Alfonso Maruccia

Windows 8 ha una relazione complicata con i benchmark

Il repository HWBOT bandisce l'ultimo OS di Microsoft. I risultati prodotti non sono affidabili in presenza di overclock software. Futuremark invece difende il sistema operativo di Redmond

Roma - Tira una strana aria per Windows 8, e in questo caso il problema riguarda il mondo PC propriamente detto: HWBOT, popolare risorsa Web per la condivisione online dei risultati ottenuti con i software di benchmark, ha annunciato la messa al bando di tutti i risultati presenti, passati e futuri ottenuti con sistemi su cui è installata l'ultima versione dell'OS di Microsoft.

Non che HWBOT abbia particolari pregiudizi nei confronti dell'OS a piastrelle: nel fornire una prima, frettolosa spiegazione alla decisione di chiudere (temporaneamente?) la porta a Windows 8, il sito identifica nell'orologio in tempo reale (RTC) implementato sul sistema il principale responsabile della sua inaffidabilità nei casi di overclock o underclock.

L'RTC serve a fornire un orologio di riferimento stabile nel tempo tramite apposita circuiteria hardware ed è un elemento standard dell'architettura PC, un elemento di cui si serve anche il sistema operativo e che è utile ai software di benchmark per identificare il momento di l'avvio e di stop di un particolare test per misurare le prestazioni di CPU, GPU e quant'altro.

Nel tentativo di adattare la piattaforma ai gadget mobile dove l'RTC non un elemento essenziale previsto da specifiche hardware tarate verso l'essenziale, spiegano da HWBOT, Microsoft ha modificato in maniera sensibile la gestione dell'RTC di Windows 8 cosicché, nel caso di overclock e underclock eseguiti via software quando il sistema è già avviato, l'orologio letteralmente "sballa" perdendo la sua capacità di misurare il tempo in maniera affidabile e costante nel tempo.

HWBOT spiega che il problema riguarda anche il futuro Windows 8.1, mentre le piattaforme hardware coinvolte comprendono le ultime iterazioni delle microarchitetture Intel (Haswell, Ivy Bridge, Sandy Bridge) ed escluderebbero le piattaforme AMD. Nessun problema, invece, quando l'RTC software preso in considerazione è quello di Windows 7.

Il sito di benchmark dice di essere impegnato nello studio della nuova problematica emersa con l'RTC di Windows 8(.1), ma la dura presa di posizione contro l'uso dell'OS ai fini del benchmark competitivo è di quelle destinate a lasciare il segno. In attesa di conoscere la risposta di Microsoft prende posizione Futuremark: il produttore di 3DMark - uno dei misuratori di performance più usati per PC, anche su HWBOT - difende la validità dei test effettuati con il software anche su Windows 8, sottostima il potenziale problema dell'RTC del nuovo OS a piastrelle e riafferma la legittimità delle performance ottenute sotto regime di benchmark quando l'overclock viene eseguito agendo sui moltiplicatori di frequenza del processore da BIOS/firmware UEFI.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • TecnologiaWindows 8.1, build per imparareL'ultima build di Windows 8.1 comparsa online include un tutorial, mentre Microsoft pubblica con entusiasmo numeri e cifre. Sia come sia, dicono gli analisti, il touch non aiuterà Windows 8
49 Commenti alla Notizia Windows 8 ha una relazione complicata con i benchmark
Ordina
  • a parte le considerazioni sull'utilità dei benchmark... resta il fatto che win8 è veramente un cesso, uno dei più fetenti di sempre...
    non+autenticato
  • - Scritto da: co sin
    > a parte le considerazioni sull'utilità dei
    > benchmark... resta il fatto che win8 è
    > veramente un cesso, uno dei più fetenti di
    > sempre...

