Fotografia, la crisi č colpa degli smartphone

I progressi delle fotocamere e il lancio dei cameraphone acuiscono la crisi del settore fotografico, che dopo l'ecatombe delle compatte fa segnare un calo pesante anche tra macchine top di gamma

Roma - C'è aria di tempesta attorno al settore fotografico, colpito da una corposa riduzione di vendite. Se fino a qualche tempo fa crisi e futuro nebuloso venivano associati esclusivamente alle fotocamere compatte, sempre più oscurate dagli smartphone, adesso il fenomeno si allarga alle macchine di alto lignaggio aprendo pericolose crepe tra tutti i più grandi produttori mondiali. Le cifre lasciano ben pochi dubbi descrivendo un calo di vendite negli ultimi dodici mesi pari quasi al 10 per cento.

Nel dettaglio, gli analisti IDC prevedono una diminuzione di oltre un milione e mezzo di pezzi, che dai 19,1 milioni del 2012 passeranno a fine 2013 a 17,4 milioni (-9,1 per cento). Un effetto generale che non risparmia nessuno, tanto che Canon e Nikon sono state costrette entrambe a rivedere le stime di vendite per l'anno fiscale che terminerà a marzo 2014. Sulla stessa barca anche Tamron Co., una delle maggiori produttrici di lenti e accessori fotografici di alta gamma, che nei primi nove mesi di quest'anno ha piazzato sul mercato il 22 per cento in meno di obiettivi.

Se la crisi economica globale ha le sue colpe, è evidente agli analisti il ruolo esercitato dagli smartphone nel frenare le vendite di mirrorless e DSLR. La fotocamera è ormai considerata uno degli elementi base in uno smartphone e spesso per i consumatori rappresenta la discriminante primaria nella scelta di un modello. Tale visione ha accentuato gli sforzi dei produttori che, fiutato l'aria, hanno lanciato i cameraphone, telefonini intelligenti particolarmente dotati sul versante fotografico, con dettagli come lo stabilizzatore ottico per le immagini divenuti ormai uno standard. Se con la tecnologia Pureview, Nokia è stata la prima a scommettere sui cameraphone, Sony si è subito allineata con il recente Xperia Z1, così come HTC ed LG. Un caso a parte è l'iPhone, che se in termini strettamente numerici sul nuovo 5S sfoggia una camera da 8 Megapixel ha aggiunto funzioni divertenti e di facile gestione, già dal 4S ha impazzato tra appassionati e addetti ai lavori con l'iPhoneograpy, utilizzata anche come tecnica di reportage tra molti giornalisti.
Nel migliorare e ampliare usi e potenzialità della fotocamera integrata negli smartphone buona parte del merito va ascritto alle applicazioni. Molteplici, efficaci e perlopiù gratuite, le varie Instagram, VSCO Cam, Snapseed consentono agli utenti di giocare in maniera elementare e istantanea con ogni scatto.

Non c'è dubbio che i professionisti e gli amanti della fotografia manuale continuino ad acquistare le reflex, neanche lontanamente paragonabili per qualità e opportunità al miglior smartphone su piazza. Allo stesso tempo, però, uno smartphone di medio-alto livello è più che sufficiente per soddisfare l'utente medio, che dopo aver rinunciato definitivamente alla camera compatta si appassionerà, forse, alla fotografia grazie al telefono ma senza arrivare a valutare l'acquisto di una mirrorless o una DSLR.

"Stiamo vivendo un periodo di transizione difficile, ma non credo durerà ancora molto", è l'opinione di Junichi Itoh, direttore finanziario Nikon, che ha già la soluzione al problema: "C'è ancora una buona domanda e in prospettiva futura il mercato cinese è la chiave". Diversa, invece, la visione di Takafumi Hongo, portavoce Canon, che pone l'accento sulla differente qualità tra smarpthone e camere digitali: "Scattare foto con gli smartphone e modificarle con applicazioni è come cucinare con ingredienti economici e un sacco di aromi artificiali, mentre affidarsi a telecamere intercambiabili è come quando si prepara un piatto con gli ingredienti naturali".
La sensazione è che, per frenare la tendenza, i produttori di fotocamere debbano proporre nuove funzionalità specifiche smettendo di inseguire gli smartphone, come già avvenuto con l'introduzione di WiFi, geotagging e l'immediata condivisione degli scatti sui principali social network anche sui modelli top di gamma. Solo così, forse, si potrà allargare la platea di appassionati e tornare ai fasti pre-smartphone.

