AOL, accuse di monopolio

Il problemino che ha afflitto gli utenti di AOL 5.0 ora diventa la ragione per una accusa di pratiche scorrette e "monopolismo" cui viene dato ampio risalto

Web - Per America Online potrebbe essere l'inizio di una lunga e "spiacevole" battaglia giudiziaria. Un concorrente del megaprovider, la Galaxy Internet Services, ha infatti deciso di denunciare AOL per tattiche anticoncorrenziali e strategie monopolistiche. Secondo Galaxy, AOL sta tentando di buttare fuori dal mercato i provider concorrenti.

Galaxy sostiene nella sua denuncia che gli utenti che installano AOL 5.0 per connettersi ad America Online e sfruttare i suoi servizi, non possono montare sul proprio computer software di connessione per altri provider. Si tratta di una contestazione che era già stata mossa ad AOL all'epoca della release della versione 5.0 ma che ora, con la denuncia per abuso di posizione dominante, sembra assumere una nuova valenza.

I media americani stanno dando ampio risalto al caso, anche perché si è appena concluso il processo che ha condannato Microsoft, un processo a cui AOL ha partecipato come "testimone" e in cui il peso delle dichiarazioni del megaprovider ha avuto un ruolo importante.
TAG: mercato