Gaia Bottà

BBC: due dimensioni bastano

L'emittente britannica sospende le sperimentazioni della programmazione in 3D: la platea dei telespettatori non tollera gli occhialini. E il mercato lo mostra con chiarezza

Roma - Sono costretti ad inforcare gli occhialini, prima di sprofondare in poltrona e godersi lo spettacolo. E devono posizionarsi nella giusta angolazione rispetto allo schermo. Operazioni che le platee britanniche non sono disposte ad affrontare, non per la programmazione televisiva in 3D. Lo hanno rilevato i vertici della BBC, che hanno sospeso la produzione di programmi realizzati per offrire una dimensione in più.


Le sperimentazioni, avviate nel 2011, non hanno mai fatto registrare successi all'altezza delle aspettative: i programmi di intrattenimento hanno catturato l'attenzione di uno sparuto gruppo di spettatori, solo metà degli 1,5 milioni di televisori abilitati, lo scorso anno, ha goduto della manifestazione di apertura della Olimpiadi in tre dimensioni. E se l'emittente di stato britannica ha creduto che lo sport potesse essere uno degli ambiti capaci di richiamare l'attenzione sulla tecnologia 3D a servizio della tv domestica, l'esperienza dell'emittente statunitense specializzata in sport ESPN ha anticipato di poche settimane la decisione della BBC: entrambi i broadcaster hanno dovuto riconoscere che l'interesse dei consumatori non è tale da giustificare gli investimenti nella programmazione in tre dimensioni, non in questa congiuntura.

La motivazione dello scarso interesse del pubblico, sono in molti ad commentare, risiede nel prezzo ancora elevato per l'acquisto di dispositivi autostereoscopici che consentano di godere della televisione 3D a buona qualità, senza doversi organizzare con accessori aggiuntivi che proiettano lo spettatore in un contesto troppo immersivo. "Penso che quando le persone guardano la TV - ha osservato Kim Shillinglaw, a capo delle sperimentazioni sul 3D della BBC - si concentrino in un certo modo. Quando invece le persone vanno al cinema, sono abituate a dedicarsi solo alla visione". I display 3D che richiedono l'uso di occhialini, se al cinema possono suscitare una certa attrattiva, non appaiono infatti un buon compromesso per coloro che vogliano semplicemente guardare la TV, azione casuale per eccellenza, magari compiuta contemporaneamente ad altre faccende domestiche.
Questo nodo, che intreccia tecnologia, abitudini e mercato, si mostrava già intricato nel 2012, quando i positivi dati di vendita statunitensi rispetto agli apparecchi 3D si accompagnavano ad una flessione dell'interesse nei confronti dei servizi correlati. Una tendenza che ha trovato ora conferma nel rallentamento degli acquisti delle TV 3D, una volta scemata l'eccitazione dei consumatori per la rincorsa al semplice aggiornamento tecnologico dell'hardware, non motivato da una effettiva soddisfazione sul fronte della fruizione dei contenuti.

Le platee televisive mostrano di preferire la qualità dell'immagine, e non sono disposte a negoziare le modalità di fruizione della TV tradizionale indossando occhialini, sospendendo le proprie attività domestiche per dedicarsi completamente alla terza dimensione. I produttori l'hanno intuito con anticipo: l'enfasi posta sul 3D al Consumer Electronic Show del 2011 si è sostituita agli entusiasmi per le smart TV e per le risoluzioni ultra HD.

Gaia Bottà
24 Commenti alla Notizia BBC: due dimensioni bastano
Ordina
  • E meno male! La gente s'è stufata di dover correre dietro alla tecnologia spendendo cifre enormi per spettacoli penosi! Iniziate a finanziare film e spettacoli televisivi decenti invece di propinare le solite minestre riscaldate!
    non+autenticato
  • Se la qualità del cinema in 3D continuerà ad essere così infima (sembra che i produttori si rivolgano solo ad un pubblico di cerebrolesi incapace di andare oltre il cartone animato o il cinema per bambini - molto piccoli), probabilmente a breve vedremo anche la fine del cinema stereoscopico. Anzi, vista la qualità generale della programmazione, del cinema in genere.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Paolo T.
    > Se la qualità del cinema in 3D continuerà ad
    > essere così infima (sembra che i produttori si
    > rivolgano solo ad un pubblico di cerebrolesi
    > incapace di andare oltre il cartone animato o il
    > cinema per bambini - molto piccoli),
    > probabilmente a breve vedremo anche la fine del
    > cinema stereoscopico. Anzi, vista la qualità
    > generale della programmazione, del cinema in
    > genere.

