USA, tre anni a chi condivide film inediti

Hollywood spalleggia ed applaude una proposta legislativa che potrebbe portare in carcere, con multe elevatissime, chi diffonde sui network del P2P film o altre opere che non sono ancora disponibili sul mercato

USA, tre anni a chi condivide film ineditiNew York (USA) - C'è tutto lo stato maggiore degli studios hollywoodiani alla presentazione di una proposta di legge pensata per colpire chi condivide su internet brani di film o di altre opere prima ancora che queste siano lanciate nel mercato dai produttori e dai distributori.

L'Artists' Rights and Theft Prevention Act, così è chiamata la proposta, prende di mira specificamente chi utilizza le piattaforme di peer-to-peer, piattaforme sulle quali, come noto, sono spesso disponibili non solo album musicali che ancora devono essere lanciati ma anche interi lungometraggi. Talvolta si tratta di versioni parziali, di cattiva qualità, talvolta invece sono opere complete e di buona qualità, realizzate da qualcuno nella fase di produzione o registrate segretamente durante le anteprime delle stesse.

La legge non prende di mira soltanto chi effettivamente compie queste registrazioni, reato per il quale già ci sono normative ad hoc, ma tutti gli americani nelle cui cartelline di condivisione dei file si trovassero opere che devono ancora raggiungere il mercato. Colpevoli saranno considerati anche i gestori di siti web o aree download nelle quali si troverà il materiale protetto. Per tutti loro, oltre ai tre anni di carcere, sono possibili multe fino a 250mila dollari.
Bo DerekAll'evento con cui ieri è stata presentata la proposta di legge erano presenti non solo i due deputati che l'hanno presentata, John Cornyn e Dianne Fienstein, ma anche il presidente dell'associazione degli studios MPAA Jack Valenti, il chairman dell'associazione dei discografici RIAA, Mitch Bainwol nonché la celebre attrice Bo Derek (vedi foto).

Nel corso dell'evento sono stati citati i casi più clamorosi di pre-release abusive, casi che hanno coinvolto alcuni dei titoli più celebri della stagione cinematografica, da "Hulk" a "Tomb Raider" passando per l'ultimo episodio di "Star Wars".

La legge prevede che le pene a tre anni di carcere e 250mila dollari di multa non siano applicabili se l'opera piratata sia già stata lanciata sul mercato.
70 Commenti alla Notizia USA, tre anni a chi condivide film inediti
Ordina
  • 3 anni a chi pirata CD e il premio nobel a tutti i manager e policiti che mandano sul lastrico migliaia di persone per i loro sporchi interessi... di bene in meglio!
    non+autenticato
  • Questo si chiama terrorismo.
    non+autenticato
  • Se non li vedo al cinema.... e compro i cd originali che veramente mi interessano.....

    nn capisco tutta questa voglia di piratare......rischiando...

    volete rischiare? fatevi un giretto in deltaplano a motore con 20 nodi di vento.....tutt'altra musica....
    non+autenticato
  • Ci sono films che si trovano solo col p2p.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Ci sono films che si trovano solo col p2p.

    già, sia quanti film mai usciti in italia mi sono visto? per non parlare degli anime, che escono i giappone e FORSE, se la cosa non dà troppo fastidio, vengono doppiati in italiano solo qualche ANNO dopo, e trasmessi censurati o come tappabuchi.

    Non scherziamo, in questo senso il p2p è un grande mezzo di diffusione culturale, almeno per quanto riguarda materiale non reperibile in italia.
    non+autenticato
  • Ma scherziamo? siamo seri va....credete davvero che sarebbero in grado di farlo?
    Gli americani per quanto possano essere stupidi, hanno anche loro gli occhi per vedere. Quante persone sarebbero disposte a veder marcire il proprio figlio in galera, quando persone che hanno commesso reati ben più gravi ricevono pene minori o vengono addirittura scarcerati?

