Mauro Vecchio

Ellison e Schmidt litigano a distanza per il copyright di Java

Oracle accusa Google di sfruttamento illecito del proprio codice all'interno di Android. Ma il chairman di Mountain View ribadisce: il giudice ci ha dato ragione. In appello si vedrà

Roma - Intervistato dal network statunitense CBS, il CEO di Oracle Larry Ellison non ha certo usato mezzi termini nei confronti del timoniere di Google Larry Page, accusato di aver sfruttato illegalmente il codice di Java all'interno del sistema operativo Android. Nel 2010 l'azienda di Redwood City ha già denunciato BigG per violazione della proprietà intellettuale in quasi 40 API di Android basate sullo stesso linguaggio Java.

Evidentemente a Larry Ellison non è andata giù la successiva decisione del giudice distrettuale: ovvero che le API non possono essere soggette alla tutela del diritto d'autore. "Non siamo in competizione con Google - ha spiegato Ellison a Charlie Rose - Non facciamo quello che fa Google. Pensiamo soltanto che loro hanno preso la nostra roba e che questo non è corretto. Credo che quello che hanno fatto rappresenti un'azione assolutamente malvagia".

A parte la solita citazione del celebre motto di Mountain View, alle parole di Ellison ha risposto il chairman di Google Eric Schmidt, con un breve post sul suo profilo personale sul social network G+. Le accuse di Ellison sarebbero del tutto infondate, "e non è una mia opinione personale - scrive Schmidt - a stabilirlo è stato un giudice distrettuale degli Stati Uniti".
Con il post di Schmidt è stata così ripercorsa la saga legale che dal 2010 vede opposte Google e Oracle (con tanto di appello presentato dall'azienda di Ellison). In sostanza, il giudice distrettuale aveva stabilito che il diritto d'autore non può impedire a soggetti terzi lo sfruttamento della struttura, sequenza o organizzazione delle API. "Ad esempio - spiega Schmidt - non si può applicare il diritto d'autore all'idea di addizionare due numeri".

I due grandi capi non se le mandano a dire, e pare pacifico affermare che la questione non sia finita con questo scambio al vetriolo.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàOracle contro Google, appello per JavaRicomincia lo spettacolo, questa volta fioccano le storie di fantasia ispirate ai romanzi di Harry Potter. L'azienda di Larry Ellison non ci sta e vuole sia fatta giustizia. Android è una copia di Java, e Mountain View va sanzionata
  • BusinessCaso Java, Oracle paghi le spese a GoogleIl giudice ha stabilito l'obbligo per Oracle di coprire le spese legali di Google. E' l'ennesima batosta per Oracle, in attesa di un prevedibile "secondo tempo" con l'appello
3 Commenti alla Notizia Ellison e Schmidt litigano a distanza per il copyright di Java
Ordina
  • Quello che è stato fatto per creare Android è stato: (1) usare il Java come linguaggio, (2) riscrivere le librerie principali di Java mantenendone nomi di classi e funzioni, e l'organizzazione dei package.

    Dal processo è uscito che in questa opera di riscrittura 9 righe di codice (su qualche milione) erano identiche a quelle della corrispondente funzione Java. Queste:

    private static void rangeCheck(int arrayLen, int fromIndex, int toIndex {
         if (fromIndex > toIndex)
             throw new IllegalArgumentException("fromIndex(" + fromIndex +
                   ") > toIndex(" + toIndex+")");
         if (fromIndex < 0)
             throw new ArrayIndexOutOfBoundsException(fromIndex);
         if (toIndex > arrayLen)
             throw new ArrayIndexOutOfBoundsException(toIndex);
    }

    Essendo un po' poco per basarci una causa "billionaria", la contestazione si è spostata sui nomi delle classi/funzioni e sulla loro organizzazione in package (non sul codice che le implementa), di cui Oracle avrebbe voluto che fosse riconosciuto il diritto d'autore. In altre parole: diritto d'autore sul nome della libreria e sui nomi delle funzioni. Per fortuna non è stato concesso.
  • - Scritto da: bradipao
    > Quello che è stato fatto per creare Android è
    > stato: (1) usare il Java come linguaggio, (2)
    > riscrivere le librerie principali di Java
    > mantenendone nomi di classi e funzioni, e
    > l'organizzazione dei
    > package.
    >
    > Dal processo è uscito che in questa opera di
    > riscrittura 9 righe di codice (su qualche
    > milione) erano identiche a quelle della
    > corrispondente funzione Java.
    > Queste:
    >
    > private static void rangeCheck(int arrayLen, int
    > fromIndex, int toIndex
    > {
    >     if (fromIndex > toIndex)
    >           throw new
    > IllegalArgumentException("fromIndex(" + fromIndex
    > +
    >                ") > toIndex(" + toIndex+")");
    >     if (fromIndex < 0)
    >           throw new
    > ArrayIndexOutOfBoundsException(fromIndex);
    >     if (toIndex > arrayLen)
    >           throw new
    > ArrayIndexOutOfBoundsException(toIndex);
    > }
    >
    > Essendo un po' poco per basarci una causa
    > "billionaria", la contestazione si è spostata sui
    > nomi delle classi/funzioni e sulla loro
    > organizzazione in package (non sul codice che le
    > implementa), di cui Oracle avrebbe voluto che
    > fosse riconosciuto il diritto d'autore. In altre
    > parole: diritto d'autore sul nome della libreria
    > e sui nomi delle funzioni. Per fortuna non è
    > stato
    > concesso.
    questo legal harrassment dovrebbe essere illegale.Con la lingua fuori
    e forse lo e'... esistono delle norme sull'abuso del diritto (Abuse of process) ecc..
    non+autenticato
  • "Ad esempio - spiega Schmidt - non si può applicare il diritto d'autore all'idea di addizionare due numeri".
    Non si può, solo perché i numeri e le operazioni matematiche sono state inventate/scoperte molto prima che esistessero gli Stati Uniti, perché con la politica demenziale dei brevetti che hanno lì, oggi potrebbero benissimo... sperando che si accontentino di mettere la mela morsicata al posto del +, la G al posto del X.... ecc, e non vogliano essere pagati per l'uso
    non+autenticato