    Ma veramente eh... Sembra veramente di essere in mezzo ai cerebrolesi. Gli Studios di Hollywood ormai si sono convinti che è inutile persino provarci a fare qualcosa di originale. Se poi il cinema hollywoodiano sta rantolando quello italiano è già tre metri sotto terra. La cosa scioccante per me è che la gente ci vada ancora a vedere tale immondizia.
    non+autenticato
  • Che assolutismo...
  • Che affondino, gli studi hollywoodiani, e tutte le produzioni americane dietro, col 3D o col 2D. (Sono gli stessi che spingono per i DRM anche nel tostapane, ricordiamolo)
    E se in Italia la gente cominciasse a sospettare che si fa buon cinema anche al di fuori degli USA (senza robot, senza CGI e senza 3000 morti massacrati per ogni film), forse se ne infischierebbe delle dimensioni e potrebbe anche apprezzare (mammamia!) una trama.
  • - Scritto da: topolinik
    > Che affondino, gli studi hollywoodiani, e tutte
    > le produzioni americane dietro, col 3D o col 2D.
    > (Sono gli stessi che spingono per i DRM anche nel
    > tostapane,
    > ricordiamolo)
    > E se in Italia la gente cominciasse a sospettare
    > che si fa buon cinema anche al di fuori degli USA
    > (senza robot, senza CGI e senza 3000 morti
    > massacrati per ogni film), forse se ne
    > infischierebbe delle dimensioni e potrebbe anche
    > apprezzare (mammamia!) una
    > trama.

    Beh guarda, in Italia va forte anche certo cinema italiano che ti raccomando... se la qualità media di quello che è proveniente dagli USA è scarsa, quella media delle produzioni italiane è almeno tre volte peggio.
    non+autenticato
  • - Scritto da: contrario
    > Beh guarda, in Italia va forte anche certo cinema
    > italiano che ti raccomando... se la qualità media
    > di quello che è proveniente dagli USA è scarsa,
    > quella media delle produzioni italiane è almeno
    > tre volte
    > peggio.
    Vero anche questo. Infatti, dicendo "al di fuori degli USA" non intendevo l'Italia.
    Intendevo dire Giappone, Korea, Thailandia, Cina, Francia, Spagna, Sud America, Regno Unito, Canada e tanti altri bei posti.
    Tanti Paesi produttori di cinema che però nelle nostre sale arriva col contagocce, ti sei chiesto il perché?
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 09 luglio 2013 16.13
    -----------------------------------------------------------
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 09 luglio 2013 16.14
    -----------------------------------------------------------
  • non è vero, anche da noi c'è del buon cinema, sebbene non sia molto pubblicizzato. il fatto è che si ragiona sempre con il detto "l'erba del vicino è sempre più verde"..

    guarda, scommetto che se i cinepanettoni (che odio, ben inteso) o altre cagate nostrane fossero made in usa sarebbero di punto in bianco apprezzatissimi
    non+autenticato
  • - Scritto da: topolinik
    > Che affondino, gli studi hollywoodiani, e tutte
    > le produzioni americane dietro, col 3D o col 2D.
    > (Sono gli stessi che spingono per i DRM anche nel
    > tostapane,
    > ricordiamolo)
    > E se in Italia la gente cominciasse a sospettare
    > che si fa buon cinema anche al di fuori degli USA
    > (senza robot, senza CGI e senza 3000 morti
    > massacrati per ogni film), forse se ne
    > infischierebbe delle dimensioni e potrebbe anche
    > apprezzare (mammamia!) una
    > trama.
    E grandissimi attori come RoccoA bocca aperta
    non+autenticato
  • Cosa avresti contro i cartoni animati e i film per bambini?

