Luca Annunziata

LG lo fa curvo, Nexus ne fa di ogni misura

Annunciato al pubblico il G Flex, c'è un altro smartphone coreano che potrebbe arrivare entro la settimana sul mercato. Assieme a una nuova versione da 10 pollici del tablet di Google

« Indietro
Foto 1 di 3

Roma - Dopo le anticipazioni, LG rompe gli indugi e mette in vendita (per ora solo in Corea) il suo smartphone curvo: il Flex è un terminale da 6 pollici con una potente CPU e molte personalizzazioni al sistema operativo Android sviluppate dall'azienda di Seoul, che non esita a definirlo una pietra miliare nello sviluppo del form-factor dei telefonini intelligenti. Se questo comunque non basta a decretare il successo del G Flex, ci sono almeno un altro paio di prodotti col marchio Nexus in arrivo che invece potrebbero diventare dei blockbuster.

Il Flex è un terminale di ultima generazione con tutto quanto quello che si può desiderare: CPU Snapdragon 800 da 2,2GHz, 2GB di RAM, GPU Adreno 330 da 450MHz, fotocamera posteriore da 13 megapixel, schermo 6 pollici ("solo" 1280x720), connettività LTE, batteria da 3.500mAh in uno spessore di appena 8 millimetri con un peso di 177 grammi. La forma curva, a banana, del terminale secondo LG serve a meglio avvolgere il viso durante le chiamate e migliorare così la qualità dell'audio: sarebbe addirittura di 3dB il progresso rispetto a un telefono tradizionale. Se non bastasse il retro del G Flex è realizzato in un polimero "auto-riparante", in grado cioè di eliminare piccole imperfezioni e graffi legati all'uso rimarginando le ferite, soprattutto visto che LG dice che la forma arcuata meglio si adatta alla forma della tasca posteriore dei pantaloni: posto che qualcuno voglia portare in giro così il cellulare.

Per il resto il G Flex incorpora alcuni dettagli già visti in altri terminali LG: niente tasti sui fianchi, volume e accensione sono spostati sul posteriore per meglio essere raggiungibili durante le chiamate ed evitare pressioni accidentali. LG ha poi aggiunta una modalità dual-window all'interfaccia per aumentare il multitasking con due app contemporaneamente sullo schermo, e altri miglioramenti alla versione 4.2.2 di Android installata che riguardano più che altro come si presenta il sistema operativo e la possibilità di accedere tramite scorciatoie a foto, filmati e alcune app direttamente dal lock screen. Nessun dettaglio sul prezzo: il G Flex sarà in vendita da novembre in Corea, e solo successivamente sarà distribuito in altri mercati (non si sa ancora quali, ma come nel caso del Samsung Galaxy Round è probabile che si tratti di un primo modello dalla tiratura limitata).
Più ampia e diffusa distribuzione avrà invece il Nexus 5, che ormai è presente ovunque in Rete tranne che sul marketplace Play: si sa tutto e di più sul prossimo smartphone Google, dalla CPU Snapdragon 800 allo schermo da 5 pollici 1080p, passando dai 2GB di RAM e la batteria da 2.300mAh. Di fatto il Nexus 5 sarà un LG G2 riveduto e corretto, con una disposizione dei tasti più tradizionale e Android 4.4 (KitKat) già a bordo. Dubbi pochi e possibili variazioni su queste specifiche improbabili: in Rete circola pure il manuale del telefono, ed è possibile che Mountain View provi a rubare un po' la scena a Cupertino il 1 novembre visto che per quel giorno è previsto il debutto dell'iPad Air e dell'iPad Mini Retina di Apple sul mercato. L'unica sorpresa, in questo caso, sarebbe la versione bianca disponibile sin dall'esordio.



La vera sorpresa potrebbe invece essere la versione 2013 del Nexus 10, vale a dire del tablet da 10 pollici che nella scorsa tornata era stato prodotto da Samsung: dalle informazioni filtrate, di nuovo, da una pagina del Play Store poi rimossa, sembrerebbe che il produttore Coreano si sia ri-aggiudicato anche questa edizione del tablet, di fatto sancendo una consuetudine che vede ormai da 2 anni assegnato a LG lo smartphone Nexus, ad Asus il tablet da 7 pollici e a Samsung quello da 10. L'hardware del Nexus 10 2013 dovrebbe essere pressoché identico a quello del Nexus 5 e 7, con un paio di eccezioni: non 2, bensì 3GB di RAM a bordo, e lo schermo dovrebbe avere risoluzione 2560×1600, il tutto con una batteria da 9.500mAh in 8mm di spessore.