Alessio Caprodossi
Notizie collegate
105 Commenti alla Notizia Fotografia, la crisi č colpa degli smartphone
Ordina
  • 1. gli smartphone incominciano a competere con le compatte di fascia bassa e con il fatto che uno li ha sempre dietro e che una parte ampia dell'utenza in realtà non sa cosa sia uno zoom o una foto di qualità si accontenta.
    2. C'è la crisi e la gente tende a tagliare su quello che ritiene superfluo
    3. Le fotocamere reflex hanno due difetti, quelle full frame contrariamente a quanto pensassi non sono state rese più abbordabili come prezzi, tant'è che in genere ci vogliono più di 2000 euro per averne una, un pò troppo per l'amatore. L'altro difetto sono le dimensioni e i pesi, l'unica ragione per cui le mirrorless stanno riscuotendo un discreto successo
    Io francamente pur avendo utilizzato per diversi anni una reflex a pellicola, con la qualità raggiunta dalle compatte di pregio (zoom da 10 a 20 X sensori retroilluminati decenti, assenza di errori di parallasse), francamente sto aspettando prima di prendermi una nuova reflex!
    O passano a offrire reflex full frame a prezzi decenti (ossia sotto i mille euro), in grado di fare filmati fullHD magari anche con frequenze superiori ai 24-30 frame/s o se le TENGONO!
    Ma perchè mai dovrei scendere a compromessi sulla qualità con una fotocamera che con il corredo di obbiettivi mi viene a pesare anche venti Kg?

    Detto questo capisco che per un utilizzo occasionale in buone condizioni di illuminazione anche uno smartphone con una buona fotocamera possa andare bene, ma francamente pensare di usare uno smartphone per fare le foto ai ricevimenti o in occasioni particolari è un'immane sciocchezza, se ne accorgeranno i vari utonti quando cercheranno di elaborare /stampare quelle foto e si sentiranno dire che purtroppo il materiale è di bassa qualità!
  • - Scritto da: Enjoy with Us
    > 1. gli smartphone incominciano a competere con le
    > compatte di fascia bassa e con il fatto che uno
    > li ha sempre dietro e che una parte ampia
    > dell'utenza in realtà non sa cosa sia uno zoom o
    > una foto di qualità si
    > accontenta.
    > 2. C'è la crisi e la gente tende a tagliare su
    > quello che ritiene
    > superfluo
    > 3. Le fotocamere reflex hanno due difetti, quelle
    > full frame contrariamente a quanto pensassi non
    > sono state rese più abbordabili come prezzi,
    > tant'è che in genere ci vogliono più di 2000 euro
    > per averne una, un pò troppo per l'amatore.
    > L'altro difetto sono le dimensioni e i pesi,
    > l'unica ragione per cui le mirrorless stanno
    > riscuotendo un discreto
    > successo
    > Io francamente pur avendo utilizzato per diversi
    > anni una reflex a pellicola, con la qualità
    > raggiunta dalle compatte di pregio (zoom da 10 a
    > 20 X sensori retroilluminati decenti, assenza di
    > errori di parallasse), francamente sto aspettando
    > prima di prendermi una nuova
    > reflex!
    > O passano a offrire reflex full frame a prezzi
    > decenti (ossia sotto i mille euro), in grado di
    > fare filmati fullHD magari anche con frequenze
    > superiori ai 24-30 frame/s o se le
    > TENGONO!
    > Ma perchè mai dovrei scendere a compromessi sulla
    > qualità con una fotocamera che con il corredo di
    > obbiettivi mi viene a pesare anche venti
    > Kg?
    >
    > Detto questo capisco che per un utilizzo
    > occasionale in buone condizioni di illuminazione
    > anche uno smartphone con una buona fotocamera
    > possa andare bene, ma francamente pensare di
    > usare uno smartphone per fare le foto ai
    > ricevimenti o in occasioni particolari è
    > un'immane sciocchezza, se ne accorgeranno i vari
    > utonti quando cercheranno di elaborare /stampare
    > quelle foto e si sentiranno dire che purtroppo il
    > materiale è di bassa
    > qualità!

