Ucraina tra spie web e domini

Il Governo di Kiev sta intervenendo pesantemente per controllare direttamente la gestione e la registrazione dei domini di terzo livello .ua. Ma dietro potrebbe esserci ben di più. Guerra aperta con gli operatori

Roma - Insufficiente capacità operativa, domande restate senza risposta e lentezza burocratica: con queste accuse il governo dell'Ucraina si è mossa a colpi di decreto per prendere il controllo dei domini di terzo livello che la IANA ha assegnato al paese, i ".ua".

La decisione del Governo, fortemente osteggiata dagli operatori internet come la Ukrainan Internet Society, secondo alcuni è legata in generale al tentativo di Kiev di controllare più direttamente le attività internet nel paese.

Addirittura, secondo Reporters sans frontières, tutte le ultime mosse del Governo andrebbero viste come una seria minaccia alla libertà di parola. Il tentativo di controllare i domini.ua, infatti, sarebbe contemporaneo ai preparativi del servizio segreto ucraino SBU per monitorare il traffico internet, in particolare per intercettare la posta elettronica.
Dal 1992, come ricorda EDRI-GRAM, IANA ha delegato i domini.ua a due cittadini ucraini fin quando, nel 2001, è nata HostMaster Ltd., azienda che ha anche varato le regole di registrazione dei domini e un Consiglio per la gestione dei domini, consiglio nel quale nessun ente pubblico a mai voluto entrare a far parte. Per questo, dopo le scelte del Governo per prendersi i domini.ua, HostMaster ha intentato una causa contro l?Esecutivo sostenendo che le sue azioni costituiscono turbativa di mercato e violano il diritto di impresa.

Una situazione ancora fluida, dunque, anche se sembra chiaro che impedire al Governo di gestire i domini.ua potrebbe rivelarsi un missione impossibile.
TAG: domini
3 Commenti alla Notizia Ucraina tra spie web e domini
Ordina