Gaia Bottà

UE: caricatore universale sia

Una proposta per obbligare i produttori all'interoperabilità dei caricabatterie per dispositivi mobile: lo standard micro-USB, già adottato da numerosi marchi, potrebbe diventare obbligatorio per tutti. Apple compresa

Roma - Non bastano i buoni propositi, gli accordi che raccolgono dichiarazioni di intenti: l'Unione Europea ha stabilito che tutti i produttori di dispositivi mobile si adoperino perché il caricabatterie universale sia davvero tale.

L'intenzione delle istituzioni del Vecchio Continente sono esposte in una proposta della Commissione Mercato interno e protezione dei consumatori del Parlamento Europeo, votata all'unanimità dai 35 membri: "Gli apparecchi radio e i loro accessori, come i caricatori, dovrebbero essere interoperabili". L'esempio del caricabatterie è esplicito: "un caricatore universale per i telefoni renderebbe i cellulari più semplici da usare e taglierebbe i costi e gli sprechi per gli utenti". Per questo motivo, dunque, "le nuove regole dovrebbero imporre ai produttori di creare telefoni mobile compatibili con un unico caricatore".

L'Unione Europea, del resto, ha già raggiunto risultati significativi sul fronte dell'interoperabilità dei caricatori: lo standard, approvato nel 2011 e delineato dalle istituzioni e da un nutrito numero di operatori del mercato, prevede caricabatterie micro-USB. Numerosissimi produttori si sono adeguati, riverberando in tutto il mondo gli effetti positivi degli accordi stipulati con le istituzioni europee. Ma non tutti i firmatari dell'accordo hanno effettuato la transizione.
Nel mirino, in particolare, ci sarebbe Apple: i caricatori 30 pin, ma soprattutto il connettore Lightning, permettono ai prodotti di Cupertino di eseguire con efficienza lo streaming di contenuti audio e video, e di trasferire dati con risultati impensabile per i connettori micro-USB. Apple offre già la possibilità di adeguarsi allo standard, ma l'onere spetta agli utenti: l'adattatore micro-USB è venduto separatamente.

Gaia Bottà
Notizie collegate
53 Commenti alla Notizia UE: caricatore universale sia
Ordina
  • Clicca per vedere le dimensioni originali
    Clicca per vedere le dimensioni originali

    Per i dispositivi mobili forse si riesce a standardizzare il connettore di alimentazione ma dalla parte della presa elettrica quanto ci vuole ad avere una spina polarizzata con terra dell'Unione Europea?

    Per le prese si può avere un periodo di adattamento con la soluzione sopra proposta.
    Clicca per vedere le dimensioni originali
    non+autenticato
  • IEC 60906-1
    Clicca per vedere le dimensioni originali

    Eurospina
    Clicca per vedere le dimensioni originali

    Ibrida Francese/Tedesca
    Clicca per vedere le dimensioni originali

    Unione Europea - Doppia bandiera
    Clicca per vedere le dimensioni originali
    non+autenticato
  • > Per i dispositivi mobili forse si riesce a
    > standardizzare il connettore di alimentazione ma
    > dalla parte della presa elettrica quanto ci vuole
    > ad avere una spina polarizzata con terra
    > dell'Unione
    > Europea?

    Nell'Unione europea le cose da standardizzare sono molte, e non si limitano alle prese della ricarica e a quelle elettriche, che ovviamente sono sacrosante. Tutte queste differenze sono il frutto di storie nazionali profondamente diverse. Ne ricordo alcune:

    - Mano di guida : a sinistra: Gran Bretagna, Eire, Malta, Cipro; a destra tutti gli altri.
    - Unità di misura : sistema imperiale obbligatorio in Gran Bretagna per alcune misure; in uso in Eire; sistema metrico decimale obbligatorio in tutti gli altri.
    - Alfabeto : greco in Grecia e Cipro; cirillico in Bulgaria; gaelico in uso in Eire; latino in tutti gli altri.
    - Misura delle scarpe : barleycorn: Gran Bretagna e Eire; pointure Francia: Francia; pointure Italia: tutti gli altri;
    Note musicali : A B C D E F G: Gran Bretagna e Eire; A H C D E F G: Germania, Paesi Bassi, Danimarca, Svezia, Finlandia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Estonia, Lituania, Polonia, Croazia, Slovenia; do re mi fa sol la si: in tutto gli altri.

    Abbiamo ancora molto cammino da fare... Triste
    non+autenticato
  • Per 1000 motivi.
    Stiamo al livello della norma che stabilisce la curvatura della banane o la grandezza delle cozze.
    Ma quest'europa non nulla di meglio da fare che varare tonnellate di norme idiote?
  • - Scritto da: MacGeek
    > Per 1000 motivi.
    > Stiamo al livello della norma che stabilisce la
    > curvatura della banane o la grandezza delle
    > cozze.