    Quoto, l'ultima volta che ho avviato piastrelloto per fare una parta si e' prima suicidato con i suoi aggiornamenti, poi si e' ripristinato dopo un po' di riavvi... Tre quarti d'ora ci ha messo... E io che volevo giocare un'oretta Arrabbiato
    krane
    22544
  • Abbiamo regalato ad un'amica un notebook un Lenovo 13.3" carino con Winbisc8...

    Aveva un vecchio laptop con Win7 e Ubuntu a cui si era abituata.

    Beh quello nuovo lo ha usato un pochino o almeno ci ha provato.
    È tanta la frustrazione che è tornata al vecchio, dove usa di più Ubuntu.

    Ed ha chiesto se gli si può fare un dual boot Win7/Ubuntu anche su questo.

    Nell'attesa è su uno scaffale.

    Perché fa questo effetto a tutti questo sistema operativo?
    iRoby
    6911
  • - Scritto da: iRoby
    > Abbiamo regalato ad un'amica un notebook un
    > Lenovo 13.3" carino con
    > Winbisc8...
    >
    > Aveva un vecchio laptop con Win7 e Ubuntu a cui
    > si era
    > abituata.
    >
    > Beh quello nuovo lo ha usato un pochino o almeno
    > ci ha
    > provato.
    > È tanta la frustrazione che è tornata al
    > vecchio, dove usa di più
    > Ubuntu.
    >
    > Ed ha chiesto se gli si può fare un dual boot
    > Win7/Ubuntu anche su
    > questo.
    >
    > Nell'attesa è su uno scaffale.
    >
    > Perché fa questo effetto a tutti questo sistema
    > operativo?

    A me non fa quell'effetto... Ho iniziato a usarlo da poco. Ma non trovo nessuna difficoltà... Parte in pochissimi secondi. Appaiono le piastrelle, che ho personalizzato con gli applicativi che utilizzo di più. Premo su desktop e sono in un ambiente del tutto simile al consolidato 7. In realtà, quando apro il file manager, mi trovo meglio avendo i ribbon con tutte le funzionalità che mi occorrono. Per il resto lo uso esattamente come usavo 7. Ho bisogno di qualcosa presente in Start? Mouse in basso a sinistra (dove c'era il pulsante start una volta) e torno alla videata start dove ho esattamente quello che avevo prima nel menu start...
    Prozac
    4978
  • Certo..certo...
  • - Scritto da: Sg@bbio
    > Certo..certo...

    Certo.
    Lo sto utilizzando anche ora e non trovo nessuna difficoltà...

    In questo momento, oltre a rispondere a te sto:
    - scrivendo un manuale tecnico con Word 2010
    - configurando una macchina virtuale CentOS
    - accedendo da remoto al NAS di un mio collega per configurargli un server SVN.

    Tutto da "Desktop" senza mai vedere la schermata start. O senza che tale schermata renda difficile o diverso da prima il lavoro che sto facendo.
    Prozac
    4978
  • - Scritto da: Prozac
    > - Scritto da: Sg@bbio
    > > Certo..certo...
    >
    > Certo.
    > Lo sto utilizzando anche ora e non trovo nessuna
    > difficoltà...

    Ciao.
    Scusa se mi lego al tuo commento.
    Volevo analizzare un aspetto che per me è cruciale per comprendere il "rigetto" della massa a win8.

    Devo però fare una piccola premessa.
    Seguo l'informatica per passione da un pò di anni.
    Ai tempi di XP che anche se tutti reputano antiquato e vetusto ha "traghettato" la massa, sopratutto italiana, nell'era dei pc per quasi 15 anni, sentivo da i sostenitori MS più razionali dire che benchè sistemi alternativi (linux/mac) avessero i loro punti di forza, l'utente non vuole imparare nulla di nuovo, quindi anche volendo se si escludevano le filosofie, il solo imparare un approccio nuovo ad un sistema era una difficoltà che un utente medio reputava un deterrente.
    I detrattori invece (sempre quelli più razionali) accusavano che era la stessa MS ad aver costruito un utenza pigra e poco interattiva, che svolgeva funzioni meccanicamente, che non distingueva il browser da internet etc.

