Mauro Vecchio

Google, una voce che traduce

La Grande G presenta un prototipo che permetterà ai viaggiatori di diverse lingue di interagire senza problemi di comprensione, perfettamente in tempo reale

Roma - Dalla guida galattica per autostoppisti, il leggendario Pesce di Babele era capace di tradurre in maniera simultanea tutte le lingue conosciute nell'universo. Escludendo gli atroci poemi Vogon, un prototipo presentato da Google permetterà ai viaggiatori terrestri di conversare in due idiomi differenti con il supporto di un'ambiziosa tecnologia di traduzione in tempo reale con un ritardo prossimo allo zero.

Presentato da Hugo Barra, vicepresidente alla divisione product management di Android, il prototipo della Grande G funzionerà in maniera quasi perfetta in quegli ambienti privi di rumore, in modo da evitare input esterni che possano confondere il sistema di traduzione simultanea. Lo stesso Barra ha però ammesso che, almeno in fase sperimentale, il sistema funziona solo per quelle conversazioni in determinate (e limitate) lingue sul Pianeta.

Insieme alle traduzioni testuali offerte da Google Translate - ora con il supporto a 45 lingue nella funzione che opera anche su frasi scritte a mano - Google è alla ricerca della perfezione con un sistema di traduzione automatica delle conversazioni in ambiente mobile, un pacchetto applicativo in ecosistema Android che risulterebbe preziosissimo per gli utenti in viaggio verso paesi lontani. (M.V.)
Notizie collegate
9 Commenti alla Notizia Google, una voce che traduce
Ordina
  • ...ma se non riescono nemmeno a tradurre decentemente un testo scritto...figuriamoci capire il parlato, tradurlo e convertirlo nuovamente in parlato...ci risentiamo in caso tra qualche anno, a voler essere ottimisti...soprattutto per lingue in cui la punteggiatura determina in maniera fondamentale il senso...
    non+autenticato
  • - Scritto da: ndr
    > ...ma se non riescono nemmeno a tradurre
    > decentemente un testo scritto...figuriamoci
    > capire il parlato, tradurlo e convertirlo
    > nuovamente in parlato...ci risentiamo in caso tra
    > qualche anno, a voler essere
    > ottimisti...soprattutto per lingue in cui la
    > punteggiatura determina in maniera fondamentale
    > il
    > senso...

    lo hai già testato per caso?
    non+autenticato
  • ... ma il video è del 2010 (ed infatti ricordavo la scenetta, anche se non ricordo da che spunto la vidi). Quindi la notizia quale è? Migliorato? Più lingue (anche se ne basterebbero una decina fatte bene per coprire probabilmente il 90% della popolazione.)? Comunque, prima o poi...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Surak 2.0
    > ... ma il video è del 2010 (ed infatti ricordavo
    > la scenetta, anche se non ricordo da che spunto
    > la vidi). Quindi la notizia quale è? Migliorato?
    > Più lingue (anche se ne basterebbero una decina
    > fatte bene per coprire probabilmente il 90% della
    > popolazione.)? Comunque, prima o
    > poi...
    Facciamo i conti: sicuramente prima dell'italiano (quantomeno per diffusione) vengono inglese, francese, spagnolo, cinese e arabo. A meno che l'italiano non sia fra i restanti 5 (i concorrenti mi sembrano quantomeno tedesco, portoghese, giapponese, russo e turco) credo che in italia avresti ben meno del 90% di efficacia Sorride
  • Considerando che in Brasile parlano portoghese, direi di metterlo fra i primi.
    Considerando che il russo è la nuova lingua dei ricconi, direi di metterlo fra i primi.
    ........
    non+autenticato
  • ok, la mia era una battuta cmq, non stiamo a spaccare il capello in quattro Sorride
  • - Scritto da: pentolino
    > - Scritto da: Surak 2.0
    > > ... ma il video è del 2010 (ed infatti ricordavo
    > > la scenetta, anche se non ricordo da che spunto
    > > la vidi). Quindi la notizia quale è? Migliorato?
    > > Più lingue (anche se ne basterebbero una decina
    > > fatte bene per coprire probabilmente il 90%
    > della
    > > popolazione.)? Comunque, prima o
    > > poi...
    > Facciamo i conti: sicuramente prima dell'italiano
    > (quantomeno per diffusione) vengono inglese,
    > francese, spagnolo, cinese e arabo.

    Non in codesto ordine e c'è l'indiano al posto del francese

    > A meno che
    > l'italiano non sia fra i restanti 5 (i
    > concorrenti mi sembrano quantomeno tedesco,
    > portoghese, giapponese, russo e turco) credo che
    > in italia avresti ben meno del 90% di efficacia
    > Sorride

    Sì, ma io parlavo del 90% della popolazione mondiale. Gli italiani indigeni sono circa 60 milioni (in realtà di contano anche i non indigeni), cioè l'1% della popolazione mondiale...è solo da capire chi sono l'altro 9% . Comunque, quando ci fosse, sarei disposto a studiare lo spagnolo (e credo tanti, come me)
    non+autenticato
  • > popolazione.)? Comunque, prima o
    > poi...

    Prima prima .... molto prima, infatti come hai evidenziato tu, sono già un paio di anni che questa modalità è presente ed è ovviamente in costante miglioramento, visto che translate usa algoritmi ad apprendimento (che stando a Google sono stati inizializzati con i documenti dell'ONU), quindi più che una verà novità è una conferma.

    Comunque anche se non è perfetto, a meno che non ti trovi di fronte un vero Inglese il resto del pianeta in generale è propenso a capirti.
    non+autenticato
  • PS : Comunque se hai un telefono Android lo puoi provare, si trova qui :

    https://play.google.com/store/apps/details?id=com....
    non+autenticato