    Vabbeh: c'è tempo e spazio.

    Vogliamo elencarli questi 1000 motivi?
    non+autenticato
  • - Scritto da: yupa non loggato
    > - Scritto da: MacGeek
    > > Per 1000 motivi.
    > > Stiamo al livello della norma che stabilisce la
    > > curvatura della banane o la grandezza delle
    > > cozze.
    >
    > Vabbeh: c'è tempo e spazio.
    >
    > Vogliamo elencarli questi 1000 motivi?

    Beh, 1000 sono magari troppi.
    Però sta di fatto che è una norma che blocca l'innovazione.

    Oggi l'USB 2 è un'interfaccia comune (pur nelle sue varianti), ma domani un'altra interfaccia migliore potrebbe sostituirla, ma con quella norma bisognerà tenersi ANCHE la vecchia quindi la complessità e il costo dei device crescerebbe inutilmente.

    Anche le caratteristiche elettriche cambiano, magari oggi i V e mW che fornisce l'USB sono ottimali per caricare gli odierni device (neanche tanto, in realtà, perché sono già pochi per i tablet), ma domani con batterie a ricarica rapida, o altre innovazioni del genere, potrebbero essere un limite.

    E poi, perché no, interfacce innovative come quelle dei nuovi iPhone non sono contemplate e dovresti includerne 2. Insomma non ha senso per me bloccare con una norma uno standard che sicuramente in 3-5 anni sarà obsoleto per tutti e che lo è già oggi per i device più innovativi.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 01 ottobre 2013 16.51
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: MacGeek
    > E poi, perché no, interfacce innovative come
    > quelle dei nuovi iPhone non sono contemplate e
    > dovresti includerne 2. Insomma non ha senso per
    > me bloccare con una norma uno standard che
    > sicuramente in 3-5 anni sarà obsoleto per tutti e
    > che lo è già oggi per i device più
    > innovativi.
    Vuoi mettere avere l'antivirus nel caricabatterie?A bocca aperta
    non+autenticato
  • guarda che per la ricarica non importa la versione usb: un caricatore attuale funzionerebbe anche con una ipotetica usb 5.0
    non+autenticato
  • Non confondere l'attacco al telefono (micro-usb) con il trasformatore che è a monte (lo scatolino con la spina), è quest' ultimo che varia in funzione della corrente assorbita (più piccolo se le batterie sono più capaci).
    non+autenticato
  • - Scritto da: MacGeek
    > Però sta di fatto che è una norma che blocca
    > l'innovazione.

    Blocca più che altro il proliferare di adattatori e caricatori di ogni tipo, ovvero una buona parte dell'enorme immondizia che ha sempre accompagnato il mondo mobile.
    Una volta tanto che mettono pezza per qualcosa di utile...

    > Oggi l'USB 2 è un'interfaccia comune (pur nelle
    > sue varianti), ma domani un'altra interfaccia
    > migliore potrebbe sostituirla, ma con quella
    > norma bisognerà tenersi ANCHE la vecchia quindi
    > la complessità e il costo dei device crescerebbe
    > inutilmente.

    Gli standard cambiano con l'evoluzione tecnologica. Se non fosse così staremmo ancora ai jack microfonici da 6mm.

    > Anche le caratteristiche elettriche cambiano,
    > magari oggi i V e mW che fornisce l'USB sono
    > ottimali per caricare gli odierni device
    > (neanche tanto, in realtà, perché sono già pochi
    > per i tablet), ma domani con batterie a ricarica
    > rapida, o altre innovazioni del genere,
    > potrebbero essere un
    > limite.

    La meccanica USB permette di far scorrere fino a 5A sui pin di alimentazione. Alzando la tensione si arriva a 100W dichiarati.
    Che dici, basteranno su uno smartphone?

    Inoltre considera che con soli due pin di segnale si arriva a 10Gbps (USB 3.1) mantenendo il medesimo connettore.
    Che dici, basteranno su uno smartphone?


    > E poi, perché no, interfacce innovative come
    > quelle dei nuovi iPhone non sono contemplate e
    > dovresti includerne 2. Insomma non ha senso per
    > me bloccare con una norma uno standard che
    > sicuramente in 3-5 anni sarà obsoleto per tutti e
    > che lo è già oggi per i device più
    > innovativi.

    Stai forse parlando del Lightning, che se ti guardi BENE le specifiche viene fuori che è una doppia USB (a parte la fregnaccia degli ID)?

