USA, chip di controllo in PC e TV

Dal 2005 i costruttori americani dovranno integrare nei propri prodotti anche sistemi di gestione dei diritti di proprietà intellettuale. Hollywood applaude la scelta della FCC. Preoccupati tutti gli altri. E in Italia?

USA, chip di controllo in PC e TVRoma - A partire dal 2005 i produttori americani dovranno inserire le tecnologie di Digital Rights Management (DRM) nei nuovi computer e televisori. Lo ha deciso la Federal Communication Commission (FCC) americana, con una scelta che potrebbe portare a importanti conseguenze per l'utenza informatica.

La decisione della FCC è in diretto ed esplicito riferimento a quella che i media americani hanno chiamato napsterizzazione della TV. Con l'espandersi dei servizi di televisione digitale e dei nuovi dispositivi di registrazione ed ascolto, infatti, i produttori di programmi televisivi, così come le case di produzione cinematografica, temono che gli utenti TV possano troppo facilmente mettere in rete, scambiare tra di loro e usare internet per farlo, materiali di qualsiasi genere.

L'idea, dunque, è quella di consentire agli utenti della TV digitale di registrare la programmazione televisiva ma sarà loro impedito di uploadare i programmi su reti o in ambienti digitali che non siano garantiti, che non godano cioè della fiducia dei produttori.
Sul piano tecnico, il progetto approvato dalla FCC è quello di infilare un codice specifico in ogni trasmissione digitale. Il codice verrà  riconosciuto ed interpretato dai nuovi televisori e dispositivi consumer di registrazione, in modo tale da limitare le possibilità  d'uso dell'utente a quanto desiderato dai produttori del materiale trasmesso.

L'estensione dell'obbligo dalle televisioni ai computer è un'ovvia conseguenza della convergenza ormai pressoché completata tra i due mezzi, che con la TV digitale azzerano molte distanze. Ma è proprio l'obbligo per i produttori ad inserire tecnologie di riconoscimento del codice di protezione nei computer a preoccupare quanti in queste ore stanno analizzando la scelta della FCC. Il timore, infatti, è che dal controllo dei programmi televisivi si possa facilmente passare ad un controllo più generale su quanto gira su un computer, dagli applicativi ai materiali scaricati e condivisi in rete. E questo anche se per ora l'obbligo della FCC si estende ai soli computer dotati di dispositivo di ricezione digitale, un dispositivo che si prevede sarà  sempre più diffuso sulle nuove macchine nei prossimi anni.

A muovere le prime critiche sono stati quelli di Public Knowledge, organizzazione che da anni si batte per la circolazione libera delle idee. Secondo PK è decisamente pericoloso e costituisce un precedente preoccupante il fatto che sia l'industria di Hollywood a dettare quello che i produttori di computer o di software devono o non devono integrare ai propri dispositivi. A farsi sentire anche la Electronic Frontier Foundation, secondo cui i consumatori "pagheranno per una tecnologia che non fermerà  i pirati ma che costerà  a tutti noi".

E mentre PK organizza una prima protesta, con raccolta firme e via dicendo, dal mondo del cinema non arrivano che applausi per la scelta della FCC. Secondo Jack Valenti, l'inossidabile chairman della MPAA, ente che raccoglie gli studios più influenti, si tratta addirittura di "una grande vittoria per i consumatori".

Da parte sua la FCC, forse per tentare di arginare le polemiche che iniziano a montare, ha voluto sottolineare che la decisione non impedisce all'utente di creare copie digitali ma soltanto di farle girare su internet senza alcun controllo.

