Mauro Vecchio

Tizen, Samsung e Intel premiano le app

Un montepremi di oltre 4 milioni di dollari per un concorso legato al nuovo OS mobile. La categoria principe sarà quella dei giochi

Roma - Dalla coppia Samsung-Intel arriva una pioggia di verdoni per tutti gli sviluppatori che risulteranno interessati al nuovo sistema operativo mobile Tizen. Fino al prossimo 1 novembre, la comunità dei developer potrà partecipare al Tizen App Challenge con un succulento montepremi di oltre 4 milioni di dollari.

Dalle avventure arcade allo sport, la principale categoria del nuovo contest sarà dedicata ai giochi, il cui vincitore guadagnerà un totale di 200mila dollari per la sua app. 120mila dollari andranno invece allo sviluppo della migliore applicazione nella seconda categoria non-games, dalla musica alla finanza o alle previsioni meteo.

L'apertura del Tizen App Challenge arriva a poche settimane dalle indiscrezioni pubblicate in Russia sul possibile abbandono del progetto open source da parte di Samsung. I vertici di Intel avevano immediatamente smentito la notizia, ribadendo un profondo impegno verso l'OS Linux-based. La chiamata alle app lo dimostra. (M.V.)
Notizie collegate
  • TecnologiaTizen, ecco l'interfacciaL'OS mobile di Samsung-Intel si mostra in quelli che dovrebbero essere i primi scorci dell'interfaccia utente. Che è tutta "piatta" e in stile Metro/Modern/Windows 8
  • TecnologiaTizen, presto su tutti gli schermiIl nuovo sistema operativo mobile open source è in dirittura d'arrivo. Anche su computer, con tanto di interfaccia GNOME e supporto all'esecuzione di app web come fossero applicazioni native
4 Commenti alla Notizia Tizen, Samsung e Intel premiano le app
Ordina
  • Visto che tizen deriva da meego e che jolla usa meego con interfaccia sailfish immagino che le app fatte per un sistema si possano funzionare pure per l'altro.
    non+autenticato
  • sarà quella dei giochi ... Adesso chiamiamo giochi quelle ridicole applicazioni che a fine anni 80 erano considerate inguardabili e ora vengono riproposte come gioielli, ma andate meglio alla bocciofila almeno li socializzate ed è anche più divertente.
    non+autenticato
  • Questa è paura di Android.

    Ma nello stesso tempo, il segnale che con un po' di inventiva e iniezione di capitali, qui c'è spazio per tutti...

    Il quasi monopolio di Android non è fraudolento, ma meritato, grazie alla sua apertura. E Google esperta lo cavalca per bene con il suo appstore, la pubblicità il rastrellamento di dati mirati alla profilazione per l'advertising ecc.

    FirefoxOS c'è.

    Presto ci sarà anche Ubuntu Mobile.

    iOS si tiene la sua nicchia di appassionati e spendaccioni.

    Ma già adesso e tra qualche anno ancora di più, il vero protagonista di queste guerre sarà solo lui il Web con i suoi contenuti, e soprattutto gli Standard quelli veri!

    Se solo penso a cosa voleva fare Micro$oft con il suo Internet Explorer negli anni '90... Che voleva trasformare Internet nel suo orticello privato e obbligare qualsiasi cittadino del mondo ad avere un sistema Windows per poter vivere il Web.
    iRoby
    6911
  • - Scritto da: iRoby

    > Ma nello stesso tempo, il segnale che con un po'
    > di inventiva e iniezione di capitali, qui c'è
    > spazio per
    > tutti...

    Questa è una buona cosa,più concorrenza= + scelta.

    > FirefoxOS c'è.

    ^_^

    > Presto ci sarà anche Ubuntu Mobile.

    Son curioso d'installarlo per vedere com'è ...

    > iOS si tiene la sua nicchia di appassionati e
    > spendaccioni.

    stendiamo un velo peloso...

    > Ma già adesso e tra qualche anno ancora di più,
    > il vero protagonista di queste guerre sarà solo
    > lui il Web con i suoi contenuti, e soprattutto
    > gli Standard quelli
    > veri!

    Si ma francamente preferivo il web dei primi anni del 2000,oggi è una cosa mostruosa,pagine piene zeppe di pubblicità in flash o con script pesanti da impallare in certe occasioni persino un desktop.Meglio un web leggero che uno super pachiderma,lento e pesante.

    > Se solo penso a cosa voleva fare Micro$oft con il
    > suo Internet Explorer negli anni '90... Che
    > voleva trasformare Internet nel suo orticello
    > privato e obbligare qualsiasi cittadino del mondo
    > ad avere un sistema Windows per poter vivere il
    > Web.

    Una delle cose che mi dispiace di quel periodo è stato il crollo di Netscape a favore di Explorer >:(
    La Ms ha sempre giocato tra il confine legalità/illegalità,spesso con il benestare di chi doveva controllare,gli interessi sono sempre stati forti per delle contromisure serie.
    non+autenticato