Mancano in questo caso i dettagli sul prezzo, mentre pare scontato che il Nexus 10 2013 monti Android KitKat 4.4. La data di rilascio probabile è la stessa del Nexus 5: il 1 novembre. Restano poche ore per scoprire se sarà vero.

Luca Annunziata

fonte immagini
18 Commenti alla Notizia LG lo fa curvo, Nexus ne fa di ogni misura
Ordina
  • Neanche a me convince questo form factor ma senza averlo preso in mano non me la sento di condannarlo a prescindere. Potrebbe anche essere un mero esercizio di stile oppure il frutto di qualche studio di ergonomia e usabilità.

    Alla fine è semplice, quando arriverà sul mercato, lo si prova in qualche centro commerciale e si giudica su dati certi.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Davidoff
    > Neanche a me convince questo form factor ma senza
    > averlo preso in mano non me la sento di
    > condannarlo a prescindere. Potrebbe anche essere
    > un mero esercizio di stile oppure il frutto di
    > qualche studio di ergonomia e
    > usabilità

    Quindi se vai al ristorante e ti portano un stron*o di cane nel piatto tu lo assaggi prima di giudicare? Newbie, inesperto
    non+autenticato
  • Dipende dal cliente. Gianni Morandi docet


    Il Principe
  • Non credo che un cellulare si possa provare prendendolo in bocca, ma forse dopo una lobotomia potrebbe anche essere possibile. Come ho detto la forma non convince neanche me però vedo sempre una marea di ragazzini (di età o di età mentale) sparare sentenze senza esperienza diretta.
    non+autenticato
  • - Scritto da: davidoff
    > Non credo che un cellulare si possa provare
    > prendendolo in bocca, ma forse dopo una lobotomia
    > potrebbe anche essere possibile. Come ho detto la
    > forma non convince neanche me però vedo sempre
    > una marea di ragazzini (di età o di età mentale)
    > sparare sentenze senza esperienza
    > diretta

    Ma quale esperienza diretta serve, su. È evidente che non serve a niente avere uno smartphone curvo perché "segue la forma della faccia". Ma siamo seri perbacco... come qualcuno diceva sopra, manco i cellulari facevano curvi e quelli venivano usati principalmente per telefonare a differenza degli smartphone che vengono usati molto più spesso come touchscreen. Che differenza fa avere il microfono mezzo centimetro più vicino alla bocca, che cosa può cambiare? Quando andavano i cellulari "microscopici" il microfono era ad almeno mezza spanna dalla bocca e che problemi davano? Ma dai, su...
    non+autenticato
  • > Potrebbe anche essere
    > un mero esercizio di stile oppure il frutto di
    > qualche studio di ergonomia e
    > usabilità.
    >
    > Alla fine è semplice, quando arriverà sul
    > mercato, lo si prova in qualche centro
    > commerciale e si giudica su dati
    > certi.

    Vero, mi serviva proprio un esercizio di stile di questo tipo: ora il mio criceto può finalmente avere la sua sedia a dondolo...appoggio l'LG sul tavolo, la bestiola sale e il gioco è fatto.
    I designer LG sono talmente avanti che la nostra visione antropocentrica è troppo miope per raggiungerli....il mio criceto ringrazia.
    non+autenticato
  • Che poi...curvo perchè?
    Soprattutto quello LG, curvo sul lato lungo "per aderire meglio al volto"....eh già, proprio l'uso principale che si fa di uno smartphone...ne valeva proprio la pena......

    Ora provate a tenerlo in tasca, incurvato tipo "cornetta del telefono" com'è....

    Evviva gli anni 80 insomma!
    non+autenticato
  • - Scritto da: ndr
    > Che poi...curvo perchè?
    > Soprattutto quello LG, curvo sul lato lungo "per
    > aderire meglio al volto"....eh già, proprio l'uso
    > principale che si fa di uno smartphone...ne
    > valeva proprio la
    > pena......

    Ma infatti... Manco facevano i cellulari curvi, ed erano usati SOLO per parlarci. Perché mai un telefono deve aderire al volto? Non so, avete presente la distanza che c'è fra la bocca e il telefono? Se il telefono dovesse arrivare fino alla bocca per funzionare capirei, ma funzionano benissimo anche se ci sono 15 cm di distanza.

