Mauro Vecchio

Wikileaks, la talpa che veniva dal freddo

Julian Assange tradito da un suo uomo di fiducia, il giovane volontario islandese Sigurdur Siggi Thordarson. Per tre mesi, lo studente ha collaborato con l'FBI per la consegna di informazioni sul sito delle soffiate

Roma - Con i capelli biondi e il viso da cherubino, il giovane studente islandese Sigurdur Siggi Thordarson era riuscito a guadagnarsi la fiducia incondizionata del founder di Wikileaks Julian Assange, a capo della chat-room e primo punto di contatto tra il celebre sito delle soffiate e tutti quei volontari, giornalisti, informatori desiderosi di collaborare per la condivisione trasparente di documenti segreti e cablo diplomatici.

Appena 18enne, Siggi Thordarson sembrava più che un volontario di fiducia, quasi un braccio destro del portavoce Assange. Invece, in assoluto silenzio, lo studente islandese ha collaborato per più di tre mesi con i vertici del Federal Bureau of Investigation (FBI), guadagnando circa 5mila dollari per la consegna di varie informazioni cruciali sullo stesso sito delle soffiate digitali.

Dopo un volo a Washington, Thordarson avrebbe consegnato ai federali statunitensi un totale di otto hard drive contenenti log delle chat, filmati e un vasto assortimento di informazioni sulle personalità coinvolte nelle attività di Wikileaks. Una vera e propria talpa degna dei classici film di spionaggio, una figura apparentemente amica per Julian Assange, subito paragonata ai vecchi infiltrati nei gruppi attivisti dell'era Hoover.
"Quando Julian l'ha incontrato per la prima o la seconda volta, io ero lì - ha commentato Birgitta Jonsdottir, attuale deputato pirata al Parlamento islandese - L'ho avvertito sin dal primo giorno, c'era qualcosa che non andava in quel ragazzo e infatti chiesi di non averlo con me nella squadra che lavorò sul progetto Collateral Murder". Attualmente, Thordarson sta affrontando un processo in patria per crimini finanziari legati al fisco.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàSnowden, il soccorso di WikileaksJulian Assange fa le veci di Edward Snowden e alimenta le nuove puntate del Datagate. La vicenda č ora soprattutto diplomatica, e la talpa della sorveglianza globale si sta nascondendo con perizia
  • AttualitàWikileaks, donazioni in picchiataIn caduta libera il volume delle donazioni elargite dagli utenti al sito delle soffiate, dal milione di dollari nel 2010 a meno di 70mila alla fine del 2012. Piovono critiche sul documentario We Steal Secrets
  • AttualitàUSA, le confessioni della talpa di WikileaksL'ex-militare Bradley Manning ammette di aver fornito le informazioni confidenziali al sito delle soffiate dopo aver provato con i grandi quotidiani statunitensi. Ma senza intenzione di aiutare il nemico
8 Commenti alla Notizia Wikileaks, la talpa che veniva dal freddo
Ordina