    Guarda che le reflex full-frame non sono alla portata di un semplice amatore che oggi si accontenta della compatta (anche se semi professionale).
    Le full-frame sono ottime solo se accoppiate ad una lente superiore, oppure credi di comprare la full-frame di turno e non spendere almeno 500-600 euro per un obiettivo decente?

    Il problema è che la fotografia digitale non ha avuto un vero balzo, è solo migliorata ma è assurdo vedere che le reflex entry level di oggi faticano a gestire appena i 1600 ISO.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Sgarbi

    > Guarda che le reflex full-frame non sono alla
    > portata di un semplice amatore che oggi si
    > accontenta della compatta (anche se semi
    > professionale).

    Guarda che l'ho scritto ben chiaro che le full frame sono eccessivamente costose e quindi oggi fori portata per l'amatore

    > Le full-frame sono ottime solo se accoppiate ad
    > una lente superiore, oppure credi di comprare la
    > full-frame di turno e non spendere almeno 500-600
    > euro per un obiettivo
    > decente?

    Certo che vanno accoppiate ad un buon obbiettivo, ma i prezzi degli obbiettivi come quello delle full-frame chi li fa? Il marketing che spinge sui modelli Half-frame e su obbiettivi che in alcuni casi hanno le lenti in plastica?

    Teoricamente produrre obbiettivi per reflex "Dx" che raggiungano la densità ottica adeguata per i megapixel di tali fotocamere e costoso quanto produrre obbiettivi per full-frame ma con densità ottica inferiore... se nella pratica ci sono evidenti differenze di prezzo la causa va ricercata:
    1. nei numeri di produzione
    2. nel marketing
    3. Nell'uso di obbiettivi scadenti nel mezzo formato

    Quindi cambiando marketing e numeri le differenze di prezzo potrebbero assottigliarsi e di molto, se poi le case produttrici non vogliono farlo, che continuino pure a lamentarsi dell'andamento negativo del mercato!
    Non hanno ancora capito si vede che il mercato delle compatte è obbligato a migliorare in qualità e portabilità per la concorrenza degli smartphone e che quindi faranno sempre più concorrenza a Reflex o mirrorless che utilizzino l'Half frame!

    >
    > Il problema è che la fotografia digitale non ha
    > avuto un vero balzo, è solo migliorata ma è
    > assurdo vedere che le reflex entry level di oggi
    > faticano a gestire appena i 1600
    > ISO.

    Non è assurdo, visto che hanno un sensore non retroilluminato, con una superficie tutto sommato modesta e si affidano a zoom scarsamente luminosi, se passassero a sensori full-frame e ad obbiettivi con discreta luminosità, evitando magari la commercializzazione di roba tipo i 16-200, nel medio periodo si risolleverebbero!
    Ma come pensano di fare concorrenza con macchine che con il corredo di obbiettivi arrivano a pesare 20 Kg e costano alcune migliaia di euro e che poi fanno foto la cui qualità non sia al top?
  • - Scritto da: Sgarbi

    > Guarda che le reflex full-frame non sono alla
    > portata di un semplice amatore che oggi si
    > accontenta della compatta (anche se semi
    > professionale).
    > Le full-frame sono ottime solo se accoppiate ad
    > una lente superiore, oppure credi di comprare la
    > full-frame di turno e non spendere almeno 500-600
    > euro per un obiettivo
    > decente?

    ho visto gente montare un 24-120 su una D3, quindi non c'è da stupirsi.
  • Perché non mettere una tassa sui dispositivi in grado di fare foto e su ogni dispositivo di archiviazione così da foraggiare la categoria?
    non+autenticato
  • La crisi della fotografia è dei fotografi.
    Si accontentano di poco, tanto poi ci pensa il fotoritocco.
  • no, è che c'è un attimo di crisi e gli hobby (la maggior parte delle reflex le comprano i fotoamatori) sono i primi ad essere sacrificati.
    non+autenticato
  • Anche vero!
  • - Scritto da: Uqbar
    > La crisi della fotografia è dei fotografi.
    > Si accontentano di poco, tanto poi ci pensa il
    > fotoritocco.

