Mauro Vecchio

Pandora e il trucco della radio FM

Il popolare servizio di raccomandazione musicale acquista una piccola emittente radiofonica per contrastare le presunte pratiche discriminanti adottate dalla collecting society ASCAP nelle licenze tra radio online e offline

Roma - Con più di 70 milioni di ascoltatori, le stazioni radiofoniche di Pandora sono tra le più popolari sul mercato statunitense. Il servizio di raccomandazione musicale ha ora annunciato l'acquisizione di KXMZ-FM, un piccolo broadcaster che trasmette da Rapid City, nello stato del South Dakota. Non un colosso tra le emittenti radiofoniche, con una audience di circa 100mila utenti sintonizzati nei periodi di massimo volume d'ascolto.

Apparentemente a sorpresa, la mossa di Pandora non avrebbe alcun senso, per lo scarso appeal della stazione KXMZ-FM - al 255esimo posto sul mercato statunitense secondo Arbitron - ma anche all'interno di un territorio, appunto la radiofonia tradizionale, che non verrà certo esplorato ulteriormente dai vertici della stessa web-radio californiana. L'acquisizione delle trasmissioni da Rapid City assume invece una grande rilevanza strategica per questioni legate alle royalty nel settore digitale.

Come annunciato dal general counsel Christopher Harrison, Pandora ha intenzione di depositare il testo di una mozione contro l'American Society of Composers, Authors and Publishers (ASCAP), una tra le principali collecting society in terra statunitense. Pandora ha infatti accusato ASCAP di pratiche discriminanti in violazione delle regole antitrust nella concessione dei diritti di licensing per la trasmissione di opere musicali dalle stazioni radiofoniche tradizionali e online.
In sostanza, la collecting society a stelle e strisce avrebbe previsto dei tassi di licenza più bassi per quelle stazioni online gestite da proprietari di emittenti ordinarie, come Clear Channel e la sua iHeartRadio. In aggiunta, ASCAP avrebbe ritirato determinati cataloghi musicali dai contenuti licenziati su Pandora, evitando di rivelarli alla stessa Pandora che potrebbe così ritrovarsi nelle più pericolose acque della violazione del diritto d'autore.

Con l'acquisizione di una stazione radiofonica - una qualsiasi, ecco perché la piccola e poco seguita KXMZ-FM - Pandora potrà godere della specifica licenza rilasciata dalla Radio Music Licensing Committee (RMLC), dunque approfittando dei tassi di royalty più bassi per le emittenti FM piuttosto che quelle esclusivamente digitali. Il testo della mozione presentata da Pandora alla corte distrettuale californiana sarà presto reso pubblico.

Mauro Vecchio
Notizie collegate