    Aldilà del fatto che tanto innovativa non è, si nota che:
    - è (molto) più costosa della USB
    - è proprietaria -> obbliga alle royalties (adottarla come standard genererebbe un bel monopolio)
    - non è retrocompatibile, guarda caso ha rotto con i dispositivi Apple più vecchi del 2012 = pessimo indice di longevità.
  • - Scritto da: Albedo 0,9
    > - Scritto da: MacGeek
    > La meccanica USB permette di far scorrere fino a
    > 5A sui pin di alimentazione. Alzando la tensione
    > si arriva a 100W
    > dichiarati.
    > Che dici, basteranno su uno smartphone?

    Pensavo che gli ampere forniti fossero standard. Mi accorgo ora che non lo sono. Questo spiega perché anche se hai lo stesso connettore un caricabatteria va bene e l'altro no.
    Quindi, ancora di più, a che pro un connettore standard?
  • - Scritto da: MacGeek
    > - Scritto da: Albedo 0,9
    > > - Scritto da: MacGeek
    > > La meccanica USB permette di far scorrere
    > fino
    > a
    > > 5A sui pin di alimentazione. Alzando la
    > tensione
    > > si arriva a 100W
    > > dichiarati.
    > > Che dici, basteranno su uno smartphone?
    >
    > Pensavo che gli ampere forniti fossero standard.
    > Mi accorgo ora che non lo sono. Questo spiega
    > perché anche se hai lo stesso connettore un
    > caricabatteria va bene e l'altro
    > no.

    Forse dovresti ristudiarti un po' di elettronica lineare.
    Gli "ampere forniti" riguardano il massimo carico sopportabile dall'alimentatore (il caricabatterie). In genere più questo è grosso e costoso, più potenza generalmente riesce a fornirti.
    Il massimo amperaggio sopportabile dalla USB, invece, dipende strettamente dalla dimensione dei pin del connettore, dimensione piste, disturbi d'accoppiamento segnali etc. Per standard arriva a 5A, oltre ai quali sicuramente vedrai fondere il connettore.

    Se il tuo smartphone richiede diciamo 20W per ricaricarsi (4A x 5V), ma l'alimentatore per sua natura riesce a tirarne fuori di meno, allora ecco che non riesce a ricaricarti la batteria.
    Ma il problema in quel caso è l'alimentatore, non la USB.

    > Quindi, ancora di più, a che pro un connettore
    > standard?

    Primo per la meccanica, evitando l'immondizia degli adattatori.
    Secondo per il pinout che è sempre il medesimo (2 pin di alimentazione, 2/3 pin per i dati, sempre alla stessa posizione).

    Pensa che comodità: ad oggi pure le e-cig possono essere ricaricate via USB, anche se mediamente richiedono molta corrente.
  • - Scritto da: MacGeek


    > Beh, 1000 sono magari troppi.
    > Però sta di fatto che è una norma che blocca
    > l'innovazione.

    Anche la norma di non guidare ubriachi blocca l'innovazione e la sperimentazione di tanti camionisti dell'est !!!
    krane
    22544
  • - Scritto da: MacGeek
    > Per 1000 motivi.
    > Stiamo al livello della norma che stabilisce la
    > curvatura della banane o la grandezza delle
    > cozze.
    O i bordi dei cellulariA bocca aperta
    non+autenticato
  • per avere più amperaggio con un normale micro-usb basta prendere un cavetto doppio come quello degli hard-disk di grande capienza non alimentati esternamente
    non+autenticato
  • Molto bello.
    A quando il caricabatterie x auto elettriche?
    Attualmente ogni auto si porta dietro un costoso e pesante caricabatteria perché le "colonnine" forniscono solo la 230V AC.

    Riguardo agli smartphone
    Ho diversi dispositivi, il caricabatteria più scarso è più lento ma comunque funziona su tutti i dispositivi.
    non+autenticato
  • boh, a me sul BB esce proprio la schermata che dice che il caricabatterie collegato non è sufficiente a caricare la batteria... OSorpresa
    non+autenticato
  • io ad esempio ho un Samsung e un Blackberry: col caricatore del primo non ho l'amperaggio sufficiente a caricare il secondo, mentre con quello del BB ci carico il Samsung! devono standardizzare anche i valori di corrente in uscita, se no si rischia di avere sì la stessa connessione, che però si rivela inutile...
    non+autenticato
  • "amperaggio" è la misura di corrente.
    Non credo che non sia sufficiente, solo che ci mette più tempo a caricarlo.
    Altra cosa è la tensione o voltaggio, lì si che devi stare attento a non eccedere...
    non+autenticato
  • vabbè, amperaggio, voltaggio..... A bocca aperta
    scherzi a parte, mi esce proprio la schermata sul BB che mi avvisa che il caricatore non è sufficiente a caricare il telefono! O_o
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 13 discussioni)