Mauro Vecchio

Zynga, i dolori del social gaming

L'azienda californiana perde fatturato e giocatori nell'ultima trimestrale. La linea dettata dal nuovo CEO Mattrick prevede un ritorno alle origini con la rinuncia al gioco d'azzardo online

Roma - Pessimi risultati trimestrali per Zynga, dopo la crisi dell'impero digitale di Mark Pincus. Il colosso californiano ha riportato un fatturato complessivo di 231 milioni di dollari alla fine dello scorso giugno, più del 31 per cento in meno rispetto allo stesso periodo nell'anno precedente. L'ultimo trimestre di attività finanziaria ha così confermato quanto sofferto da diversi mesi, un continuo aumento delle perdite nette e del valore azionario della società leader nel social gaming.

Al di là del successo di titoli come FarmVille e Words With Friends - ancora nella top ten dei giochi più apprezzati dagli utenti di Facebook - e dei circa 4,2 milioni di utenti attivi ogni mese sulla sua piattaforma di gioco, Zynga sembra vivere un momento di grande difficoltà nel passaggio di leadership da Pincus al nuovo CEO Don Mattrick, che non ha certo nascosto le insidie del mercato a cui andrà incontro la sua nuova società.

Per questo motivo, la linea societaria tracciata da Mattrick opterà per un sorprendente ritorno alle origini del social gaming, dopo che la stessa Zynga aveva annunciato un tuffo in grande stile nel gioco d'azzardo online. Numerosi osservatori sono però concordi: l'azienda californiana non sarà certo in grado di competere con colossi del settore come, ad esempio, Bwin. E infatti nell'ultima trimestrale si è previsto un ritorno alle basi rinunciando alla richiesta della licenza per le attività di gambling negli Stati Uniti.
In sostanza, Zynga non permetterà di puntare soldi veri sul mercato a stelle e strisce, mantenendo la sperimentazione solo nel Regno Unito dove le scommesse sono più libere. Gli sforzi di Mattrick si concentreranno sullo sviluppo di nuovi titoli per gli ambienti mobile, ormai divenuti fondamentali per rincorrere la transizione alla mobilità degli utenti social.

Gli ultimi dati trimestrali hanno infatti visto scendere drammaticamente il totale degli utenti attivi ogni giorno sui vari titoli di Zynga, da 72 a 39 milioni nel giro di un anno. L'emorragia di giocatori ha portato gli analisti borsistici a dubitare fortemente delle previsioni pubblicate dalla stessa azienda californiana per la fine del prossimo trimestre di attività finanziaria. Il titolo è caduto del 13 per cento nelle contrattazioni after-hours.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • BusinessIl gaming è mobile, anzi su Facebook, anzi su PCIl fondatore di Atari vede le app per gadget mobile sulla via del tramonto. Molto meglio Google Glass e il controllo di qualità dei grandi publisher. Ma Facebook suona la carica, e il PC è morto come sempre
  • BusinessZynga punta a Las VegasL'azienda di social gaming ha richiesto in Nevada l'acquisizione della licenza per il gioco d'azzardo online. Ma la procedura per ottenerla è complicata e piuttosto lunga
6 Commenti alla Notizia Zynga, i dolori del social gaming
Ordina
  • Zynga è partita veramente bene grazie a Facebook, pero c'è da dire che sono rimasti fermi al loro solito schema

    - invita amici per sbloccare funzione XYZ
    - compra con i soldi veri monete per sbloccare XYZ

    per dei giochi che alla lunga poi stancano e sono ripetitivi


    L'unica strategia era la "novita" giochi gia visti ma con nomi diversi
    non+autenticato
  • Mah secondo me per cambiare devono vedere la cosa come un'azienda: un'azienda lavora in un certo campo... in questo campo una cosa come questa, finisce che diventa come questa cosa... la gente allora fa le cose nel modo com'è fatta, no? Per esempio la Zynga avevano milioni di giocatori... Questi 5 anni fa, ma poi li hanno persi. E perché? Perchè la gente s'è stufata, perché la gente alla fine fa quello che si sente. Adesso preferisce giocare magari a una roba come la Playstation o la Xbox, per esempio.

