Alfonso Maruccia

Google gioca con console, smartwatch e una nuova palla Android

I tentativi di Mountain View di infilare Android ovunque proseguono con il presunto sviluppo di una console videoludica, uno smartwatch e un nuovo media player erede di Nexus Q

Roma - Le solite fonti bene informate sui fatti - anonime ma apparentemente interne all'azienda - vogliono Google impegnata nello sviluppo di nuove soluzioni hardware, dispositivi pensati per servire i rispettivi mercati specialistici e che, neanche a dirlo, sono basati sull'onnipresente sistema operativo Android.

Parlando con il Wall Street Journal, le suddette fonti indicano in una console videoludica basata sull'OS mobile la priorità del momento al Googleplex. Dopo la console sarebbero in lavorazione uno smartwatch Android e un nuovo media player, erede di quel Nexus Q sparito dai radar prima ancora del suo debutto commerciale.

L'obiettivo di Google sarebbe esplicito, e consisterebbe nel fare concorrenza ad Apple nei settori nei quali le indiscrezioni danno per scontato l'ingresso di Cupertino in un futuro più o meno prossimo. E se nel caso della console videoludica Apple può già contare sull'esercito di giocatori casual che scaricano app - generalmente gratuite, spalmate di advertising per utenti dai 2 anni in su - da iTunes, per quanto riguarda lo smartwatch il tentativo di anticipo di Mountain View non appare affatto fuori luogo.
I mini-cellulari da polso sono al momento una delle nuove tendenze esplorate dalle stesse aziende che stanno già saturando il mercato degli smartphone, e anche gli storici partner commerciali di Apple come Hon Hai/Foxconn sembrano essere interessati a nuove iniziative in tal senso.

La fabbrica cinese ha già reso chiara l'intenzione di trasformarsi in qualcosa di più di un semplice stabilimento di produzione e assemblaggio per conto terzi, e proprio sul fronte smartwatch ha presentato agli azionisti un gadget da polso compatibile con iPhone via wireless (Bluetooth?) per leggere le chiamate in arrivo, i messaggini di Facebook e controllare i parametri biometrici, inclusi battito cardiaco e frequenza di respirazione.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate