Gaia Bottà

Google, riavvicinamento antitrust

Nuove proposte da Mountain View, nuova valutazione delle autorità europee. Almunia è fiducioso: quella da battere è la strada dell'accordo

Roma - Le nuove proposte avanzate da Google per ridisegnare la propria posizione nel mercato del search e dell'advertising europeo riavvicinano Mountain View alla prospettiva di un accordo. Il tira e molla con le autorità europee potrebbe essere vicino a concludersi con una stretta di mano.

A dare conto dell'evoluzione della situazione, un discorso pronunciato dal vicepresidente della Commissione Europea Joaquín Almunia. Ripercorrendo le tappe del contenzioso, aperto nel novembre 2010 su segnalazione di una agguerrita coalizione di concorrenti sul mercato del search generalista e settoriale e di attori del mercato dell'advertising online, costellato di dimostrazioni di buone intenzioni da parte di Google, e reprimende da parte delle autorità antitrust, Almunia illustra il contesto delicato in cui opera la Grande G. Problemi antitrust in materia di brevetti per la controllata Motorola, questioni aperte sul fronte dell'ecosistema Android, il complesso versante della privacy fanno da cornice ad un mercato in movimento, che sempre più abbraccia il settore mobile: Google allunga i propri tentacoli in numerosi ambiti, e si muove con rapidità, aggiornando costantemente i propri servizi e ricollocandosi altrettanto costantemente sul mercato. Per questo motivo la questione che l'Europa si trova a dover a valutare è particolarmente spinosa.

La scelta di accogliere le soluzioni di Google e di costruire su di esse, qualora fossero ritenute adeguate, un accordo legalmente vincolante per la Grande G, ricorda Almunia, ha dato origine ad un fitto scambio di idee in una triangolazione fra le autorità, Mountain View e i suoi concorrenti. Ora, a cinque mesi dalla prima proposta, la pace sembra vicina. "Non posso svelare gli aspetti confidenziali, né anticipare le conclusioni dell'indagine antitrust in corso - ha chiarito Almunia - ma cercherò di dare più informazioni possibili entro questi limiti". Le negoziazioni si sono intessute fino alla giornata di ieri, e Google ha presentato un nuovo piano, con nuove soluzioni.
Mountain View offrirebbe ora, nel quadro del search settoriale, una maggiore visibilità ai servizi dei concorrenti, che potranno posizionare il proprio logo accanto ai propri servizi, insieme a un testo dinamico che ne illustri le potenzialità. Anche sul fronte dei risultati di ricerca a pagamento, Google offrirebbe la possibilità di competere anche agli attori più piccoli, in grado di partecipare alle aste per posizionarsi rispetto a query di ricerca più specializzate. Di contro, i fornitori di servizi che non vogliano vedere i propri contenuti riciclati fra le pagine dei servizi concorrenti di Mountain View poranno disporre di meccanismi di opt-out più chiari e precisi. Anche per quanto riguarda gli accordi in materia di advertising, Google offrirebbe ai competitor più libertà nella gestione delle campagne, abbandonando le pretese di esclusività nella lente delle autorità europee.

Si tratterebbe di un "momento chiave", a parere di Almunia: le proposte messe sul piatto da Google sarebbero "significativamente migliorate". E se la multa della Commissione potrebbe raggiungere il 10 per cento del fatturato annuale di Google, la strada migliore e più rapida da battere resterebbe quella di un accordo, concretizzabile entro la primavera del 2014, dopo una valutazione tecnica dell'impatto delle proposte di Google sul mercato e sulla concorrenza, supportata anche da un esperto indipendente che affiancherà l'antitrust europeo nell'esame. "Gli utenti europei vogliono una concorrenza non distorta e libertà di scelta nel search online e nell'advertising basato sul search - ha concluso Almunia - La vogliono ora e, se possibile, la meritano ora, non dopo anni di controversie".

Gaia Bottà
Notizie collegate
  • BusinessGoogle, soluzioni per l'antitrust UEL'azienda di Mountain View invia ulteriori proposte per chiudere la querelle per il presunto abuso di posizione dominante sul mercato del search. Si spera di evitare una multa miliardaria
  • AttualitàGoogle, la UE vuole di piùLa Commissione non sarebbe soddisfatta delle proposte di Mountain View per chiudere la querelle antitrust. Almunia anticipa: chiederemo altre modifiche. E non esclude che prossimamente tocchi ad Android
  • BusinessAntitrust, l'Europa studia AndroidLa Commissione Europea sarebbe pronta alle indagini preliminari sulle presunte pratiche anti-competitive adottate dalla Grande G per spingere il suo OS alla conquista del mercato del Vecchio Continente
  • BusinessGoogle, pubblicità nel mirino antitrust?La Federal Trade Commission (FTC) avrebbe intenzione di avviare un'indagine sul presunto abuso di posizione dominante nel settore della display advertising. Google imporrebbe l'utilizzo di tutti i suoi servizi
7 Commenti alla Notizia Google, riavvicinamento antitrust
Ordina
  • Sei una grande, Bottà, scrivi sempre dei buoni articoli!
    non+autenticato
  • L'Europa parla di concorrenza quando nonostante tutte le chiacchiere e le multe tocca ritrovarsi piastrellotto preinstallato in tutti i portatili che si vedono a giro. A quando il ballot screen per il sistema operativo? Per cambiare motore di ricerca basta un click.
  • > L'Europa parla di concorrenza quando nonostante
    > tutte le chiacchiere e le multe tocca ritrovarsi
    > piastrellotto preinstallato in tutti i portatili
    > che si vedono a giro. A quando il ballot screen
    > per il sistema operativo? Per cambiare motore di
    > ricerca basta un
    > click.

