Mauro Vecchio

Google Plus e i post da incastonare

Anche il social network di Google permetterà l'embedding dei post all'interno di varie piattaforme digitali, con partnership prestigiose nell'editoria online

Roma - Annunciate sul blog ufficiale degli sviluppatori di G+, due novità tra gli strumenti digitali a disposizione degli utenti iscritti alla piattaforma social di Mountain View. Con la piattaforma Autorship, i singoli creatori di contenuti online potranno vedere il proprio nome associato al link restituito dal motore di ricerca di BigG. Ad esempio, tutti quelli che accederanno tramite G+ a piattaforme di blogging come WordPress saranno evidenziati come autori delle varie pubblicazioni indicizzate sul web.

La seconda novità annunciata dal social network di Mountain View riguarda la possibilità di effettuare l'embedding dei singoli post su siti personali, blog o testate digitali. Da Rolling Stone a Sports Illustrated, numerosi publisher anglofoni hanno già stretto accordi con la Grande G per autorizzare l'inserimento dei contenuti social. Una mossa obbligata dopo la feature introdotta da Facebook sulla scia di Twitter. (M.V.)
Notizie collegate