    Una foto riuscita male ha bisogno solo di due operazioni di post produzione:
    1- Sposta nel cestino
    2- Svuota cestino
    non+autenticato
  • Sorride
    Il fotografo, la macchina, i file delle foto o tutt'e tre?
  • - Scritto da: Uqbar
    > La crisi della fotografia è dei fotografi.
    > Si accontentano di poco, tanto poi ci pensa il
    > fotoritocco.

    Io direi invece che i tempi sono cambiati. Le arti per definizione cambiano con il tempo, cambiano sia perché cambiano le idee alla loro base sia perché cambiano le tecnologie. Vale per pittura, scultura, musica, cinema... e perché non dovrebbe valere per la fotografia?
    Ci sono un sacco di persone che hanno una cultura fotografica basata sugli anni '70 e '80. Queste persone (fra le quali ci sono anch'io, sia chiaro!) vanno in giro con delle reflex pensando che la qualità sia tutto. Aborrono gli effetti e non li considerano creativi. E via dicendo.
    Ma ci sono nuove generazioni che stanno ridefinendo il significato di fotografia. Non stanno a guardare la qualità pura della foto: un iphone (o equivalente) è più che sufficiente. Non considerano gli effetti come una scorciatoia, ma come uno strumento creativo.
    I tempi cambiano, le mode cambiano, le convenzioni sociali cambiano, le arti cambiano, e il mercato deve necessariamente cambiare con esse. E in questo processo ci saranno cadaveri eccellenti, ma ciò è inevitabile.
  • non potrebbero puntare sul medioformato o su soluzioni comode per fare filmati.
    Magari Nikon, visto che canon si vedrebbe tagliare un mercato.

    E fare uno standard per ottiche, flash e altro al posto di essere legati alla marca?
  • - Scritto da: pippo75
    > non potrebbero puntare sul medioformato


    Una fotocamera digitale medio formato può costare oltre 30000 euro. Non c'è molto mercato... E quello che c'è è dominato dalla Hasselblad.


    o su
    > soluzioni comode per fare
    > filmati.

    Le videocamere digitali esistono già da un pezzo... ma anche quelle subiscono la concorrenza dei telefonini


    > Magari Nikon, visto che canon si vedrebbe
    > tagliare un
    > mercato.
    >
    > E fare uno standard per ottiche, flash e altro al
    > posto di essere legati alla
    > marca?

    Ogni marca ha il suo standard... fare uno standard unico significherebbe rendere le nuove macchine incompatibili con le vecchie ottiche della stessa marca. accadrebbe questo:

    Clicca per vedere le dimensioni originali
    non+autenticato
  • >
    > Una fotocamera digitale medio formato può costare
    > oltre 30000 euro. Non c'è molto mercato... E
    > quello che c'è è dominato dalla

    i primi computer costavano parecchio ed erano senza mercato.
    > Le videocamere digitali esistono già da un
    > pezzo... ma anche quelle subiscono la concorrenza
    > dei telefonini

    una reflex o una 4/3 con possibilità di fare filmati in modo comodo.

    > Ogni marca ha il suo standard... fare uno
    > standard unico significherebbe rendere le nuove
    > macchine incompatibili con le vecchie ottiche
    > della stessa marca. accadrebbe
    > questo:


    per il passato punterei su anelli adattatori per il futuro tutti standard uguali. Avro' un corredo nikon, passare a canon basterebbe cambiare il corpo.
  • - Scritto da: pippo75
    > >
    > > Una fotocamera digitale medio formato può
    > costare
    > > oltre 30000 euro. Non c'è molto mercato... E
    > > quello che c'è è dominato dalla
    >
    > i primi computer costavano parecchio ed erano
    > senza
    > mercato.

