Novell mangia SuSE e brinda con IBM

Per conquistare subito una fetta importante del mercato Linux, Novell metterà nel proprio piatto lo storico nome di SuSE. Già pronta un'alleanza di ferro con IBM, suo nuovo... finanziatore

Novell mangia SuSE e brinda con IBMProvo (USA) - Con una mossa che potrebbe dare un'ulteriore spinta all'adozione di Linux nel settore aziendale e delineare le forze in campo per lo scontro con Windows sul desktop, Novell ha annunciato di essere in trattative per l'acquisizione di SuSE Linux, il più grande distributore al mondo di Linux dopo Red Hat.

Novell prevede di chiudere l'operazione, soggetta all'approvazione degli organi di controllo e al via libera degli azionisti, entro la fine del primo trimestre fiscale (gennaio 2004) per la somma di 210 milioni di dollari.

"Rispondendo alle richieste dei clienti di sistemi di elaborazione standard e aperti, da quattro anni a questa parte Novell si è dedicata a tradurre in realtà la propria visione multipiattaforma, una strategia in cui Linux sta divenendo un componente sempre più importante", ha affermato Jack Messman, chairman e CEO di Novell.
Jack MessmanL'azienda ha anche rivelato che riceverà un investimento di 50 milioni di dollari da IBM, lo stesso colosso con cui Novell sta negoziando l'estensione degli attuali accordi commerciali che lo legano a SuSE.

L'acquisizione del distributore di Norimberga, che segue da vicino quella dello scorso agosto di Ximian, mette alla luce le reali ambizioni coltivate da Novell sul mercato di Linux: diventare il più importante fornitore di soluzioni software, sia server che desktop, per il celebre sistema operativo open source. Un obiettivo che Novell intende raggiungere facendo leva sia sul know-how e sulla posizione di mercato della neo acquisita SuSE, sia sulla propria capillare infrastruttura di vendita e supporto.

Novell sostiene di essere la sola azienda da un miliardo di dollari a possedere una propria distribuzione di Linux e la necessaria infrastruttura di supporto tecnico. Una posizione che, secondo gli analisti, la renderà un'avversaria di Red Hat assai più temibile di quanto lo sia oggi SuSE, e questo soprattutto perché Novell ha la possibilità di promuovere meglio e supportare le soluzioni sviluppate dalla società tedesca oltre i confini europei e, in modo particolare, negli Stati Uniti. In questo Novell può contare su di una rete di accordi commerciali che coinvolgono, oltre a IBM, anche altri giganti del calibro di Oracle, SGI, Fujitsu-Siemens, Dell, Intel, AMD, SAP e HP.

Le risorse di Novell potrebbero diventare importanti anche per spingere un mercato mai decollato, quello dei sistemi Linux desktop, e per affiancare IBM nella battaglia legale contro SCO Group.
170 Commenti alla Notizia Novell mangia SuSE e brinda con IBM
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 18 discussioni)