Mauro Vecchio

Instagram, i 15 secondi del video sharing

L'applicazione controllata da Facebook offre la possibilità di condividere brevi filmati personali, dalla durata più che doppia rispetto a quella dei micro-video su Vine

Roma - Un quarto di minuto potrebbe rivoluzionare l'intero mercato legato alla condivisione dei video online, dopo lo scossone assestato dal gigante Facebook con la sua piattaforma di photo sharing Instagram. Tra i co-fondatori della popolare applicazione social, Kevin Systrom ha annunciato il lancio della funzione video on Instagram, per la diffusione di brevi filmati personali tra i sistemi operativi iOS e Android.

"Quello che abbiamo fatto per le foto sarà valido anche per i video", ha sinteticamente spiegato Systrom sul blog ufficiale del servizio. Gli utenti legati alla piattaforma di San Francisco - 130 milioni attivi ogni mese, almeno secondo i dati snocciolati da Instagram - potranno sfruttare uno specifico pulsante videocamera per registrare e condividere filmati dalla durata non superiore ai 15 secondi.


Al di là della fragilità temporale della fama warholiana, il limite imposto da Instagram ricorda da vicino quello su Vine, l'applicazione scelta da Twitter per la condivisione di micro-video di appena 6 secondi. Ad un primo confronto tra i due servizi, Instagram ha previsto un pacchetto di 13 filtri per ottenere gli stessi effetti visivi delle fotografie, con la possibilità di eliminare l'ultima clip realizzata.
In aggiunta, la funzione video on Instagram permetterà ai suoi utenti di stabilizzare le immagini, mentre Vine avrà dalla sua la capacità di embeddare i video all'interno di blog e siti web. A livello squisitamente social, i filmati di Instagram saranno condivisibili su un numero maggiore di piattaforme terze, da Facebook (ovviamente) a Twitter, Tumblr, Flickr e Foursquare.

C'è chi ha comunque sottolineato come gli utenti fedeli a Vine (Twitter) resteranno ancorati all'applicazione, mentre verso video on Instagram saranno dirottati tutti quelli che già si divertono a fotografare cibi, piedi e piccoli animali domestici. Per adesso, la strategia di Instagram sembra poco aggressiva, dal momento che nessun messaggio pubblicitario verrà introdotto nella nuova funzione di video sharing.

Eppure, con 16 miliardi di contenuti condivisi ad oggi, la piattaforma di Facebook fa gola ai signori del marketing e della pubblicità, che certo avranno notato gli ultimi dati pubblicati dalla società d'analisi eMarketer: la pubblicità legata ai video online attirerà una spesa complessiva di 4 miliardi di dollari alla fine di quest'anno, pronta a salire fino a 9 miliardi entro il 2017.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • Digital LifeWebTheatre/ Vine, regno del montaggiodi G. Niola - La brevità è d'obbligo, la brevità è complessa. Vine esige competenze e interessi che non sono da tutti, e insegna il video incoraggiando a lavorare sul montaggio e sui trucchi à la Méliès
  • AttualitàSei secondi sono troppi per PrinceLa sua etichetta chiede la rimozione di un pugno di frammenti postati su Vine, la piattaforma per la condivisione di microvideo di Twitter. Sono attimi di un'esibizione durata ore
  • BusinessFacebook completa un trimestre mobileCrescono gli accessi e i guadagni frutto degli utenti attivi ogni mese da smartphone e tablet. I profitti sono bassi: ma Zuckerberg è ottimista e scommette sul futuro
2 Commenti alla Notizia Instagram, i 15 secondi del video sharing
Ordina
  • Un'altra cavolata ridicola che non serve a niente. Se uno vuole imporsi filmati brevi lo può fare anche su YouTube, filtri, stabilizzazione, conversione 3D sono presenti anche li. Per quanto mi riguarda instagram, Twitter, Facebook e simili tra qualche hanno saranno morti, ci si adeguerà a G+, che consente di fare tutto in un unica piattaforma con un unico account su tutti di dispositivi.
    non+autenticato
  • Bha... con instagram sono in giro e se sto sbronzo e voglio fare un video a una cagna che sbratta davanti a me e condividerlo con il mondo tiro fuori il cellulare , apro instagram , spingo e lo pubblico in 3 minuti.

    Con youtube non è proprio la stessa cosaSorride

    Mi piacerebbe capire chi si adeguerà a G+ , la piattaforma social al momento piu morta del pianera
    non+autenticato