    Un ballot screen sul modello di quello del browser dovrebbe comprendere 11 sistemi operativi. Minix, linux, BSD, plan 9 e illumos son gratis, e qui tutto bene. Gli altri chi li paga? Sorride
    non+autenticato
  • - Scritto da: Ricky Portera

    > Un ballot screen sul modello di quello del
    > browser dovrebbe comprendere 11 sistemi
    > operativi. Minix, linux, BSD, plan 9 e illumos
    > son gratis, e qui tutto bene. Gli altri chi li
    > paga?
    > Sorride

    ma ti pare una domanda intelligente o fai tanto per trollare?
    Pensi che verrebbe con tutti i SO già installati e attivati?
    Funz
    11862
  • - Scritto da: Funz
    > - Scritto da: Ricky Portera

    > > Un ballot screen sul modello di quello
    > > del browser dovrebbe comprendere 11 sistemi
    > > operativi. Minix, linux, BSD, plan 9 e
    > > illumos son gratis, e qui tutto bene. Gli
    > > altri chi li paga?
    > > Sorride

    > ma ti pare una domanda intelligente o fai tanto
    > per
    > trollare?
    > Pensi che verrebbe con tutti i SO già installati
    > e attivati?

    No, basterebbe arrivasse con un boot e un DVD con il sistema richiesto pronto come immagine da scaricare atuomaticamente dal ballot sul disco.
    krane
    22528
  • > > > Un ballot screen sul modello di quello
    > > > del browser dovrebbe comprendere 11
    > sistemi
    > > > operativi. Minix, linux, BSD, plan 9 e
    > > > illumos son gratis, e qui tutto bene.
    > Gli
    >
    > > > altri chi li paga?
    > > > Sorride
    >
    > > ma ti pare una domanda intelligente o fai
    > tanto
    > > per
    > > trollare?
    > > Pensi che verrebbe con tutti i SO già
    > installati
    > > e attivati?
    >
    > No, basterebbe arrivasse con un boot e un DVD con
    > il sistema richiesto pronto come immagine da
    > scaricare atuomaticamente dal ballot sul
    > disco.

    Ed è una soluzione: anche il ballot screen per i browser funziona così, viene scaricato solo quello rischiesto.
    Ma gestire separatamente i pagamenti di ogni sistema operativo proprietario, con tanto di codice di attivazione, non è ancora più complicato del sistema attuale?
    E se all'utente il sistema operativo scelto la prima volta non piace, può cambiarlo con un altro entro quindici giorni? Occhiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: Ricky Portera
    > > > > Un ballot screen sul modello di
    > quello
    >
    > > > > del browser dovrebbe comprendere 11
    > > sistemi
    > > > > operativi. Minix, linux, BSD, plan
    > 9
    > e
    > > > > illumos son gratis, e qui tutto
    > bene.
    > > Gli
    > >
    > > > > altri chi li paga?
    > > > > Sorride
    > >
    > > > ma ti pare una domanda intelligente o
    > fai
    > > tanto
    > > > per
    > > > trollare?
    > > > Pensi che verrebbe con tutti i SO già
    > > installati
    > > > e attivati?
    > >
    > > No, basterebbe arrivasse con un boot e un
    > DVD
    > con
    > > il sistema richiesto pronto come immagine da
    > > scaricare atuomaticamente dal ballot sul
    > > disco.
    >
    > Ed è una soluzione: anche il ballot screen per i
    > browser funziona così, viene scaricato solo
    > quello rischiesto.
    > Ma gestire separatamente i pagamenti di ogni
    > sistema operativo proprietario, con tanto di
    > codice di attivazione, non è ancora più
    > complicato del sistema attuale?

    E perche mai ? Calcola che windows 7 era in 6 versioni, non vedo nessuna difficolta' e' il lavoro degli assembratori. Sai quanti ne prepariamo qua di dvd per l'installazione personalizzata ?

    > E se all'utente il sistema operativo scelto la
    > prima volta non piace, può cambiarlo con un altro
    > entro quindici giorni?
    > Occhiolino

    Ovviamente, tanto il DVD di preinstallazione nuovo gli ranzera' completamente il disco, certo puoi cambiare disco ma sempre un pc solo per farlo girare hai.
    krane
    22528