Oracle e Red Hat ottimizzano Linux

Oracle certifica la propria famiglia di database per Red Hat Enterprise Linux 3, piattaforma in cui ha integrato una serie di funzionalità volte a ottimizzare le prestazioni e l'affidabilità

Francoforte (Germania) - In questi ultimi anni Oracle ha investito molto sull'integrazione dei propri prodotti con Linux, una strategia che l'ha dapprima portata a varare la nota iniziativa Unbreakable Linux e poi a costituire, pochi mesi fa, una divisione autonoma per lo sviluppo e la promozione di applicazioni open source.

L'ultimo passo di questa decisa avanzata di Oracle sul mercato di Linux si è tradotta nella certificazione dell'Oracle Database sul giovane Red Hat Enterprise Linux 3 (RHEL 3) e nel varo del relativo servizio di assistenza tecnica.

Oracle afferma di aver collaborato a stretto contatto con Red Hat per definire le funzioni e i miglioramenti da introdurre in RHEL 3 al fine di garantire livelli maggiori di scalabilità, prestazioni e facilità di gestione degli ambienti Oracle: questo si è tradotto, fra le altre cose, nell'integrazione in questa piattaforma di oltre 50 nuove funzioni specifiche per l'ottimizzazione degli ambienti Oracle e Linux.
"Oracle ha dimostrato un forte impegno nei confronti della piattaforma Linux, stabilendo con la nostra società una partnership strategica finalizzata alla definizione congiunta di nuove funzionalità per migliorare le implementazioni Oracle", ha dichiarato Brian Stevens, Vice President, Operating System Development di Red Hat.

Oracle ha spiegato che il lavoro svolto insieme a Red Hat ha permesso di integrare in RHEL 3 funzionalità volte a migliorare soprattutto il multi-threading, i sistemi di virtual memory e l'I/O. Fra le nuove caratteristiche implementate nella piattaforma di Red Hat, il gigante dei database ha citato lo spazio di indirizzamento del kernel, portato da 1 a quasi 4 GB, caratteristica che secondo Oracle è destinata ad avere un impatto significativo sul numero di utenti supportabili da parte delle installazioni di grandi dimensioni.

"Con il rilascio di Red Hat Enterprise Linux 3 - si legge in un comunicato di Oracle - i nostri clienti beneficeranno di superiori livelli di scalabilità e supporto dei sistemi dotati di un massimo di 64 GB di memoria, un incremento più che doppio rispetto a Red Hat Enterprise Linux AS 2.1 utilizzato in congiunzione con le applicazioni Oracle".

L'obiettivo di Oracle e Red Hat è quello di offrire alle aziende una soluzione integrata per la creazione di ambienti mission-critical che, pur a costi convenienti, garantisca un alto livello di affidabilità, sicurezza e prestazioni. In merito a quest'ultimo fattore, le prestazioni, Oracle ha ricordato i record fatti misurare da sistemi Linux su cui girava il proprio database in alcuni benchmark TPC e SpecJAppServer.

L'assistenza tecnica che Oracle fornirà ai clienti di Red Hat per i propri prodotti si avvarrà della stessa rete capillare che l'azienda ha già messo a disposizione per UnitedLinux.

"Grazie a questa esclusiva proposta di assistenza, i nostri clienti beneficiano non soltanto di un unico punto di contatto per il supporto Linux, ma anche di un unico punto di contatto per la risoluzione dei problemi", ha spiegato Dargo. "Offrendo supporto a livello di codice per Red Hat e UnitedLinux siamo in grado di assicurare ai nostri clienti globali tempi più ridotti per la risoluzione dei problemi attraverso soluzioni standardizzate e omogenee, accrescendo in questo modo la customer satisfaction".
33 Commenti alla Notizia Oracle e Red Hat ottimizzano Linux
Ordina
  • posso distribuirlo gratuitamente ai miei amici o per tutta
    internet ?Sorride
  • Son sincero e non voglio trollare.. Non ho avuto ancora modo di leggere il licensing..
    opazz
    8666
  • io credo che se compri una RH enterprise e la metti
    su internet quelli del cappello rosso ti fanno il culo a striscieSorride
    non+autenticato
  • Hanno un reparto "speciale" capitanato da Rocco Siffredi, vengono aizzati contro gli individui che ledono il loro business.
    Mi sono spiegato........:|
    non+autenticato
  • From http://otn.oracle.com/deploy/security/pdf/2003aler...