E in Italia? La televisione digitale è ormai vicina, la copertura del territorio secondo la RAI procede rapidamente e, seppure con qualche ritardo su quanto sta avvenendo negli USA, non si può certo escludere che la decisione della FCC interessi anche le autorità  italiane. In Australia a poche ore dall'annuncio l'organo di garanzia sulla TLC si è detto estremamente interessato a valutare nei dettagli la posizione della Commission statunitense.
243 Commenti alla Notizia USA, chip di controllo in PC e TV
Ordina
  • .....la gente si accorgerà che:

    A) Il pornazzo NON si vede più;

    B) Il giochino piratato NON va più;

    Già questo basta ad affossare il 75% del bacino d'utenza.
    non+autenticato
  • Mafia... non è possibile definire altrimenti chi riesce ad ottenere leggi "ad hoc" bypassando il sistema democratico con il pagamento delle campagne elettorali ai politici che poi dovranno ricambiare emanando tali leggi a loro favore.
    non+autenticato
  • Il monopolio Wintel e' l'origine sia del TCPA che della sua "estensione" M$.

    Su questo mi pare non ci possano essere dubbi!

    Se questo dato di fatto e' vero, non mi pare che occorra molto per trarre le conclusioni.

    Se non si e' favorevoli a questo o si vede in questo un pericolo per la liberta' l'unica cosa che puo' funzionare e' spezzare la catena che lega Windows e Intel!

    Il sistema di "cross licensing" lega in modo ormai intricatissimo i sistemi anche quando non montano CPU intel! (Power o AMD) perche' tale sistema si estende ai chip che controllano il bus, le MMU e altro che ormai stanno sulle schede dei PC (MAC compreso!).
    Tipicamente questo sistema di Cross licensing si e' costruito da parte di intel (hw O FIRMWARE) e di M$ (MIDDLEWARE DRIVERS E SOFTWARE), sviluppando specifiche a livello di consorzio, tali specifiche sono spesso utilizzabili "free" (gratis.. as in beer non as in freedom) purche' rimangano intatti i privilegi di Intel e M$ e che siano "automaticamente" trasferiti ai prodotti "derivati".
    Si tratta di un effetto "virale" (vero in questo caso) che estende il sistema di "cross licensing" con un meccanismo che ricorda da vicino il GPL ma con scopo esattamente contrario!

    Un produttore che voglia "sganciarsi" da tale sistema di cross licensing si trova di fatto in una gabbia di interdipendenze che lo obbligano a prendere tutto o niente.
    I costi associati alla possibilita' di un disegno "from scratch" sono non sostenibili da nessuno.
    Questo spiega come mai ci siano le note resistenze nella comunita' GNU/linux GNU e open source a includere "automaticamente" drivers in forma di oggetto e non di sorgente se non come moduli "opzionali" nei thread software.

    Siccome (di fatto) l'unico modo di evitare il sistema di cross licensing e' quello di supportare uno standard "open" e basato sui sorgenti di pubblico dominio un piccolo passetto nella direzione concreta del boicottaggio alle iniziative TCPA e simili diventa quello di non comprare o utilizzare componenti hardware o firmware che non dispongano di drivers o specifiche (per almeno un O.S.) open source o public domain.

    Potrebbe sembrare poco.
    Ma e' tutt'altro che poco!
    Un simile atteggiamento da parte dei consumatori renderebbe impossibile anche solo il pensiero di Palladium e TCPA!

    Si potrebbe istituire addirittura un "bollino" (come quello dei prodotti "biologici") che desse al "consumer" la possibilita' di scegliere anche se non ha le nozioni tecniche per giudicare in proprio sul "merito" del prodotto.
    In questo modo si potrebbe dare la scelta anche a chi non e' tecnico o non nasce tecnico.
    Inoltre l'utente rimarrebe con la possibilita' di scegliere anche un sistema "proprietario" se proprio vuole perche' un prodotto col bollino "open" gli consente di sapere che comunque su quella piattaforma non ci sono "componenti" che gli possano impedire la liberta' di scelta se vuole passare all utilizzo di un sistema aperto e con la possibilita' di scegliere! Occhiolino
    Sembra poco... ma e' tutt'altro che poco sarebbe il loro fallimento di fatto!
    non+autenticato
  • Un ottimo boicottaggio sarebbe anche quello onesto:

    NON cercare di piratare il nuovo windows cornolungo e il relativo hardware.