    >
    > Ora provate a tenerlo in tasca, incurvato tipo
    > "cornetta del telefono"
    > com'è....

    E in una 24, per dire, occupa più spazio di uno piatto. Differenza piccola, certo, ma visto che l'utilità di avero curvo è NULLA...

    > Evviva gli anni 80 insomma!

    Più che altro sembrano le trovata di un'azienda che non ha niente di nuovo e interessante da proporre e tenta con queste cialtronate.
    non+autenticato
  • - Scritto da: uno e trito

    > Ma infatti... Manco facevano i cellulari curvi,
    > ed erano usati SOLO per parlarci.

    Beh, non è vero. Mio padre ha ancora in un cassetto il Nokia di Matrix (http://it.wikipedia.org/wiki/Nokia_8110), che era chiamato "a banana" perché curvo. E comunque molto figo all'epoca (non a caso lo fecero usare a Morfeo di Matrix, appunto).

    > Perché mai un
    > telefono deve aderire al volto? Non so, avete
    > presente la distanza che c'è fra la bocca e il
    > telefono? Se il telefono dovesse arrivare fino
    > alla bocca per funzionare capirei, ma funzionano
    > benissimo anche se ci sono 15 cm di
    > distanza.

    Infatti, poi si è visto che non serve a niente, anche se una volta le cornette del telefono erano fatte effettivamente così. Ma a quell'epoca i limiti della tecnologia erano assai superiori ad oggi.

    > Più che altro sembrano le trovata di un'azienda
    > che non ha niente di nuovo e interessante da
    > proporre e tenta con queste
    > cialtronate.

    È la tipica feature che mettono perché la tecnologia gli permette di metterla e si pensa faccia fico. Non perché serva.
  • - Scritto da: ndr
    > Che poi...curvo perchè?

    te lo spiego io: è una sega mentale

    Rotola dal ridere
  • - Scritto da: il solito bene informato
    > - Scritto da: ndr
    > > Che poi...curvo perchè?
    >
    > te lo spiego io: è una sega mentale
    >
    > Rotola dal ridere

    Concordo pienamente, é un modo per far parlare di se e quel che é più assurdo é che ci sta riusciendo visto l'attenzione sulla curvatura anziche altre specifiche magari o il software..
    non+autenticato
  • - Scritto da: il solito bene informato
    > - Scritto da: ndr
    > > Che poi...curvo perchè?
    >
    > te lo spiego io: è una sega mentale
    >
    > Rotola dal ridere
    L'ultima parte era inutile va meglio così
    non+autenticato
  • - Scritto da: whois
    > - Scritto da: il solito bene informato
    > > - Scritto da: ndr
    > > > Che poi...curvo perchè?
    > >
    > > te lo spiego io: è una sega
    > mentale

    >
    > >
    > > Rotola dal ridere
    > L'ultima parte era inutile va meglio così

    non volevo si pensasse che il device potesse essere utilizzato come utensile bricolagico
  • - Scritto da: ndr
    > Che poi...curvo perchè?
    > Soprattutto quello LG, curvo sul lato lungo "per
    > aderire meglio al volto"....eh già, proprio l'uso
    > principale che si fa di uno smartphone...ne
    > valeva proprio la
    > pena......
    >
    > Ora provate a tenerlo in tasca, incurvato tipo
    > "cornetta del telefono"
    > com'è....

    "E' un LG quello che hai in tasca, o sei solo contento di vedermi?"Con la lingua fuori
    Funz
    12975
  • > "E' un LG quello che hai in tasca, o sei solo
    > contento di vedermi?"
    >Con la lingua fuori

    LOL 10/10
    non+autenticato
  • - Scritto da: Funz
    > - Scritto da: ndr
    > > Che poi...curvo perchè?
    > > Soprattutto quello LG, curvo sul lato lungo
    > "per
    > > aderire meglio al volto"....eh già, proprio
    > l'uso
    > > principale che si fa di uno smartphone...ne
    > > valeva proprio la
    > > pena......
    > >
    > > Ora provate a tenerlo in tasca, incurvato
    > tipo
    > > "cornetta del telefono"
    > > com'è....
    >
    > "E' un LG quello che hai in tasca, o sei solo
    > contento di vedermi?"
    >Con la lingua fuori

    Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere