Alfonso Maruccia

ESA firma per ExoMars

L'agenzia spaziale europea appronta la futura missione verso il Pianeta Rosso assegnando l'ultimo contratto. Le due missioni parleranno italiano, e partiranno nel 2016 e nel 2018

Roma - La European Space Agency (ESA) firma l'ultimo contratto di fornitura per le due missioni ExoMars, un passo importante che dovrebbe garantire il rispetto dei tempi fissati dall'agenzia per il lancio previsto in due fasi nel 2016 e nel 2018.


Dopo il recente riallineamento degli obiettivi con l'uscita di NASA e l'entrata di Roscosmos nella gestione delle operazioni, ExoMars è ora un progetto che parla italiano grazie al coinvolgimento di Thales Alenia Space: la società franco-italiana si è assicurata i 230 milioni di euro dei finanziamenti di ESA per lo sviluppo delle tecnologie da impiegare su rover, orbiter e strumentazioni che verranno inviati alla volta di Marte da qui a tre anni.

La missione del 2016 include il lancio di un Trace Gas Orbiter per l'individuazione di metano e altri gas che potrebbero indicare l'esistenza di forme di vita organiche nel passato del pianeta, e un modulo dimostrativo (Entry, Descent and Landing Demonstrator Module) per testare la capacità di far atterrare un rover sulla superficie marziana.
Il rover vero e proprio dovrebbe poi partire per Marte nel 2018, con il compito di analisi chimica e caccia di segni "esobiologici" speculare a quello di Curiosity (NASA) ma con in più la capacità di bucare il suolo fino a raggiungere una profondità di 2 metri e prelevare campioni "protetti" dalle proibitive condizioni dell'atmosfera marziana.

Per una missione spaziale europea a cui viene garantito il futuro economico, un'altra giunge nella sua fase finale e viene abbandonata al proprio destino: il telescopio spaziale Herschel ha esaurito il carburante a elio liquido necessario al suo funzionamento, motivo per cui gli ingegneri di ESA hanno fornito il comando di "fine missione" posizionandolo in un'orbita "sicura" e di parcheggio (perenne) intorno al Sole.

Alfonso Maruccia

Notizie collegate
  • TecnologiaExoMars, affare russo-europeoLa futura missione di esplorazione marziana perde pezzi ma va avanti: NASA si defila, mentre Roscosmos ed ESA si dividono equamente le responsabilitÓ. ESA pensa poi al crowdsourcing per meglio simulare le manovre nello spazio