Mauro Vecchio

Facebook, il volto macabro della pubblicità social

Un'inserzione sul social network californiano mostra il viso di una ragazza suicidatasi in Canada per molestie fisiche e cibernetiche. La famiglia esplode e il sito in blu si scusa per l'incidente

Roma - Un incidente terribile tra le campagne pubblicitarie che sfruttano i volti degli utenti su Facebook per la promozione di siti dedicati agli appuntamenti online. In una delle tante inserzioni per trovare l'amore sulle piattaforme di dating, l'inserimento di alcune fotografie della giovane canadese Rehtaeh Parsons, suicidatasi nello scorso aprile perché vittima di bullismo cibernetico dopo la pubblicazione su Internet di alcune immagini relative ad un episodio di violenza sessuale.



Sconvolta dalle inserzioni sul social network californiano, la famiglia Parsons non ha esitato a denunciare quello che risulterebbe come il "peggior messaggio pubblicitario mai comparso su Facebook". I responsabili del sito in blu hanno provveduto immediatamente a rimuovere il contenuto con il viso della ragazza, annunciando l'interruzione di qualsiasi rapporto commerciale con l'azienda responsabile.

Nel vortice delle polemiche sulla nuova funzione di riconoscimento automatico dei volti, l'azienda di Menlo Park aveva già affrontato la questione relativa all'inserimento dei suoi utenti nelle inserzioni pubblicitarie di terze parti. Un portavoce di Facebook ha presentato le scuse di tutta l'azienda alla famiglia Parsons, sottolineando come la responsabilità dell'accaduto sia tutta a carico dei pubblicitari che sfruttano le foto su Internet per promuovere i propri servizi. (M.V.)
Notizie collegate
  • AttualitàFacebook riorganizza la privacyIl sito in blu modifica le sue policy sul trattamento dei dati personali per fini pubblicitari. Le immagini profilo saranno soggette alla tecnologia di riconoscimento facciale
25 Commenti alla Notizia Facebook, il volto macabro della pubblicità social
Ordina
  • Iscrivendosi a Facebook si accetta tutto ciò che c'è scritto riguardo il trattamento dei dati personali, e pur non volendo leggere tutto quel wall of text si sa bene che i propri dati e foto vengono usati per scopi commerciali, la foto di ognuno di noi potrebbe essere su qualunque sito: mia sorella potrebbe essere su un sito porno, un mio amico magari un pò in carne su qualche sito di porcherie per dimagrire. I dati personali vengono usati anche se si sceglie di chiudere l'account, nessuna informazione sarà cancellata per sempre infatti anche dopo la sospensione del profilo la pagina è visualizzabile.
    Quella ragazza era iscritta a Facebook e quindi aveva ceduto tutti i suoi dati ad una rete paurosamente vasta di traffico di identità. Muoiono in media 160mila persone al giorno nel mondo e non credo che una qualunque azienda che abbia bisogno di una foto qualsiasi si metta a controllare prima chi è morto e chi è vivo, non è nè questione di cattiveria nè di sadismo come ha frettolosamente detto qualcuno.
    In alcune risposte qui noto un livello di demenza allucinante, certa gente commenta giusto per dar fiato alla bocca e apparire morali e giusti, finendo per essere solo degli idioti. Per rimuovere contenuti ritenuti inappropriati da qualunque sito internet basta una segnalazione, non c'è bisogno di fare casini ogni volta. In fin dei conti, questa notizia frega solo ai genitori della ragazza in questione, a me come a voialtri può sbattere facilmente il cazzo.
    non+autenticato
  • > Iscrivendosi a Facebook si accetta tutto ciò che
    > c'è scritto riguardo il trattamento dei dati
    > personali, e pur non volendo leggere tutto quel
    > wall of text si sa bene che i propri dati e foto
    > vengono usati per scopi commerciali, la foto di
    > ognuno di noi potrebbe essere su qualunque sito:

    Non proprio: le condizioni d'uso non dicono che si può utilizzare a fine di lucro l'immagine di una persona senza il suo consenso.
    Nel caso specifico, c'è la complicazione ulteriore della morte della persona raffigurata, e i diritti sull'immagine spettano agli eredi, in questo caso ai genitori.