    Adesso, non è evidente che win8 generi lo stesso sconforto verso un nuovo paradigma?
    MS, non paga in fondo la meccanicità dell'utenza desktop che lei stessa a creato?
    Ecco perchè, se avessero semplicemente separato le due interfaccia, win8 sarebbe stato accettato come un "eccellente" upgrade si Seven.

    Uniscici la crisi dei pc-mainstream e credo che sia indifendibile il fallimento commerciale di win8 (razionalmente, ovvio).

    Tu cosa ne pensi?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Phronesis
    > - Scritto da: Prozac
    > > - Scritto da: Sg@bbio
    > > > Certo..certo...
    > >
    > > Certo.
    > > Lo sto utilizzando anche ora e non trovo nessuna
    > > difficoltà...
    >
    > Ciao.
    > Scusa se mi lego al tuo commento.
    > Volevo analizzare un aspetto che per me è
    > cruciale per comprendere il "rigetto" della massa
    > a
    > win8.
    >
    > Devo però fare una piccola premessa.
    > Seguo l'informatica per passione da un pò di anni.
    > Ai tempi di XP che anche se tutti reputano
    > antiquato e vetusto ha "traghettato" la massa,
    > sopratutto italiana, nell'era dei pc per quasi 15
    > anni, sentivo da i sostenitori MS più razionali
    > dire che benchè sistemi alternativi (linux/mac)
    > avessero i loro punti di forza, l'utente non
    > vuole imparare nulla di nuovo, quindi anche
    > volendo se si escludevano le filosofie, il solo
    > imparare un approccio nuovo ad un sistema era una
    > difficoltà che un utente medio reputava un
    > deterrente.
    > I detrattori invece (sempre quelli più razionali)
    > accusavano che era la stessa MS ad aver costruito
    > un utenza pigra e poco interattiva, che svolgeva
    > funzioni meccanicamente, che non distingueva il
    > browser da internet
    > etc.
    >
    > Adesso, non è evidente che win8 generi lo stesso
    > sconforto verso un nuovo
    > paradigma?
    > MS, non paga in fondo la meccanicità dell'utenza
    > desktop che lei stessa a
    > creato?
    > Ecco perchè, se avessero semplicemente separato
    > le due interfaccia, win8 sarebbe stato accettato
    > come un "eccellente" upgrade si
    > Seven.
    >
    > Uniscici la crisi dei pc-mainstream e credo che
    > sia indifendibile il fallimento commerciale di
    > win8 (razionalmente,
    > ovvio).
    >
    > Tu cosa ne pensi?

    Che Windows 8 lo sto usando da troppo poco tempo per capire se, effettivamente, dia disagio.

    Da quando ho iniziato ad utilizzarlo (saranno due settimane), non ho trovato alcuna difficoltà evidente.

    Certo, è sparito il pulsante start... Al suo posto, ora, è presente un'intera schermata start. Tale schermata, per come la sto utilizzando io, permette di fare esattamente le stesse cose che facevo con Windows 7:

    - ho tutti i miei programmi preferiti a portata di click (cosa che in realtà, con 7 non avevo, se non riempiendo il desktop che ora è molto più libero e ordinato).

    - ho, oltre ai miei programmi preferiti, una panoramica su email, calendario, sociale ecc...

    Forse la difficoltà maggiore è che, appena premi desktop sulla pagina di Start, ti ritrovi in un ambiente molto simile a 7 dove l'unica differenza evidente è la mancanza del pulsante in basso a sinistra.
    Questo, forse, è ciò che può mandare in crisi gli utenti abituati a fare tutto partendo da quel pulsante.

    Nella mia esperienza personale, non ho trovato alcun impedimento.
    All'inizio mi sono chiesto:

    e adesso? come faccio a eseguire un nuovo applicativo?