    Sono i miei preferiti. Il resto fa un po' schifino, oltre ad esserci quasi sempre i soliti soggetti orror, o thriller, o peggio soap alla Desperate Housewives.
    Senza contare sempre quella cultura americana della carriera e dell'arrivismo, senza un pizzico di spiritualismo.
    Tutta merda, e ci sono rimasti solo i cartoni come film seri.
    iRoby
    6904
  • - Scritto da: iRoby
    > Cosa avresti contro i cartoni animati e i film
    > per
    > bambini?
    >
    > Sono i miei preferiti. Il resto fa un po'
    > schifino, oltre ad esserci quasi sempre i soliti
    > soggetti orror, o thriller, o peggio soap alla
    > Desperate
    > Housewives.
    > Senza contare sempre quella cultura americana
    > della carriera e dell'arrivismo, senza un pizzico
    > di
    > spiritualismo.
    > Tutta merda, e ci sono rimasti solo i cartoni
    > come film
    > seri.

    Come generalizzi, eh?
  • Sono andato a vederlo alla sala iMuse della Fiumara di Genova, unica in Italia. Prometteva uno spettacolo unico.
    Una c*gata, e il motivo è che i tecnici hanno fatto un casino con le regolazioni del 3d. Spettacolo penoso.
    Cmq vedo un futuro nelle tv autostereoscopiche, se non sbaglio ci sono quelle che seguono gli occhi degli spettatori e non necessitano di uno specifico angolo di visuale...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Maic
    > Sono andato a vederlo alla sala iMuse della
    > Fiumara di Genova, unica in Italia. Prometteva
    > uno spettacolo
    > unico.
    > Una c*gata, e il motivo è che i tecnici hanno
    > fatto un casino con le regolazioni del 3d.
    > Spettacolo
    > penoso.

    Quindi la colpa e' dei tecnici non del film.
    Sarebbe stata una cagata anche se avessero proiettato "Vacanze di Natale in 3D", anzi, in quel caso sarebbe stata una cagata al quadrato.
  • - Scritto da: Maic
    > Una c*gata, e il motivo è che i tecnici hanno
    > fatto un casino con le regolazioni del 3d.
    > Spettacolo
    > penoso.

    Io l’ho visto a Melzo a 60fps e tecnicamente mi è piaciuto (come film non molto).
    In casa di occhialini ne faccio volentieri a meno.
    Teo_
    2588
  • L'attuale incarnazione del 3D avrà vita breve anche al cinema.

    Primo perchè è fisicamente scomodo. Secondo perchè i film prodotti in 3D hanno una qualità fotografica penosa, visti in 3D appaiono cartonati (figure che si muovo su piani diversi e scollegati), mentre proiettati in 2D hanno colorazioni innaturali e inquadrature palesemente scelte per esasperare l'effetto 3D.
  • - Scritto da: bradipao
    > L'attuale incarnazione del 3D avrà vita breve
    > anche al
    > cinema.
    >
    > Primo perchè è fisicamente scomodo. Secondo
    > perchè i film prodotti in 3D hanno una qualità
    > fotografica penosa, visti in 3D appaiono
    > cartonati (figure che si muovo su piani diversi e
    > scollegati), mentre proiettati in 2D hanno
    > colorazioni innaturali e inquadrature palesemente
    > scelte per esasperare l'effetto
    > 3D.

    Ma che film hai visto, e soprattutto dove li hai visti, per emettere un giudizio cosi' drastico?

