti tra Microsoft e i produttori di hardware.

A questo fine le autorità comunitarie hanno contattato una ventina di grossi nomi del settore "per verificare - hanno affermato - se i rapporti con Microsoft non abbiano impedito ai produttori di avvantaggiarsi di tutte le tecnologie che avrebbero potuto impiegare". Si tratta di un modo educato di raccontare un sospetto: quello secondo cui Microsoft avrebbe potuto determinare con proprie pressioni i comportamenti dei produttori rispetto al software di terze parti, un'accusa più volte emersa nel corso del procedimento americano.

Anche per questo la Commissione si è affrettata a spiegare che si tratta soltanto di una richiesta di informazioni tesa a completare il quadro delle notizie che riguardano la posizione sul mercato del big di Redmond, che da un paio d'anni è stato posto sotto i raggi X delle autorità europee. "Il fatto di chiedere informazioni - hanno quindi spiegato - non significa niente altro" e non implica alcun presupposto di colpevolezza per l'azienda di Bill Gates.
Come si ricorderà, nei giorni scorsi Microsoft ha presentato alla Commissione tutta la documentazione richiesta per giungere ad una conclusione della lunga indagine condotta sull'azienda. Nelle prossime settimane, inoltre, Microsoft sarà ascoltata un'ultima volta, dopodiché inizierà l'attesa per conoscere le decisioni dell'antitrust europeo.
TAG: mercato
49 Commenti alla Notizia Microsoft, la UE ora cerca i produttori
Ordina
  • MS verra' prosciolta o ricevera' una multa per lei trascurabile ... esattamente come gia' successo negli USA !!!

    Triste
    non+autenticato
  • Non esistono solo il potere economico e politico asserviti agli USA, in più i muovimenti di opinione sono più potenti in Europa che negli stati uniti.
    Non è detta l'ultima parola.
    non+autenticato
  • mmm... bill gates ha troppi soldi .... mi viene in mente una frase..

    "la legge non è uguale per tutti"

    Purtroppo
  • Seee, esattamente come la fusione General Electrics - Honeywell, approvata in USA ma bloccata dall' EU. Non si è più fatta.
    non+autenticato
  • Sono abbastanza vecchiotto da aver visto nascere, quando già studiavo economia all'università, il boom informatico. Ho visto l'ascesa di aziende quali apple, microsoft, novell, mcafee, cisco, tanto per fare nomi, il fenomeno linux nascere e svilupparsi, ed anche alcuni crolli o cambi di direzione.
    Pur non essendo un "linaro" ne un "winaro", ma utente di entrambi con ovvia preferenza per il software libero (idealmente è un concetto molto interessante) devo ammettere che le migliori politiche di marketing, anche se spesso impopolari ed arroganti, sono state messe in campo dall'MS dello zio Bill che avrà pure dei pelacci di un metro sullo stomaco ma soldi, potere e gloria li ha ottenuti, eccome.
    E puntualmente sfrutta quella che è diventata un'esigenza sentita ed approvata da tutti dopo il 9/11, ossia la sicurezza, per proporre la sua versione del grande fratello.
    La gente, soprattutto gli americani, si è tappata il naso sull'invasione dell'IRAQ e non ha contestato l'amministrazione Bush solo perchè questa azione è stata promossa con deboli appigli sotto la bandiera della lotta al terrorismo islamico.
    Ora - ecco il nesso - lo zio Bill ci porpone questa sua versione del grande fratello sotto la bandiera dell'identificabilità in rete che piace tanto alla RIAA per un fatto di interesse ma sicuramente anche alla CIA (tanto per fare rima) ossia - in generale - al controllo globale e dunque alla limitazione della nostra libertà individuale che - volenti o nolenti - è crollata assieme alle 2 torri.
    Naturalmente la Microsoft lo fa per denaro perchè questo sistema impone il suo SO così come in passato MS Office nel nome della interscambiabilità dei documenti via dischetto e poi via e-mail ha di fatto decretato il monopolio di questa suite e del sistema operativo su cui gira Fan Windows.
    Ora che le altre piattaforme si rendono compatibili per facilitare il travaso di utenze, c'era da pensare ad un altro "catalizzatore", ed eccoci qui.
    Insomma tanto di cappello a Bill Gates ed il suo staff per sapere sfruttare i parametri ambientali a proprio favore ed un velo di tristezza perchè ognuno di questi progetti ci toglie un pezzo di libertà. Sempre che la vogliamo, naturalmente.

    LPS
    non+autenticato
  • ... finirà come è finita negli stati uniti... M$ COMPRERA' con un pò di 'soldini' la sua innocenza, l'europa si vedrà arrivare una bella barcata di danaro e tutti saranno felici e utonti...
    non+autenticato
  • Perche' la Commissione ha dovuto giustificarsi spiegando le ragioni per le quali si e' rivolta ai produttori?

    Da quando in qua una commissione d'inchiesta deve fornire giustificazioni sul suo operato?

