Luca Annunziata

Nvidia Logan, Kepler alla conquista del mobile

Lo stesso silicio che finisce nelle VGA per i PC e le workstation. Le stesse capacitÓ sul piano tecnico e software. Solo in una frazione di spazio e con consumi ridotti all'osso

Roma - Sarà probabilmente Tegra 5 a beneficiare di quanto Nvidia ha mostrato al SIGGRAPH 2013, ma ciò nonostante non si può non rimanere colpiti dagli sforzi del produttore californiano per trascinare i SoC che equipaggiano tablet e smartphone verso nuovi orizzonti prestazionali: il progetto Logan, nome preliminare delle sperimentazioni che Nvidia porta avanti nel campo mobile, segna l'arrivo di Kepler in campi fino a qualche anno fa impensabili. In altre parole, la grafica di console videoludiche e PC potrebbe presto avere parecchio in comune con quelli che fino a oggi erano fratelli minori del computing, ovvero telefonini e tavolette.

Traghettare Kepler su un chip prodotto espressamente per il mobile, con consumi adeguati al tipo di prodotto in questione, non è banale ma al contempo offre degli spunti molto interessanti: Nvidia si azzarda a dichiare consumi pari ad appena il 30 per cento circa di quanto oggi consumi la GPU di iPad, e al contempo ribadisce che come gli equivalenti desktop anche Logan supporta OpenGL 4.4, OpenGL ES 3.0 e DirectX11 nativamente. Questo significa portare in dote funzioni avanzate di rendering, illuminazione dinamica, tessellation, e tutte le altre tecnologie grafiche che rendono sempre più fotorealistica la grafica digitale.

Per dimostrare la bontà e la potenza in gioco, Nvidia ha mostrato la stessa demo già testata al lancio delle GeForce Titan: si chiama "Ira" e riproduce nel dettaglio un viso umano che cambia espressione continuamente, impegnando la GPU in gravosi calcoli per le continue variazioni. E ha convinto Tim Sweeney, CEO di Epic Games ovvero l'azienda che sviluppa l'Unreal Engine, a scrivere sul blog aziendale quanto incredibile siano le prestazioni dell'Unreal Engine 4 in uscita su i primi esemplari di test del progetto Logan.

Lo stesso vale per l'altra demo, relativa a una fantastica isola tropicale: acqua, forma del terreno, sono riprodotte con maggiore complessità rispetto a quanto mai visto in passato su piattaforma mobile. La capacità di Kelpler di scalare da una VGA da 200W di consumo e oltre, a un SoC che consuma 2 o 3W al massimo dice molto sull'efficienza raggiunta nel suo design: non resta che sperare che il progetto Logan diventi al più presto un prodotto commerciale, e non più una semplice dimostrazione di forza mostrata agli addetti ai lavori. Si parla di inizio 2014, un tempo tutto sommato piuttosto breve.



Luca Annunziata
Notizie collegate