Mauro Vecchio

Asimo, flop al museo della scienza

Il celebre robot umanoide progettato da Honda Motor non riesce ancora a distinguere i significati dei gesti umani dei visitatori che accoglie al museo della scienza di Tokyo

Roma - In fase di sviluppo dal lontanissimo 1996, il robot umanoide Asimo non ha certo brillato al suo primo giorno di lavoro come guida artificiale al museo della scienza Miraikan di Tokyo. Il robot progettato da Honda Motor non è infatti riuscito ad interpretare alcuni tra i fondamentali gesti umani, incapace di capire la differenza tra un braccio alzato per formulare una domanda e i tipici movimenti di chi solleva uno smartphone per scattare una fotografia.



"Chi vuole fare una domanda ad Asimo?", è stata la risposta automatica del robot nipponico a qualsiasi braccio alzato dal gruppo di partecipanti al museo di Tokyo. Lo stesso ingegnere robotico di Honda Motor Satoshi Shigemi ha ammesso che Asimo può riconoscere un bambino che muove una mano in segno di saluto, ma non è in grado di capire il significato del gesto.
Dopo aver speso milioni nello sviluppo dell'umanoide in bianco, i ricercatori del Sol Levante stanno studiando nuove modalità di interazione uomo-robot, per fare in modo che Asimo riconosca le persone a cui si rivolge mentre risponde alle domande poste. (M.V.)
Notizie collegate
  • TecnologiaASIMO, robot più intelligenteIl robot umanoide prodotto da Honda si presenta in versione riveduta e corretta. Dimostrando rinnovata agilitÓ e capacitÓ di interazione con l'ambiente esterno e gli esseri umani
21 Commenti alla Notizia Asimo, flop al museo della scienza
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 11 discussioni)