Luca Annunziata

La farfalla di HTC

All'ammiraglia One si unisce un dispositivo più grande e più potente. Il nuovo HTC Butterfly S basterà a far rinascere la crisalide taiwanese?

Roma - I problemi economici di HTC non sono mai stati legati alle capacità dei suoi dispositivi: il One, fino a oggi ammiraglia dell'offerta taiwanese e disponibile anche in versione Nexus, è un dispositivo molto ben giudicato da utenti e addetti ai lavori. E il nuovo Butterfly S diventerà presto l'oggetto del desiderio di parecchi.

HTC Butterfly SLe specifiche tecniche. Lo schermo cresce fino a 5 pollici (risoluzoine 1920x1080, 441ppi), il processore Snapdragon 600 quad-core guadagna 200MHz fino a toccare 1,9GHz di frequenza, ci sono a bordo 2GB di RAM e 16GB di storage (con slot microSD). Naturalmente non mancano connettività 3G, WiFi, NFC e Bluetooth 4. Anche la batteria cresce, fino a 3.200MAh. La fotocamera resta invece identica a quella del One, quindi con tecnologia UltraPixel per maggiore qualità dell'immagine e software Zoe per scattare: in più c'è un sensore da 2,1 megapixel sul frontale per le videochiamate. Il sistema operativo montato è Jelly Bean 4.2.2. A tutti gli effetti, il Butterfly S è una fuoriserie.

Non si conoscono ancora tempi e prezzi di vendita per i mercati occidentali. Per ora l'unica data certa riguarda la commercializzazione a Taipei a luglio, con prezzo pari a 22.900 dollari di Taiwan: appena meno di 600 euro. Per non lasciar sguarnita la fascia bassa del mercato, HTC ha annunciato anche il nuovo Desire 200: non ci sono indicazioni precise sul prezzo, ma il processore Snapdragon S1 e 512MB di RAM dietro uno schermo 3,5 pollici lasciano intendere che sarà decisamente più economico del Butterfly. (L.A.)
fonte immagine