    Io ne ho visti alcuni di film in 3D e mi sono piaciuti.
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: bradipao
    > > L'attuale incarnazione del 3D avrà vita breve
    > > anche al
    > > cinema.
    > >
    > > Primo perchè è fisicamente scomodo. Secondo
    > > perchè i film prodotti in 3D hanno una
    > qualità
    > > fotografica penosa, visti in 3D appaiono
    > > cartonati (figure che si muovo su piani
    > diversi
    > e
    > > scollegati), mentre proiettati in 2D hanno
    > > colorazioni innaturali e inquadrature
    > palesemente
    > > scelte per esasperare l'effetto
    > > 3D.
    >
    > Ma che film hai visto, e soprattutto dove li hai
    > visti, per emettere un giudizio cosi'
    > drastico?
    >
    > Io ne ho visti alcuni di film in 3D e mi sono
    > piaciuti.
    Non ho mai visto un film 3D al cinema, e non ho ancora un TV 3D... però qualche volta, nei centri commerciali, mi fermo un minuto ad indossare gli occhialini per vedere le "demo" che mostrano... ed in effetti, in alcuni casi l'effetto "cartonato" citato da bradipao si nota (cioè sembra che i vari oggetti/personaggi siano sagome bidimensionali che si muovono su piani diversi).
    Non so da cosa dipenda il fatto che questa sensazione a volte si percepisca di più ed a volte di meno... forse dal tipo di occhiali, dalla marca del televisore, dal soggetto ripreso o dal modo in cui è stato realizzato il filmato stesso... boh?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Ciccio
    > - Scritto da: panda rossa
    > > - Scritto da: bradipao
    > > > L'attuale incarnazione del 3D avrà vita
    > breve
    > > > anche al
    > > > cinema.
    > > >
    > > > Primo perchè è fisicamente scomodo. Secondo
    > > > perchè i film prodotti in 3D hanno una
    > > qualità
    > > > fotografica penosa, visti in 3D appaiono
    > > > cartonati (figure che si muovo su piani
    > > diversi
    > > e
    > > > scollegati), mentre proiettati in 2D hanno
    > > > colorazioni innaturali e inquadrature
    > > palesemente
    > > > scelte per esasperare l'effetto
    > > > 3D.
    > >
    > > Ma che film hai visto, e soprattutto dove li hai
    > > visti, per emettere un giudizio cosi'
    > > drastico?
    > >
    > > Io ne ho visti alcuni di film in 3D e mi sono
    > > piaciuti.
    > Non ho mai visto un film 3D al cinema, e non ho
    > ancora un TV 3D... però qualche volta, nei centri
    > commerciali, mi fermo un minuto ad indossare gli
    > occhialini per vedere le "demo" che mostrano...
    > ed in effetti, in alcuni casi l'effetto
    > "cartonato" citato da bradipao si nota (cioè
    > sembra che i vari oggetti/personaggi siano sagome
    > bidimensionali che si muovono su piani
    > diversi).
    > Non so da cosa dipenda il fatto che questa
    > sensazione a volte si percepisca di più ed a
    > volte di meno... forse dal tipo di occhiali,
    > dalla marca del televisore, dal soggetto ripreso
    > o dal modo in cui è stato realizzato il filmato
    > stesso...
    > boh?

    Quello che vedi nei centri commerciali non e' il 3D che si vede al cinema.
    La sensazione e' decisamente diversa.
  • - Scritto da: panda rossa
    > Quello che vedi nei centri commerciali non e' il
    > 3D che si vede al
    > cinema.
    > La sensazione e' decisamente diversa.
    Da quando paghi i biglietti del cinema?A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: astro
    > - Scritto da: panda rossa
    > > Quello che vedi nei centri commerciali non
    > e'
    > il
    > > 3D che si vede al
    > > cinema.
    > > La sensazione e' decisamente diversa.
    > Da quando paghi i biglietti del cinema?A bocca aperta
    Paga(alimentando le sue amate major), però poi si porta via poltrona, proiettore, telo proiezione, arredamenti, copia del film e anche il cast perché vuole una cosa open source
    non+autenticato
  • L'unico film ben fatto in 3D che io abbia visto (e parlo comunque solo dell'effetto visivo) e' stato Avatar...... tutti gli altri sono stati penosi.
    non+autenticato