    Mi sono spostato dove prima c'era il pulsante start e è apparso un rettangolo con dentro la finestra start. Ci ho cliccato, ci sono entrato e ho lanciato l'applicativo che mi serviva.

    Insomma... Non ho nessuna delle difficoltà tanto blaterate su questo forum... Ma forse sono fortunato io ad essere così abile ad adattarmi...

    MAH
    Prozac
    4978
  • - Scritto da: Sg@bbio
    > Troll occhi di fuoriTroll di tutti i coloriTroll chiacchierone

    Chi la pensa diversamente da te o racconta delle esperienze personali che vanno contro il tuo pensiero è un troll? Mi sembra alquanto presuntuoso...

    Io, fino ad ora non avevo mai commentato sulla facilità d'uso di win 8 perché mai usato per lavoro. Sono due settimane che lo uso e non trovo i problemi letti in mesi di questo forum
    Prozac
    4978
  • Se vuoi un consiglio, non ti impelagare in discussioni sui sistemi operativi e le rispettive case produttrici. Su questa testata hanno preso il posto delle squadre di calcio, il tifo è lo stesso. E quindi non ne esci più, indipendentemente da quanto sagge siano le parole che scriverai.
    non+autenticato
  • Ciao a tutti. Io uso per lavoro un programma che fa calcoli molto lunghi ed usa la virgola mobile (Floating Point) oltre che un solo core/thread (è un programma vecchio.
    Ho trovato questo programmino che si può lanciare senza installarlo:
    "QwikMark" (http://www.vtaskstudio.com/support.php) che mostra i "CPU FLOPS". Nel mio PC arrivo a 50 GFlops.
    Chiedo se qualcuno ha un Intel core I7 quanto arriva a fare come GFlops con lo stesso programma così riesco a capire quanto tempo risparmio a cambiare PC.
    Oppure se qualcuno sa indicarmi un sito con un confronto in GFlops tra processori.
    Grazie della collaborazione
    non+autenticato
  • - Scritto da: Bye
    > Ciao a tutti. Io uso per lavoro un programma che
    > fa calcoli molto lunghi ed usa la virgola mobile
    > (Floating Point) oltre che un solo core/thread (è
    > un programma
    > vecchio.
    > Ho trovato questo programmino che si può lanciare
    > senza
    > installarlo:
    > "QwikMark"
    > (http://www.vtaskstudio.com/support.php) che
    > mostra i "CPU FLOPS". Nel mio PC arrivo a 50
    > GFlops.
    > Chiedo se qualcuno ha un Intel core I7 quanto
    > arriva a fare come GFlops con lo stesso programma
    > così riesco a capire quanto tempo risparmio a
    > cambiare
    > PC.
    > Oppure se qualcuno sa indicarmi un sito con un
    > confronto in GFlops tra
    > processori.
    > Grazie della collaborazione
    Ho provato su un paio di PC

    Windows XP (32bit)
    Intel Pentium Dual Core (2 core): 2.19 Ghz
    CPU Flops: 12 Gigaflops
    Mem Bandwidth (DDR2... il programma non lo dice, ma lo so io che è DDR2): 1 GB/second
    ----------------
    Windows 7 (64bit)
    Intel Core i7 (8 core: 4 core "fisici" + altri 4 "logici" dovuti all'Hyperthreading technology): 2.94 Ghz
    CPU Flops: 66 Gigaflops
    Mem Bandwidth (DDR3): 7 GB/second
    -----------------
    A giudicare dai grafici del Task Manager, quando gira il benchmark ho un utilizzo di circa il 50% su ENTRAMBI i core del Pentium Dual Core (ed anche la colonna dell'"utilizzo generale" è al 50%).
    Sul Core i7, mi risulta in un utilizzo di circa l'80/90% su di un core, e di tipo l'8-15% su altri tre core (e la colonna dell'"utilizzo generale" riporta un 12%).