    Se anche si entra in possesso di un crack, di una versione sprotetta o simile, NON utilizzarla e soprattutto NON passarla ai soliti amici che ti chiedono (visto che tu sei "il miglior acher che conoscono") di procurarglielo, anzi farla sparire dalla circolazione.

    Idem per tutti i software certificati "palladium ready" o "tcpa compliant" ...se proprio qualcuno li vuole, CHE SE LI PAGHI...come è giusto che sia, oppure si arrangi con le versioni precedenti, o si adatti a cercare un'alternativa free. (non abbiamo tutti bisogno di photoshop...the gimp per il 99% degli usi non professionali basta e avanza, per quelli professionali: che comprino ciò che gli serve).

    Soprattutto una cosa bella la farebbero i gruppi di hacker e cracker, NON distribuendo crack o sprotezioni per questo sistema e non rendendo pubbliche (a nessuno) eventuali vulnerabilità o exploit scoperti per questo sistema, almeno, diciamo, fino al 2007....che se li trovino i produttori, i bachi hardware e software, Micro$oft in testa.

    Come molti hanno detto più volte, dos/windows/PC è cresciuto anche perchè tutti lo copiavano, e tutti si abituavano ad usarlo e tutti potevano aprire, sostituire pezzi, assemblare/disassemblare.
    Basta guardare quanto tempo ci ha messo ad affermarsi XP con la sua procedura di attivazione...ormai sono crica 2 (?) anni che è uscito...eppure solo ora che trovare la versione craccata è facile comincia a vedersi più di qualche WinXP in giro..complice anche la diffidenza mostrata dagli smanettoni ed i relativi consigli: "Dì, devo comprare il PC nuovo, mi ci faccio mettere XP?" "Naaaa, metti Win2000 che è meglio".

    Ovviamente M$ & C risolveranno la cosa togliendo tutte le alternative: il SO è longhorn e basta, gli altri S.O. non sono più supportati nè venduti, si vendono solo licenze longhorn...in offerta speciale Occhiolino (vedi il prezzo di un'xbox per avere un'idea)

    ....ma su quel longhorn ci girerebbero solo i sw (e soprattutto: i giochi) regolarmente acquistati...perchè di piratati NON bisognerebbe farne trovare....NESSUN gioco piratato per longhorn dovrebbe essere reso disponibile.

    Questo secondo me sarebbe più dannoso di qualsiasi altro boicottaggio fatto da pochi smanettoni consapevoli del rischio, perchè gli smanettoni sono pochi, anche se non comprano cosa vuoi che conti.

    La possibilità di copiare, di craccare, di trovare quasi tutto gratis e facilmente, ha aiutato molto alla diffusione del PC e della cultura informatica....l'idea dietro il tcpa è migrare da un mondo del "tutto gratis, illegale e libero" a uno del "tutto a pagamento, sicuro (?) e controllato" ...con una transizione lunga e impercettibile....senza crack e sprotezioni e copie DA UN GIORNO ALL'ALTRO ...la transizione diventerebbe tutt'altro che impercettibile e l'opera di indottrinamento decisamente più ardua.