    [...] malicious and unauthenticated user can potentially inject a SQL script through a URL in order to gain unauthorized access to user data in Oracle9i Application Server.

    Unbreakable ? BwahahahahahahSorride Sorride Sorride
    non+autenticato
  • sql slammer o sqlsnake...

    resteranno sempre i migliori.
    Niente è unbreakable... io non lo comprei mai un software con questo nome .... vedi la ex pubblicità di windows 2000 quando uscì...

    Ciao
  • Ho visto qualcuno lamentarsi dell'interruzione del supporto alle varie versioni di redhat linux, beh il fatto è che redhat linux non esiste +.
    D'ora in poi redhat svilupperà e offrirà supporto ai soli sistemi enterprise, tuttavia a dato il via al progetto fedora che di fatto sarà il sucessore dell'attuale redhat linux e in+ sarà un progetto completamente libero e comunitario(sullo stile di Debian)
    Beh a me sembra un'ottima politica, quelli di redhat hanno visto che con la versione libera non si guadagna e hanno deciso di abbandonarla, ma nonostante tutto hanno lasciato una versione libera del loro prodotto a chi ci vuole smanettare sopra(ovviamente le migliorie prodotte dal progetto fedora verrano integrate in RHEL)

  • - Scritto da: pikappa
    > Ho visto qualcuno lamentarsi
    > dell'interruzione del supporto alle varie
    > versioni di redhat linux, beh il fatto è che
    > redhat linux non esiste +.
    > D'ora in poi redhat svilupperà e offrirà
    > supporto ai soli sistemi enterprise,
    > tuttavia a dato il via al progetto fedora
    > che di fatto sarà il sucessore dell'attuale
    > redhat linux e in+ sarà un progetto
    > completamente libero e comunitario(sullo
    > stile di Debian)
    > Beh a me sembra un'ottima politica, quelli
    > di redhat hanno visto che con la versione
    > libera non si guadagna e hanno deciso di
    > abbandonarla, ma nonostante tutto hanno
    > lasciato una versione libera del loro
    > prodotto a chi ci vuole smanettare
    > sopra(ovviamente le migliorie prodotte dal
    > progetto fedora verrano integrate in RHEL)

    sottolineerei anche il fatto che Red Hat sponsorizza Fedora (in altre parole: caccia i soldi). IMHO questa é la strada giusta per un'azienda che basa il proprio business su Linux: sostenere (anche finanziariamente) un progetto open e libero per tutti e poi venderne una versione più stabile e sicura, con incluso il supporto, al mondo enterprise.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: pikappa
    > > D'ora in poi redhat svilupperà e offrirà
    > > supporto ai soli sistemi enterprise,
    > > tuttavia a dato il via al progetto fedora
    > > che di fatto sarà il sucessore
    > dell'attuale
    > > redhat linux e in+ sarà un progetto
    > > completamente libero e comunitario(sullo
    > > stile di Debian)
    > sottolineerei anche il fatto che Red Hat
    > sponsorizza Fedora (in altre parole: caccia
    > i soldi).
    Non solo 'caccia i soldi', ma fornisce ancora una cosa fondamentale: il QA (Quality Assurance - Controllo di Qualità). La versione finale di Fedora Core 1 è stata ritardata (di almeno una settimana) proprio a causa di un problema rilevato dal reparto QA.
  • Francamente trovo la politica di Red AHt sconcertante. Se voglio usare prodotti Oracle su Linux sono costretto ad avere Linux Red Hat Advanced Server !!! Cosa ? ma allora se non posso scegliermi la distro linux che liberta' e' ? tanto vale avere WIndows senza contare che l'installazione dei prodotti Oracle su piattaforma Linux e' da spararsi nei coglioni, ma la scelta Linux sarebbe comunque dettata da altri fattori

    Se questo e' il futuro dei prodotti commerciali su Linux la strada tracciata da Red hat e Oracle mi convince poco.