    > mia sorella potrebbe essere su un sito porno, un
    > mio amico magari un pò in carne su qualche sito
    > di porcherie per dimagrire.

    Sul web accade anche al di fuori di Facebook, eh? Occhiolino
    Ma non significa che sia lecito.
    non+autenticato
  • A prescindere da tutto,perchè è necessario che qualcuno utilizzi le nostro foto per i loro scopi pubblicitari e non? C è tanta gente che ama stare al centro dei riflettori, bene si potrebbe creare un consenso e quindi chi decide di esporsi nè sarebbe lieto, senza usare invece chi ama stare nell' anonimato.. o quasi. Sono d' accordo con i genitori di quella povera ragazza.
    non+autenticato
  • Basta con questa foto… pubblicata per sbaglio o no, non dimentichiamoci che una ragazza si è suicidata perche è stata violentata e presa in giro e quanti casi sono come questo… Ma voi vi rendete conto???!!! Penso che essere vittima di uno stupro è la peggior cosa che può capitare a una donna, in che razza di mondo malato viviamo? Spero proprio che tutti quelli che l'hanno presa in giro paghino e che l’avranno sulla coscienza per tutta la vita, ammesso che hanno una coscienza...e gli stupratori spero che brucino all'inferno, maledetti bastardi
  • Considerato il quoziente intellettivo medio degli utenti di questo socialcoso, non sarebbe opportuno cambiarne il nome, almeno in Italia, in "Fessobuc"?

    Perlomeno renderebbe l'idea...
  • Un motivo in più (se mai ce ne fosse stato bisogno) per stare alla larga da FB
  • concordo pippo..una violenza dietro l' altra ..come si fa ad essere cosi' cattivi e sadici
    non+autenticato
  • Che noia 'sta cosa del "non pare appropriato" e simili...
    Addirittura hanno fatto causa...mah!
    A me non darebbe affatto fastidio...ne sarei completamente indifferente. Tanto è solo una foto (e pure nemmeno venuta male), per cui...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Antony
    > Che noia 'sta cosa del "non pare appropriato" e
    > simili...
    > Addirittura hanno fatto causa...mah!
    > A me non darebbe affatto fastidio...ne sarei
    > completamente indifferente.

    Mettiamola cosi'.
    Se tu fossi parente di uno dei morti nel naufragio della Concordia, e la Costa Crociere usasse la sua foto per pubblicizzare quanto e' bella e divertente una crociera con la Costa, ne saresti completamente indifferente?

    Perche' di questo si tratta.
  • beh in realtà non è proprio così. FB nelle impostazioni della privacy ti chiede se vuoi che le tue foto vengano associate ad inserzioni di pagine per le quali hai cliccato "mi piace". Cosa alla quale si può anche rispondere di no. Cosa ne può sapere FB che la ragazza è morta? Inoltre la tua faccia non viene mostrata nelle inserzioni di tutto il mondo ma solo ai tuoi amici nel formato di "A Xxxx Xxxx piace questa pagina" o qualcosa del genere. FB semplicemente bisognerebbe usarlo con un po' di cervello. Io sono iscritto ed ho disabilitato quasi tutto, anche la ricerca tramite motore di ricerca del mio nome.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mastro Geppetto
    > beh in realtà non è proprio così. FB nelle
    > impostazioni della privacy ti chiede se vuoi che
    > le tue foto vengano associate ad inserzioni di
    > pagine per le quali hai cliccato "mi piace". Cosa
    > alla quale si può anche rispondere di no.

    Come se rispondere di no servisse a qualcosa.

    > Cosa ne
    > può sapere FB che la ragazza è morta?

    Gia', povero FB, che cosa ne puo' sapere lui delle questioni private dei singoli utenti?

    > Inoltre la
    > tua faccia non viene mostrata nelle inserzioni di
    > tutto il mondo ma solo ai tuoi amici nel formato
    > di "A Xxxx Xxxx piace questa pagina" o qualcosa
    > del genere.

    Peccato che "tuoi amici" == "chiunque"

    > FB semplicemente bisognerebbe usarlo
    > con un po' di cervello. Io sono iscritto ed ho
    > disabilitato quasi tutto, anche la ricerca
    > tramite motore di ricerca del mio
    > nome.