    Come minimo ci sarebbe una sollevazione popolare mastodontica! quello che credo è che i due senatori abbianmo voluto semplicemente "sparare alto"....al massimo otterrano qualche multa (e non di 250.000 dollari) e una pacca sulla spalla.

    La storia ci insegna che tirare troppo la corda è pericoloso, visto che le leggi le fanno loro, ma alla fine è il popolo bue che ha voce in capitolo, visto che siamo tanti e incazzati.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Ma scherziamo? siamo seri va....credete
    > davvero che sarebbero in grado di farlo?

    Mah... Sai, sono americani... Leggiti l'altro topic, quello su SpyGame, di oggi.
    Vedi che magari non sono in grado di fare le cose, o magari non riescono ad andare fino in fondo (con appunto nell'esempio di prima, in cui se proprio dovessero anche vincere, il nostro compatriota rischia solo di vedersi negato il visto d'ingresso in USA per un bel pezzo. Sai che danno...)

    Quello che trovo davvero preoccupante e' questo sacro furore moralista, di torquemadiana memoria, che sembra infiammare molti esponenti di enti ed apparati di controllo o governo. E allora, via con tre anni di galera o megamulte se condivido films o musica in piduepi'.... Dalli al pedofilo se per sbaglio metto sulla homepage una mia foto con la nipotina, e poi -giustamente- in galera, se gia' non mi ci han messo gli americani, perche' in tasca ho sempre i biglietti del tram usati, piegati due volte e poi arrotolati... Perdero' 'sto vizio...   Sorride))

    A conti fatti, comincio a sentirmi piu' pericoloso di chi guida ciucco e arrota le vecchiette... almeno, a vedere cosa capita...

    ==================================
    Modificato dall'autore il 14/11/2003 15.41.39
    Rey_
    146

  • - Scritto da: Anonimo
    > Ma scherziamo? siamo seri va....credete
    > davvero che sarebbero in grado di farlo?
    > Gli americani per quanto possano essere
    > stupidi, hanno anche loro gli occhi per
    > vedere. Quante persone sarebbero disposte a
    > veder marcire il proprio figlio in galera,
    > quando persone che hanno commesso reati ben
    > più gravi ricevono pene minori o vengono
    > addirittura scarcerati?

    Se si parlasse di Italia avresti ragione ma qui si parla di USA, la non c'è più libertà.
  • Se...ci fosse la stessa volontà nel tentare di punire adeguatamente chi sottrae illecitamente denaro pubblico o froda le imposte in maniera ingente, probabilmente a livello globale staremmo molto meglio (avremmo da pagare meno tasse, più servizi e qualche soldino in più per pensare di acquistare persino qualche cd)...probabilmente tra qualche tempo in Italia si potranno fare due graduatorie di tempotrascorso in galera. La prima tra il gruppo di farabutti che ha scontato una qualche pena per le vicende legate agli anni di "mani pulite" (che poi non è che siano finiti, come non erano iniziai allora...è qualcosa di continuativo) e chi ha condiviso file "indeiti" su un sistema di P2p...e ci sarà uno squilibrio tremendo, e indovinate un pò dove andrà a pendere l'ago della bilancia...L'adeguatezza della pena in certi ambiti sta sulla terra come io sarei il mago di Oz.
    non+autenticato
  • Se.. scusa mia i politici chi pensi li mantenga..
    Industriali , produttori , finanzieri tutti impastati
    chi ha i soldi DEVE avere anche il controllo politico .

    della serie peppino naviga....
    non+autenticato

  • > chi ha i soldi DEVE avere anche il controllo
    > politico .

    si ma deve tutelare tutti ... cosa che in questo momento sinceramente non percepisco .....

    Dalla serie dipendenti tartasssati libero professioni liberi di fare il c@zzo che vogliono....
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > > chi ha i soldi DEVE avere anche il
    > controllo
    > > politico .
    >
    > si ma deve tutelare tutti ... cosa che in
    > questo momento sinceramente non percepisco
    Dove sta scritto? Nella costituzione? hahhahahah Occhiolino


CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 14 discussioni)