Mauro Vecchio

USA, i ragazzi si preoccupano della privacy mobile

Aumenta il livello di sensibilità verso le delicate problematiche legate alla raccolta e condivisione dei dati personali da smartphone e tablet. I teenager statunitensi sono sempre più consapevoli

Roma - Basandosi su di un campione anagrafico tra i 12 e i 17 anni, il 58 per cento dei teenager statunitensi ha scaricato almeno un'applicazione sul proprio dispositivo mobile (smartphone e tablet). Tra i risultati statistici della teens and privacy management survey - promossa dagli analisti del centro Pew Internet & American Life Project - la generazione connessa in mobilità sembra diventata più sensibile alle delicate problematiche legate alla tutela della riservatezza digitale.

Il 51 per cento del campione selezionato da Pew ha infatti deciso di evitare lo scaricamento di certe (non meglio specificate) app per questioni relative alla privacy personale. Circa la metà di questa fetta statistica (26 per cento) ha scelto la via della disinstallazione perché venuta a sapere delle attività di raccolta dei dati personali attraverso gli strumenti GPS o social.

Per quanto concerne la gestione delle applicazioni legate al tracciamento geolocalizzato, il 46 per cento dei teenager statunitensi ha deciso di disattivare varie feature perché preoccupato dalla possibile condivisione di informazioni sull'esatta posizione geografica. (M.V.)
Notizie collegate
1 Commenti alla Notizia USA, i ragazzi si preoccupano della privacy mobile
Ordina