    I primi computer hanno creato un mercato nuovo. Per il medio formato, il mercato esiste da una vita (le fotocamere medio formato sono state inventate prima del formato leica), ed è sempre stato una nicchia; si vende poco... ma su ogni pezzo che si vende si guadagna bene, perchè i prezzi sono molto alti; i produttori abituati ai grandi numeri di pezzi venduti, con un piccolo guadagno su ognuno, non si adatterebbero facilmente (ed avrebbero difficoltà a competere con chi invece è abituato a quel tipo di vendita da sempre)


    > > Le videocamere digitali esistono già da un
    > > pezzo... ma anche quelle subiscono la
    > concorrenza
    > > dei telefonini
    >
    > una reflex o una 4/3 con possibilità di fare
    > filmati in modo
    > comodo.

    Cosa c'è di scomodo in una videocamera attuale?

    E comunque, per i filmati non ha senso una reflex, è meglio una mirrorless: la caratteristica principale che distingue una reflex da una mirrorless è il mirino ottico... che per un filmato è del tutto inutile, visto che dovresti tenere sempre lo specchio alzato e con lo specchio alzato nel mirino non vedi nulla.

    >
    > > Ogni marca ha il suo standard... fare uno
    > > standard unico significherebbe rendere le
    > nuove
    > > macchine incompatibili con le vecchie ottiche
    > > della stessa marca. accadrebbe
    > > questo:
    >
    >
    > per il passato punterei su anelli adattatori per
    > il futuro tutti standard uguali. Avro' un corredo
    > nikon, passare a canon basterebbe cambiare il
    > corpo.

    E cosa ti impedisce di usare gli adattatori già adesso? Esistono da un pezzo.
    non+autenticato
  • Gli anelli adattatori esistono, ma non permettono la regolazione del diaframma dal corpo macchina.
    Cercali se vuoi http://goo.gl/YsWkx9 non troverai molto.

    Credo che la verità la sappiamo tutti. I produttori preferiscono non collaborare alla realizzazione di uno standard per "legare" i propri clienti al marchio.
  • > Per il medio formato, il mercato esiste da una
    > vita (le fotocamere medio formato sono state
    > inventate prima del formato leica), ed è sempre
    > stato una nicchia;


    anche le reflex erano di nicchia.

    >
    > Cosa c'è di scomodo in una videocamera attuale?

    si sta parlando della crisi del settore fotografico, se vogliono attirare clienti che provino varie soluzioni, una è quella del video.

    Quanto mi costa una videocamera con sensore 35mm e ottiche intercambiabili?

    > che per un filmato è del tutto inutile, visto che
    > dovresti tenere sempre lo specchio alzato e con
    > lo specchio alzato nel mirino non vedi
    > nulla.

    sentivo parlare al tempo di uno specchio che permetteva di far arrivare sia la luce al sensore che al mirino. Non so se era vero o una bufala.
  • - Scritto da: pippo75
    > > Per il medio formato, il mercato esiste da
    > una
    > > vita (le fotocamere medio formato sono state
    > > inventate prima del formato leica), ed è
    > sempre
    > > stato una nicchia;
    >
    >
    > anche le reflex erano di nicchia.

    Non proprio... le persone un tantino appassionate avevano delle reflex anche ai tempi dell'analogico (c'erano reflex non troppo costose)


    >
    > >
    > > Cosa c'è di scomodo in una videocamera
    > attuale?
    >
    > si sta parlando della crisi del settore
    > fotografico, se vogliono attirare clienti che
    > provino varie soluzioni, una è quella del
    > video.

    Perchè, il settore video se la passa meglio?

    >
    > Quanto mi costa una videocamera con sensore 35mm
    > e ottiche
    > intercambiabili?