    Ciao!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Bye
    > Ciao a tutti. Io uso per lavoro un programma che
    > fa calcoli molto lunghi ed usa la virgola mobile
    > (Floating Point) oltre che un solo core/thread (è
    > un programma vecchio.

    Ma se usa un solo core tutto dipendera' esclusivamente dalla frequeza a cui vanno i core, che tu sotto abbia un dual, quad, i7 o quel che l'e'.

    > Ho trovato questo programmino che si può lanciare
    > senza installarlo:
    > "QwikMark"
    > (http://www.vtaskstudio.com/support.php) che
    > mostra i "CPU FLOPS". Nel mio PC arrivo a 50
    > GFlops.
    > Chiedo se qualcuno ha un Intel core I7 quanto
    > arriva a fare come GFlops con lo stesso programma
    > così riesco a capire quanto tempo risparmio a
    > cambiare PC.
    > Oppure se qualcuno sa indicarmi un sito con un
    > confronto in GFlops tra processori.
    > Grazie della collaborazione
    krane
    22544
  • Anche io lo pensavo come te ma come vedi dalla prova che ha gentilmente (lo ringrazio) eseguito CICCIO il core i7 ha poca differenza di frequenza dal Pentium ma forse perchè è più ottimizzato per la virgola mobile o forse perchè ha più Cache, ottiene un valore nettamente più alto.
    Cmq sempre pensando anche io che nel mio caso la frequenza conti molto usando gli ultimi I7 da 3,40 GHz utilizzati con un solo core possono arrivare a 3,90 GHz che non è male.
    Poi secondo me anche la cache fa la differenza visto che lavora a frequenze prossime o uguali alla CPU (anche se non so che impatto possa avere nel mio programma).


    - Scritto da: krane
    > - Scritto da: Bye
    > > Ciao a tutti. Io uso per lavoro un programma
    > che
    > > fa calcoli molto lunghi ed usa la virgola
    > mobile
    > > (Floating Point) oltre che un solo
    > core/thread
    > (è
    > > un programma vecchio.
    >
    > Ma se usa un solo core tutto dipendera'
    > esclusivamente dalla frequeza a cui vanno i core,
    > che tu sotto abbia un dual, quad, i7 o quel che
    > l'e'.
    >
    > > Ho trovato questo programmino che si può
    > lanciare
    > > senza installarlo:
    > > "QwikMark"
    > > (http://www.vtaskstudio.com/support.php) che
    > > mostra i "CPU FLOPS". Nel mio PC arrivo a 50
    > > GFlops.
    > > Chiedo se qualcuno ha un Intel core I7 quanto
    > > arriva a fare come GFlops con lo stesso
    > programma
    > > così riesco a capire quanto tempo risparmio a
    > > cambiare PC.
    > > Oppure se qualcuno sa indicarmi un sito con
    > un
    > > confronto in GFlops tra processori.
    > > Grazie della collaborazione
    non+autenticato
  • Anche se viene utilizzato un solo Core, una macchina con ram più veloce ed un processore più recente (purché magari non di fascia bassa) può comunque avere performance superiori anche a parità di clock di CPU, perché i nuovi processori sono via via in grado di eseguire più operazioni in un solo ciclo di clock (probabilmente il motivo principale sono i core multipli, ma non solo: se prendi qualche vecchio videogioco dei tempi dei single core, che non supporta multithreading, dici che andrà più forte su di un Pentium4 a 4 Ghz o su un Core i7 a 2.9 Ghz? Io penserei il secondo -ovviamente correggetemi pure se sbaglio!-).
    Secondo QwikMark, le "estensioni" supportate dal Pentium Dual Core della mia prova sono MMX, SSE, SSE2, SSE3, SSSE3... il Core i7 supporta anche SSSE4.1 e SSSE4.2. Anche se è vero che per trarre davvero vantaggio dalle estensioni, il programma deve essere stato compilato con un compilatore che le supporti, ricordo che ai tempi in cui uscirono le MMX, dicevano che esse potevano migliorare le performance del 50% su programmi appositamente compilati per MMX (chi si ricorda il gioco POD? ^_^), ma comunque di un 10-15% (ora non ricordo esattamente) anche gli altri.

