SCO chiama alla sbarra Torvalds

Tanto SCO che IBM hanno inviato ad alcune persone e società mandati di comparizione per l'imminente processo contro Linux. SCO vuole sul banco degli imputati il papà del Pinguino, Torvalds, e l'ideatore di GNU, Stallmann

SCO chiama alla sbarra TorvaldsRoma - Nella contesa legale fra SCO Group e IBM sono volati i primi mandati di comparizione, un'arma attraverso cui gli avvocati di entrambe le società sperano di raccogliere testimonianze che rafforzino le proprie tesi e inficino i reclami della parte avversa.

I mandati di SCO sono stati indirizzati a sei distinti soggetti: Novell, una società che ha acquisito una progressiva posizione di rilievo sul mercato di Linux e che, alcuni mesi fa, si è scontrata con SCO proprio in merito al copyright di Unix; Linus Torvalds, papà del pinguino e supervisore dello sviluppo del kernel di Linux; Richard Stallman, fondatore della Free Software Foundation e del progetto GNU; Stuart Cohen, chief executive dell'Open Source Development Labs (OSDL), il consorzio in cui è impiegato Torvalds; e John Horsley, consulente legale di Transmeta, l'azienda dove il padre di Linux ha lavorato fino a pochi mesi fa.

L'OSDL ha già fatto sapere che il proprio ufficio legale rappresenterà Torvalds e tutti gli altri dipendenti che fossero chiamati in causa nel processo.
La mossa di SCO fa parte di quella causa legale presentata lo scorso marzo contro IBM, un colosso accusato di aver contaminato il codice di Linux con porzioni di codice e tecnologie copiate da Unix System V, un sistema operativo di cui SCO detiene un certo numero di brevetti e copyright.

In contemporanea ai mandati di SCO, nelle ultime settimane IBM ha invitato a presentarsi in tribunale i rappresentanti di quattro società: BayStar Capital, la società di investimenti che ha recentemente acquisito una quota di SCO; Renaissance Ventures LLC, altra società di investimenti; Deutsche Bank, la banca nazionale tedesca; Yankee Group, la società di indagini di mercato la cui analista Laura DiDio lo scorso giugno ebbe modo di esaminare alcune delle prove di SCO.

Sebbene SCO affermi che questi mandati di comparizione hanno il compito di mettere in luce le relazioni intrecciate da IBM con alcune delle persone e delle organizzazioni chiave nello sviluppo e nella promozione di Linux, molti analisti e osservatori affermano come non sia affatto chiaro quale ruolo possano avere per il castello accusatorio di SCO.

"L'unico mandato di comparizione pertinente con il caso sembra essere quello di Linus (Torvalds, N.d.R.)", ha affermato Bill Claybrook, un direttore ricerche dell'Aberdeen Group che qualche mese fa ha esaminato il codice sorgente di SCO. "Gli altri soggetti non sono in possesso di informazioni che potrebbero portare un giudice a determinare quali parti di codice di Unix sono finite in Linux".

La lista dei testimoni di SCO è stata definita "senza senso" anche da Dan Kusnetzky, un analista di IDC che vede la mossa dell'ex Caldera come il tentativo di tenere alto l'interesse dei media attorno al caso.

"Chiedere a Richard Stallman di testimoniare è assurdo", ha aggiunto il noto guru dell'open source, Bruce Perens. "Se le cose stanno così, perché non inviare un mandato di comparizione anche al Dalai Lama?".

Big Blue ha indirizzato i propri mandati di comparizione ad alcune delle aziende che appoggiano SCO o che in passato hanno avuto accesso, dietro la firma di un patto di riservatezza, ad alcune delle porzioni di codice che SCO utilizzerà come prove contro IBM.

In un documento presentato di recente alla corte, IBM ha affermato che per SCO sia "arrivato il momento di produrre qualcosa di eloquente" che dimostri la fondatezza delle sue accuse, in particolar modo quelle relative al reato di frode. Citando una sentenza del 2001, Big Blue ha fatto notare come l'accusa di frode "non può essere un pretesto per scoprire illeciti ancora sconosciuti", per tale ragione dovrebbe essere dettagliatamente motivata e supportata da solide prove.

Da parte sua, SCO ribatte affermando che i mandati di comparizione presentati da IBM hanno il solo motivo di "forzare e intimidire" chi è dalla sua parte o chi ha investito nella società. La paladina di Unix ha anche ricordato come Big Blue non abbia ancora presentato il codice sorgente di Aix né la lista degli impiegati o dei collaboratori di IBM che hanno avuto potenziale accesso sia al codice di Unix che a quello del kernel di Linux.

Il giudice distrettuale che presiede il caso, Brooke Wells, ascolterà le parti il 21 novembre: se non verrà trovato un accordo, Wells ha già pianificato un'udienza per il 5 dicembre.
38 Commenti alla Notizia SCO chiama alla sbarra Torvalds
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 13 discussioni)