    Fatemi sapere i vostri pareri
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Francamente trovo la politica di Red AHt
    > sconcertante. Se voglio usare prodotti
    > Oracle su Linux sono costretto ad avere
    > Linux Red Hat Advanced Server !!! Cosa ? ma
    > allora se non posso scegliermi la distro
    > linux che liberta' e' ? tanto vale avere
    > WIndows senza contare che l'installazione
    > dei prodotti Oracle su piattaforma Linux e'
    > da spararsi nei coglioni, ma la scelta Linux
    > sarebbe comunque dettata da altri fattori
    Non è che devi per forza usare rh, se vuoi oracle te lo installi pure su slack, resta il fatto che poi giustamente ti scordi il supporto tecnico, loro ti certificano il fatto che oracle gira su redhat linux, dunque se tu lo metti su un'altra e ti da problemi loro non ci fanno nulla perchè su quella non è testata.
    > Se questo e' il futuro dei prodotti
    > commerciali su Linux la strada tracciata da
    > Red hat e Oracle mi convince poco.
    Il fatto è che il cliente vuole dei punti di riferimento, e per convincerlo si usano queste certificazioni
    > Fatemi sapere i vostri pareri
    Il mio parere è che si tratti di un normale accordo tra due aziende per l'interoperabilità dei loro prodotti

  • - Scritto da: pikappa
    > > Fatemi sapere i vostri pareri
    > Il mio parere è che si tratti di un normale
    > accordo tra due aziende per
    > l'interoperabilità dei loro prodotti
    Aggiungerei anche che uno sforzo di Oracle nella compatibilità con RedHat Linux aumenterà sicuramente anche la compatibilità con Linux in generale

  • - Scritto da: paulatz
    >
    > - Scritto da: pikappa
    > > > Fatemi sapere i vostri pareri
    > > Il mio parere è che si tratti di un
    > normale
    > > accordo tra due aziende per
    > > l'interoperabilità dei loro prodotti
    > Aggiungerei anche che uno sforzo di Oracle
    > nella compatibilità con RedHat Linux
    > aumenterà sicuramente anche la compatibilità
    > con Linux in generale

    ... fin che Oracle non certifica non si installa..... a meno che tu voglia spendere decine di migliai di Euro per un DB senza assistenza.....

    non+autenticato


  • - Scritto da: paulatz
    > http://punto-informatico.it/p.asp?i=45505

    è il link giusto?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Francamente trovo la politica di Red AHt
    > sconcertante. Se voglio usare prodotti
    > Oracle su Linux sono costretto ad avere
    > Linux Red Hat Advanced Server !!! Cosa ? ma
    > allora se non posso scegliermi la distro
    > linux che liberta' e' ? tanto vale avere
    > WIndows senza contare che l'installazione
    > dei prodotti Oracle su piattaforma Linux e'
    > da spararsi nei coglioni, ma la scelta Linux
    > sarebbe comunque dettata da altri fattori

    Un conto sono le distro gratis buone per giocherellare un altro conto sono quelle ufficialmente supportate in ambito professionale.
    In campo professionale Linux è a (forte) pagamento: così è sempre stato e così sarà (vedi SUSE e Red Hat).
    Chi ancora non l'ha capito (Mandrake) purtroppo è destinato a soccombere...