    Questo semplice fatto lascia gia' presagire con quanta imparzialita' verra' emesso il giudizio finale.

    Ciao

  • > Da quando in qua una commissione d'inchiesta
    > deve fornire giustificazioni sul suo
    > operato?

    Da quando sa che, visto che si tratta di MS, non mettendo le cose in chiaro, il giorno dopo sarebbero usciti sui siti miliardi di notizie con titolo più o meno "a riprova della colpevolezza di MS, la commessione chiede conferma ai produttori hardware delle pressioni subite"....

    Già il fatto che stia chiedendo conferma ai produttori denota imparzialità, altrimenti semplicemente non l'avrebbe fatto...

    bye
    .NET

    P.S.: non è il caso kennedy, è un processo sull'antitrust... smettiamola di vedere macchinazioni dappertutto...


    net
    193
  • Ma almeno hai capito qual'è la questione in gioco?
    Non è odiare M$ o meno, ma essere obbligati a usarlo o meno.

    Spero che ora sia chiaro per quale motivo gli animi DEVONO essere agitati. Non sarà il caso Kennedi, ma importante lo è di certo

    Ciao

  • - Scritto da: net
    >
    > > Da quando in qua una commissione
    > d'inchiesta
    > > deve fornire giustificazioni sul suo
    > > operato?
    >
    > Da quando sa che, visto che si tratta di MS,
    > non mettendo le cose in chiaro, il giorno
    > dopo sarebbero usciti sui siti miliardi di
    > notizie con titolo più o meno "a riprova
    > della colpevolezza di MS, la commessione
    > chiede conferma ai produttori hardware delle
    > pressioni subite"....
    >
    Non sono affatto d'accordo: scopo della Commissione e' indagare su fatti, non fare PR.

    Questo concetto della giustizia che diventa immediatamente persecutoria appena cerca di indagare mi sembra del tutto strumentale, anche se in Italia in questi ultimi anni e' stato prepotentemente propagandato da alcuni esponenti di una classe politica che non vogliono pagare per i loro reati.

    > Già il fatto che stia chiedendo conferma ai
    > produttori denota imparzialità, altrimenti
    > semplicemente non l'avrebbe fatto...
    >
    Su questo potresti avere ragione, speriamo!

    > bye
    > .NET
    >
    > P.S.: non è il caso kennedy, è un processo
    > sull'antitrust... smettiamola di vedere
    > macchinazioni dappertutto...
    >
    >

    Non si tratta di vedere macchinazioni: nella sostanza finora MS e' sistematicamente riuscita a continuare con le sue politiche anticoncorrenziali nonostante le varie sentenze dei tribunali americani.

    Questo fa ben sperare che finira' a tarallucci e vino anche qui in Europa, con tanto di placet della Commissione!

    Ciao

  • > Questo concetto della giustizia che diventa
    > immediatamente persecutoria appena cerca di
    > indagare mi sembra del tutto strumentale,

    Che purtroppo, come sottolinei te, è molte volte fonte di discordia. Secondo me ha fatto bene a giustificarsi (piu che giustificarsi, comunque, userei a "spiegare il proprio operato", visto che è una commissione ed è giusto che spieghi per filo e per segno che cosa fa...) visto quello che avrebbero potuto ricamarci su i giornali!
    E ti assicuro, io sono stato testimone di fatti che sono poi finiti sui quotidiani: non ho riconosciuto almeno il 90 per cento di quello che era scritto!

    > Su questo potresti avere ragione, speriamo!

    Sperem davveroSorride

    > Questo fa ben sperare che finira' a
    > tarallucci e vino anche qui in Europa, con
    > tanto di placet della Commissione!

    Beh non resta che vedere...
    Poi la mia opinione sulle accuse antitrust è un po complicata, e se te la scrivessi qui probabilmente scatenerei il peggior flame di PI, quindi evitoSorride

    bye
    .NET

    net
    193
  • basta indagare svogliatamente e magari leggersi:
    Il rapporto microsoft - garzanti
    per accorgersi che la politica della microsoft e' improntata sulle truffe (riconosciute e punite solo dopo che la concorrenza e' stata distrutta), ricatti, sistematico abuso della posizione dominante ottenuta illegalmente (non e' una mia opinione ma ripeto sono fatti documentati ). In us il governo consenziente e le lobby hanno sempre protetto m$ ma la storia insegna che un predominio conquistato in questo modo e' destinato a crollare. Non credo ci sia nemmeno bisogno dell'antitrust , sara' lo stesso mercato a spazzare via m$ o a ridimensionarne di molto l'influenza.


       
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > ma la storia
    > insegna che un predominio conquistato in
    > questo modo e' destinato a crollare. Non
    > credo ci sia nemmeno bisogno dell'antitrust
    > , sara' lo stesso mercato a spazzare via m$
    > o a ridimensionarne di molto l'influenza.

    ...e poi c'era la marmotta che faceva il cioccolato e Jeeg Robot d'accaio che ci protegge a tutti...

    ...mi sa che hai visto troppi film...americani....
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)