    L'ottica intercambiabile non è una buona idea su una videocamera, perchè devi interrompere il filmato per cambiarla. Meglio uno zoom molto versatile


    >
    > > che per un filmato è del tutto inutile,
    > visto
    > che
    > > dovresti tenere sempre lo specchio alzato e
    > con
    > > lo specchio alzato nel mirino non vedi
    > > nulla.
    >
    > sentivo parlare al tempo di uno specchio che
    > permetteva di far arrivare sia la luce al sensore
    > che al mirino. Non so se era vero o una
    > bufala.

    È vero, e non è una novità (l'avevo visto anche su una vecchia cinepresa a pellicola). Ma non è una buona idea, perchè ti dimezza la luce che arriva al sensore (se ne manda metà al mirino, vuol dire che al sensore arriva solo l'altra metà)
    non+autenticato
  • - Scritto da: cicciobello

    > > Quanto mi costa una videocamera con sensore
    > 35mm
    > > e ottiche
    > > intercambiabili?
    >
    > L'ottica intercambiabile non è una buona idea su
    > una videocamera, perchè devi interrompere il
    > filmato per cambiarla. Meglio uno zoom molto
    > versatile


    Non è una buona idea su una videocamera amatoriale per ovvi motivi di costi e di immediatezza d'uso.
    Ma se vuoi qualcosa di un livello superiore, la vera versatilità ce l'hai con l'ottica intercambiabile, dato che hai la possibilità di montare l'ottica più adatta al tipo di ripresa.
    Come da decenni si usa fare nel cinema tra l'altro.

    Vista in questo senso, la reflex con funzioni video diventa utile proprio per poter lavorare in questo modo senza spendere le migliaia di euro di una videocamera professionale 35mm.
  • - Scritto da: pippo75

    > Quanto mi costa una videocamera con sensore 35mm
    > e ottiche
    > intercambiabili?

    ad occhio e croce credo che costi quanto una Hasselblad

    Dove lavoro, il reparto multimedia ha una RED con baionetta Nikon F, solo il corpo mi pare venga sui 30 mila dollari.
    Poi ci vanno su un po' di accessori, oltre ovviamente una ottica Nikkor adeguata.
    E se la vuoi anche portare in giro serve pure un rig, altrimenti serve uno stativo con testa video bello solido.


    Non è certo roba per amatori, a meno che non abbiano soldi da spendereOcchiolino
  • spendendo meno vorrei comprare uno smartphone che non abbia ne fotocamera
    ne tantomeno i gps, solo la capacita di girare in rete mi interessa e ascoltare mp3,
    neanche l accelerometreo
    immagino non esistano vero ? troppo difficile usare la macchina fotografica per fare le foto e il telefonoper telefonare vero?
    non+autenticato
  • - Scritto da: capitan farlock
    > spendendo meno vorrei comprare uno smartphone che
    > non abbia ne
    > fotocamera
    > ne tantomeno i gps, solo la capacita di girare in
    > rete mi interessa e ascoltare
    > mp3,
    > neanche l accelerometreo
    > immagino non esistano vero ? troppo difficile
    > usare la macchina fotografica per fare le foto e
    > il telefonoper telefonare
    > vero?

    più difficile sarebbe usare la macchina fotografica per telefonare e il telefono per fotografare.
    non+autenticato
  • - Scritto da: capitan farlock
    > spendendo meno vorrei comprare uno smartphone che
    > non abbia ne
    > fotocamera
    > ne tantomeno i gps, solo la capacita di girare in
    > rete mi interessa e ascoltare
    > mp3,
    > neanche l accelerometreo
    > immagino non esistano vero ? troppo difficile
    > usare la macchina fotografica per fare le foto e
    > il telefonoper telefonare
    > vero?

    oggi ho scoperto che vogliono 9 euro al mese per far andare lo smartphone su internet! non col wifi, da solo. è tantissimo 9 euro al mese!!
  • Confronta le varie offerte dei gestori di telefonia e scegli la più conveniente.

    Si fa così di solito, no?
  • Ecco allora perchè non usi il computer per andare su internet

    2/10 perchè mi hai fatto rispondere
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 12 discussioni)