    BTW Windows Server 2003 costa mooltoo meno di Red Hat Advanced Server...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Francamente trovo la politica di Red AHt
    > > sconcertante. Se voglio usare prodotti
    > > Oracle su Linux sono costretto ad avere
    > > Linux Red Hat Advanced Server !!! Cosa ?
    > ma
    > > allora se non posso scegliermi la distro
    > > linux che liberta' e' ? tanto vale avere
    > > WIndows senza contare che l'installazione
    > > dei prodotti Oracle su piattaforma Linux
    > e'
    > > da spararsi nei coglioni, ma la scelta
    > Linux
    > > sarebbe comunque dettata da altri fattori
    >
    > Un conto sono le distro gratis buone per
    > giocherellare un altro conto sono quelle
    > ufficialmente supportate in ambito
    > professionale.
    > In campo professionale Linux è a (forte)
    > pagamento: così è sempre stato e così sarà
    > (vedi SUSE e Red Hat).
    > Chi ancora non l'ha capito (Mandrake)
    > purtroppo è destinato a soccombere...
    >
    > BTW Windows Server 2003 costa mooltoo meno
    > di Red Hat Advanced Server...
    Dimentichi solo che WS2003 ha una licenza per 1server(che varia a seconda delle cpu, almeno il 2k era così) e tot client
    RHAS non ha restrizioni
  • - Scritto da: pikappa
    > Dimentichi solo che WS2003 ha una licenza
    > per 1server(che varia a seconda delle cpu,
    > almeno il 2k era così) e tot client
    > RHAS non ha restrizioni
    Dimentichi che anche Red Hat Enterprise Linux ha una licenza per 1 server e varia a seconda delle cpu (le versioni WS, ES ed AS si differenziano proprio per il tipo ed il numero di cpu).
    Dimentichi pure che Windows Server 2003 non paga licenze client per uso web ed application server (Oracle su Linux sì e pure molto molto salate)...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > - Scritto da: pikappa
    > > Dimentichi solo che WS2003 ha una licenza
    > > per 1server(che varia a seconda delle cpu,
    > > almeno il 2k era così) e tot client
    > > RHAS non ha restrizioni
    > Dimentichi che anche Red Hat Enterprise
    > Linux ha una licenza per 1 server e varia a
    > seconda delle cpu (le versioni WS, ES ed AS
    > si differenziano proprio per il tipo ed il
    > numero di cpu).
    Mah sul sito di redhat non si parla di queste cose, non si specifica neppure di licenze client ne di licenze per singolo server, quello che si paga è il supporto per postazione
    > Dimentichi pure che Windows Server 2003 non
    > paga licenze client per uso web ed
    > application server (Oracle su Linux sì e
    > pure molto molto salate)...
    Neppure RH paga licenze client, se Oracle fa pagare licenze web e application server su linux lo farà pure su WS2003
  • >Red Hat Linux 7.1 (Seawolf) 31 Dicembre 2003
    >Red Hat Linux 7.2 (Enigma) 31 Dicembre 2003
    >Red Hat Linux 7.3 (Valhalla) 31 Dicembre 2003
    >Red Hat Linux 8.0 (Psyche) 31 Dicembre 2003
    >Red Hat Linux 9 (Shrike) 30 Aprile 2004


    e questi sarebbero gente seria?
    non+autenticato


  • > >Red Hat Linux 9 (Shrike) 30 Aprile 2004

    Giusto per capire ... la versione 9 quando è uscita?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    >
    > > >Red Hat Linux 9 (Shrike) 30 Aprile 2004
    >
    > Giusto per capire ... la versione 9 quando è
    > uscita?
    ..a primavera 2003...
    (come fai a questo punto ad offrire RH come alternativa solida e low-cost ai clienti?)
    non+autenticato

  • > quando è
    > > uscita?
    > ..a primavera 2003...
    > (come fai a questo punto ad offrire RH come
    > alternativa solida e low-cost ai clienti?)

    Però ... sistemi usa e getta....
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > Però ... sistemi usa e getta....

    Più che altro sistemi paga e usa (vedi versioni Advanced Server ed Enterprise che sono giustamente supportate per molti molti anni)...
    non+autenticato


  • - Scritto da: Anonimo
    > >Red Hat Linux 7.1 (Seawolf) 31 Dicembre
    > 2003
    > >Red Hat Linux 7.2 (Enigma) 31 Dicembre 2003
    > >Red Hat Linux 7.3 (Valhalla) 31 Dicembre
    > 2003
    > >Red Hat Linux 8.0 (Psyche) 31 Dicembre 2003
    > >Red Hat Linux 9 (Shrike) 30 Aprile 2004
    >
    >
    > e questi sarebbero gente seria?

    Di serio Red Hat ha veramente poco senza contare che personalmente ritengo la sua distribuzione una tra le peggiori in circolazione
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)