    Potrei indovinare facilmente il numero dei tuoi neuroni dopo questa affermazione che hai appena fatto.
  • non c'è bisogno di insultare... a meno che non ti renda un po' più sicuro di te... comunque non era questo il punto della mia affermazione finale. Volevo solo dire che so di avere dato in pasto la mia privacy a Fb e ne sono consapevole (per quello che poi ci faccio su FB) ho disabilitato però più cose possibili. Se poi vuoi contarmi i neuroni fallo pure, fai una ricerca su Google.
    non+autenticato
  • >Se poi vuoi contarmi i
    > neuroni fallo pure, fai una ricerca su
    > Google.
    Fammi capire.... hai dato in pasto la tua immagine a FB e i tuoi neuroni a Google? Ma qualcosa per te lo hai tenuto?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mastro Geppetto
    > beh in realtà non è proprio così. FB nelle
    > impostazioni della privacy ti chiede se vuoi che
    > le tue foto vengano associate ad inserzioni di
    > pagine per le quali hai cliccato "mi piace". Cosa
    > alla quale si può anche rispondere di no. Cosa ne
    > può sapere FB che la ragazza è morta? Inoltre la
    > tua faccia non viene mostrata nelle inserzioni di
    > tutto il mondo ma solo ai tuoi amici nel formato
    > di "A Xxxx Xxxx piace questa pagina" o qualcosa
    > del genere. FB semplicemente bisognerebbe usarlo
    > con un po' di cervello. Io sono iscritto ed ho
    > disabilitato quasi tutto, anche la ricerca
    > tramite motore di ricerca del mio
    > nome.

    Mi spiace, ma in questo caso è stata una società esterna ad usare una foto per pubblicizzare un sito di dating, non è un annuncio contestuale riservato agli amici stile "A xxx piace yyy". Il paragone della Concordia è molto azzeccato, la ragazza si è suicidata per molestie sessuali e CyberBullismo e poi la sua immagine viene usara per sponsorizzare un sito dove provarci con belle ragazze canadesi? No, mi spiace, l'agenzia che ha creato la pubblicità ha toppato in pieno, ha preso un immagine a caso senza chiedere alcuna autorizzazione e l'ha utilizzata, potevano pagare le royalty di una foto o commissionarne una, in quel caso non ci sarebbe stato alcun problema
  • Esattamente me ne fregherei.
    Sono stupidaggini queste cose che tiri in ballo.
    Posso anche capire l'essere contrariati o di poter scegliere se, e a CHI, dare la foto del proprio familiare deceduto, ma addirittura fare causa mi pare assurdo.
    Non è che l'azienda di "dating" ci abbia guadagnato qualcosa DI PIU' mostrando la foto di questa ragazza (a parte che nemmeno avevo mai visto una sua foto, quindi anche se mi fosse comparso quell'avviso non l'avrei distinta dalle altre 1000 ragazze che compaiono quotidianamente in quegli avvisi), quindi al massimo possiamo parlare di bug o di "funzionalità automatica impossibile da prevedere".
    non+autenticato
  • > Mettiamola cosi'.
    > Se tu fossi parente di uno dei morti nel
    > naufragio della Concordia, e la Costa Crociere
    > usasse la sua foto per pubblicizzare quanto e'
    > bella e divertente una crociera con la Costa, ne
    > saresti completamente indifferente?

    Denunciamo le emittenti TV che mandano onda film con attori che sono morti o si sono suicidati?
    Hanno il permesso di pubblicare? Bene.

    Non voglio che le mie foto siano usate, non le metto.

    Non ricordo a memoria le condizioni, ma FB mi chiede una licenza non esclusiva di quello che metto sul suo sito.
    Mi sta bene allora pubblico, se non mi sta bene tanti saluti.

    > Perche' di questo si tratta.
  • - Scritto da: Antony
    > Che noia 'sta cosa del "non pare appropriato" e
    > simili...
    > Addirittura hanno fatto causa...mah!
    > A me non darebbe affatto fastidio...
    Neanche a me quando sarò sotto due metri di terraA bocca aperta
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)