    Nota: il core i7 della mia prova è un processore di credo un anno e mezzo-due, quando era di fascia piuttosto alta (anche se non proprio il top).
    non+autenticato
  • contenuto non disponibile
  • - Scritto da: Ignorante
    > Io pensavo fosse passato di moda.

    Sono talmente passati di moda che li fanno anche per gli smartphoneA bocca aperta
    non+autenticato
  • I benchmark misurano quello che misurano. Se io voglio giocare a Crisis sarà il benchmark di Crisis a dirmi quanto è veloce il sistema. Se io devo usare un sistema di simulazione elettronica sarà a dirmi quanto il mio sistema è adatto a fare questo lavoro.
    I benchmark generici sono fuffa per niubbi, tanta caciara per nulla.Sorride
    non+autenticato
  • - Scritto da: prova123
    > I benchmark generici sono fuffa per niubbi, tanta
    > caciara per nulla.

    Quoto. In passato guardando questi test generici ho preso cantonate con vario hardware. Mai più.
    non+autenticato
  • - Scritto da: prova123
    > I benchmark misurano quello che misurano. Se io
    > voglio giocare a Crisis sarà il benchmark di
    > Crisis a dirmi quanto è veloce il sistema. Se io
    > devo usare un sistema di simulazione elettronica
    > sarà a dirmi quanto il mio sistema è adatto a
    > fare questo
    > lavoro.
    > I benchmark generici sono fuffa per niubbi, tanta
    > caciara per nulla.
    >Sorride

    Beh i benchmark sono utili qualora aggiorni un pc,in caso di overclock,o pesanti interventi sull'OS sempre sullo stesso hardware
    non+autenticato
  • > Beh i benchmark sono utili qualora aggiorni un
    > pc,in caso di overclock,o pesanti interventi
    > sull'OS sempre sullo stesso
    > hardware

    ma neanche un po.

    Aggiorno un PC perchè lo ritengo lento e per capire che quello nuovo è veloce mi serve un programma che me lo dice, vuole dire che i torni non contano.
  • - Scritto da: pippo75
    > ma neanche un po.
    >
    > Aggiorno un PC perchè lo ritengo lento e per
    > capire che quello nuovo è veloce mi serve un
    > programma che me lo dice, vuole dire che i torni
    > non
    > contano.

    No ho detto stesso hardware ma con modifiche.

    Per esempio CPU standard da 2 Ghz ? portandola a circa 2.5-2.8 Ghz vedi di quanto è il salto prestazionale,stessa cosa per FSB,RAM,VGA,HDD,ecc

    E' un indicazione di massima per vedere dopo le modifiche di quanto aumentano le prestazioni in modo da poter fare un confronto.
    non+autenticato
  • contenuto non disponibile
  • Io li faccio a modo mio, con alcuni dati campione su cui effettuare, sempre con gli stessi programmi e parametri, una compressione dati, una compressione video ed una compressione audio.
  • contenuto non disponibile
  • Ovviamente tengo presente questa cosa ... ad esempio, il programma che converte in MP3 avvia una compressione per processore, reale o virtuale che sia; ovviamente, sul quadricore che utilizzo ora i risultati non sono assolutamente paragonabili a quelli ottenuti su un vecchio Pentium 4 a core singolo e non HT.
  • il problema e' diverso, faccio un esempio:
    Competizione corsa 100 metri, durante la corsa il cronometro gira piu' lentamente di come dovrebbe, per cui l'atleta appare aver compiuto la corsa in meno tempo ed essere stato piu' veloce.
    non+autenticato