    E poi se uno fa un certo lavoro, allora alla fine magari il suo passatempo diventa quel lavoro. Per esempio c'è un tale che gioca con la console, c'è un altro che gioca con la Playstation, poi magari uno va in bici, un altro magari non gioca proprio se lavora tanto, e ce n'è uno che deve studiare e uno che è troppo piccolo. Che poi li invidio quelli che hanno tempo e voglia di giocare se sono giovani (probabile), ma magari al posto di giocare alla fine potrebbero andare a letto con le donne e ubriacarsi che potrebbe essere un bene o un male secondo i punti di vista... quindi poi non è neanche tanto diverso. Alla fine poi siamo tutti fregati... chi più chi meno.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Ziqqurat
    > Mah secondo me per cambiare devono vedere la cosa
    > come un'azienda: un'azienda lavora in un certo
    > campo... in questo campo una cosa come questa,
    > finisce che diventa come questa cosa... la gente
    > allora fa le cose nel modo com'è fatta, no? Per
    > esempio la Zynga avevano milioni di giocatori...
    > Questi 5 anni fa, ma poi li hanno persi. E
    > perché? Perchè la gente s'è stufata, perché la
    > gente alla fine fa quello che si sente. Adesso
    > preferisce giocare magari a una roba come la
    > Playstation o la Xbox, per
    > esempio.
    >
    > E poi se uno fa un certo lavoro, allora alla fine
    > magari il suo passatempo diventa quel lavoro. Per
    > esempio c'è un tale che gioca con la console, c'è
    > un altro che gioca con la Playstation, poi magari
    > uno va in bici, un altro magari non gioca proprio
    > se lavora tanto, e ce n'è uno che deve studiare e
    > uno che è troppo piccolo. Che poi li invidio
    > quelli che hanno tempo e voglia di giocare se
    > sono giovani (probabile), ma magari al posto di
    > giocare alla fine potrebbero andare a letto con
    > le donne e ubriacarsi che potrebbe essere un bene
    > o un male secondo i punti di vista... quindi poi
    > non è neanche tanto diverso. Alla fine poi siamo
    > tutti fregati... chi più chi
    > meno.

    Mah, non lo so, però mi pare la cosa più scema che ho mai sentito. A bocca aperta
    non+autenticato
  • Da quanto ho capito nemmeno gioca! Rotola dal ridere
    non+autenticato
  • - Scritto da: prova123
    > Da quanto ho capito nemmeno gioca! Rotola dal ridere

    Ma tu l'hai capito che cosa voleva dire? Rotola dal ridere
    non+autenticato
  • - Scritto da: Ziqqurat
    > Mah secondo me per cambiare devono vedere la cosa
    > come un'azienda: un'azienda lavora in un certo
    > campo... in questo campo una cosa come questa,
    > finisce che diventa come questa cosa... la gente
    > allora fa le cose nel modo com'è fatta, no? Per
    > esempio la Zynga avevano milioni di giocatori...
    > Questi 5 anni fa, ma poi li hanno persi. E
    > perché? Perchè la gente s'è stufata, perché la
    > gente alla fine fa quello che si sente. Adesso
    > preferisce giocare magari a una roba come la
    > Playstation o la Xbox, per
    > esempio.
    >
    > E poi se uno fa un certo lavoro, allora alla fine
    > magari il suo passatempo diventa quel lavoro. Per
    > esempio c'è un tale che gioca con la console, c'è
    > un altro che gioca con la Playstation, poi magari
    > uno va in bici, un altro magari non gioca proprio
    > se lavora tanto, e ce n'è uno che deve studiare e
    > uno che è troppo piccolo. Che poi li invidio
    > quelli che hanno tempo e voglia di giocare se
    > sono giovani (probabile), ma magari al posto di
    > giocare alla fine potrebbero andare a letto con
    > le donne e ubriacarsi che potrebbe essere un bene
    > o un male secondo i punti di vista... quindi poi
    > non è neanche tanto diverso. Alla fine poi siamo
    > tutti fregati... chi più chi
    > meno.

    Clicca per vedere le dimensioni originali
    non+autenticato