    Saludos
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Un ottimo boicottaggio sarebbe anche quello
    > onesto:
    >
    > NON cercare di piratare il nuovo windows
    > cornolungo e il relativo hardware.
    >
    > Se anche si entra in possesso di un crack,
    > di una versione sprotetta o simile, NON
    > utilizzarla e soprattutto NON passarla ai
    > soliti amici che ti chiedono (visto che tu
    > sei "il miglior acher che conoscono") di
    > procurarglielo, anzi farla sparire dalla
    > circolazione.
    >
    > Idem per tutti i software certificati
    > "palladium ready" o "tcpa compliant" ...se
    > proprio qualcuno li vuole, CHE SE LI
    > PAGHI...come è giusto che sia, oppure si
    > arrangi con le versioni precedenti, o si
    > adatti a cercare un'alternativa free. (non
    > abbiamo tutti bisogno di photoshop...the
    > gimp per il 99% degli usi non professionali
    > basta e avanza, per quelli professionali:
    > che comprino ciò che gli serve).
    >
    > Soprattutto una cosa bella la farebbero i
    > gruppi di hacker e cracker, NON distribuendo
    > crack o sprotezioni per questo sistema e non
    > rendendo pubbliche (a nessuno) eventuali
    > vulnerabilità o exploit scoperti per questo
    > sistema, almeno, diciamo, fino al
    > 2007....che se li trovino i produttori, i
    > bachi hardware e software, Micro$oft in
    > testa.
    >
    > Come molti hanno detto più volte,
    > dos/windows/PC è cresciuto anche perchè
    > tutti lo copiavano, e tutti si abituavano ad
    > usarlo e tutti potevano aprire, sostituire
    > pezzi, assemblare/disassemblare.
    > Basta guardare quanto tempo ci ha messo ad
    > affermarsi XP con la sua procedura di
    > attivazione...ormai sono crica 2 (?) anni
    > che è uscito...eppure solo ora che trovare
    > la versione craccata è facile comincia a
    > vedersi più di qualche WinXP in
    > giro..complice anche la diffidenza mostrata
    > dagli smanettoni ed i relativi consigli:
    > "Dì, devo comprare il PC nuovo, mi ci faccio
    > mettere XP?" "Naaaa, metti Win2000 che è
    > meglio".
    >
    > Ovviamente M$ & C risolveranno la cosa
    > togliendo tutte le alternative: il SO è
    > longhorn e basta, gli altri S.O. non sono
    > più supportati nè venduti, si vendono solo
    > licenze longhorn...in offerta speciale Occhiolino
    > (vedi il prezzo di un'xbox per avere
    > un'idea)
    >
    > ....ma su quel longhorn ci girerebbero solo
    > i sw (e soprattutto: i giochi) regolarmente
    > acquistati...perchè di piratati NON
    > bisognerebbe farne trovare....NESSUN gioco
    > piratato per longhorn dovrebbe essere reso
    > disponibile.
    >
    > Questo secondo me sarebbe più dannoso di
    > qualsiasi altro boicottaggio fatto da pochi
    > smanettoni consapevoli del rischio, perchè
    > gli smanettoni sono pochi, anche se non
    > comprano cosa vuoi che conti.
    >
    > La possibilità di copiare, di craccare, di
    > trovare quasi tutto gratis e facilmente, ha
    > aiutato molto alla diffusione del PC e della
    > cultura informatica....l'idea dietro il tcpa
    > è migrare da un mondo del "tutto gratis,
    > illegale e libero" a uno del "tutto a
    > pagamento, sicuro (?) e controllato" ...con
    > una transizione lunga e
    > impercettibile....senza crack e sprotezioni
    > e copie DA UN GIORNO ALL'ALTRO ...la
    > transizione diventerebbe tutt'altro che
    > impercettibile e l'opera di indottrinamento
    > decisamente più ardua.
    >
    > Saludos

    tutto vero, e tutto amaramente detto in passato... la pirateria è una arma a doppio taglio, si hanno i sw 'aggratis' però si rimane schiavi di ciò che si usa.

    Secondo me lo 'schiaffo' vero e proprio lo avranno quelli che non sanno cosa sia palladium e un bel giorno ,comprando il pc nuovo, scopriranno che non ci potranno fare nulla sanza spendere un patrimonio...
    non+autenticato
  • Iniziamo dal poco per fare il tanto, per esempio intanto, perchè non incominciate a restituire tutte le tessere SKY, così vediamo come va a finire ? Le tessere esistono solo perchè siete stati convinti a comperarle, se tutti e dico tutti le restituite, vedete lo sconquasso che scoppia, per il resto ci penseremo quando sarà il momento, per ora perchè non vi liberate da un monopolio di fatto ha fatto solo danni ?
    Il governo è zitto zitto, ma questa situazione di monopolio non doveva venire vietata per legge ? Gasparri dice che non c'è alternativa... io non ci credo. Le piattoforme alternative vanno aiutate a nascere se necessario ma devono esistere. Sta al governo evitare la creazione di situazioni di monopolio, io sono di destra ma mica pirla, anche la sinistra ha ragione ogni tanto (non troppo spesso eh !).
    Se fate un pò di passaparola potete fare la rivoluzione in due settimane dalle Alpi a Lampedusa, ma gli Italiani sono un popolo decadente e stupidotto che ha perso le palle da troppo tempo, e verrà sterminato nei prossimi 30 anni. E a me spiace perchè sto paese era uno dei migliori del mondo.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > , per ora perchè non vi
    > liberate da un monopolio di fatto ha fatto
    > solo danni ?

    Ma quale monopolio? A nessuno è impedito di aprire una sua piattaforma e di vendere abbonamenti, se non c'è il mercato mica possiamo mandare delle aziende dritte verso il fallimento per farti contento


    > Il governo è zitto zitto, ma questa
    > situazione di monopolio non doveva venire
    > vietata per legge ?

    Guarda che le leggi antitrust non puniscono il monopolio come dato di fatto (infatti esistono diversi monopoli che avvantaggiano l'utente, tipo quello sull'elettricità) ma solo quando sfrutta la posizione di monopolio per soffocare il mercato. Qui sky non soffoca nessuno, è già tanto che non fallisca lei stessa da sola.


    >Gasparri dice che non
    > c'è alternativa... io non ci credo. Le
    > piattoforme alternative vanno aiutate a
    > nascere se necessario ma devono esistere.
    > Sta al governo evitare la creazione di
    > situazioni di monopolio, io sono di destra
    > ma mica pirla, anche la sinistra ha ragione
    > ogni tanto (non troppo spesso eh !).

    Si facciamolo pagare con le tasse ai cittadini il satellite solo perché te hai voglia di risparmiare

    > Se fate un pò di passaparola potete fare la
    > rivoluzione in due settimane dalle Alpi a
    > Lampedusa, ma gli Italiani sono un popolo
    > decadente e stupidotto che ha perso le palle
    > da troppo tempo, e verrà sterminato nei
    > prossimi 30 anni. E a me spiace perchè sto
    > paese era uno dei migliori del mondo.

    Mica t'hanno puntato una pistola alla tempia e ordinato di abbonarti quindi vedi di non piangere e fatti coraggio.
    non+autenticato

  • E percheà non parliamo del fatto che Gasparri mi/ci ha impedito di offrire servizi al pubblico via wi-fi ? Riservando TUTTO il mercato ai SOLITI 3 operatori (Imcumbent compreso) ?
    Signori con i capelli bianchi che rubano lavoro ai ragazzini !!
    Che razza di Italia è questa ?

    BLM


    - Scritto da: Anonimo
    > Iniziamo dal poco per fare il tanto, per
    > esempio intanto, perchè non incominciate a
    > restituire tutte le tessere SKY, così
    > vediamo come va a finire ? Le tessere
    > esistono solo perchè siete stati convinti a
    > comperarle, se tutti e dico tutti le
    > restituite, vedete lo sconquasso che
    > scoppia, per il resto ci penseremo quando
    > sarà il momento, per ora perchè non vi
    > liberate da un monopolio di fatto ha fatto
    > solo danni ?
    > Il governo è zitto zitto, ma questa
    > situazione di monopolio non doveva venire
    > vietata per legge ? Gasparri dice che non
    > c'è alternativa... io non ci credo. Le
    > piattoforme alternative vanno aiutate a
    > nascere se necessario ma devono esistere.
    > Sta al governo evitare la creazione di
    > situazioni di monopolio, io sono di destra
    > ma mica pirla, anche la sinistra ha ragione
    > ogni tanto (non troppo spesso eh !).
    > Se fate un pò di passaparola potete fare la
    > rivoluzione in due settimane dalle Alpi a
    > Lampedusa, ma gli Italiani sono un popolo
    > decadente e stupidotto che ha perso le palle
    > da troppo tempo, e verrà sterminato nei
    > prossimi 30 anni. E a me spiace perchè sto
    > paese era uno dei migliori del mondo.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | Successiva
(pagina 1/10 - 46 discussioni)