Luca Annunziata

John Carmack lascia iD Software

Lo studios da lui fondato, e che ha dato i natali a blockbuster come Doom e Quake, dovrà fare a meno di lui. Le attenzioni del celebrato sviluppatore saranno tutte per Oculus VR

Roma - L'addio si è consumato, apparentemente senza sussulti, ma è definitivo: John Carmack lascia iD Software, azienda da lui fondata e che ha contribuito a fare grande con titoli come Wolfestein 3D, Doom, Quake e Rage. La spinta innovativa che ha sempre contraddistinto il lavoro di Carmack ora si concentrerà sulla sua più recente passione: la realtà virtuale, incarnata dagli occhiali Oculus Rift prodotti dalla Oculus VR di cui è stato nominato CTO tempo addietro.

"John Carmack, che si sta concentrando su altri temi rispetto allo sviluppo di giochi a iD, ha rassegnato le dimissioni dallo studio - scrive in una nota per la stampa Tim Willits - Il lavoro di John su Tech 5 e l'altra tecnologia in sviluppo presso iD è completato, e la sua partenza non avrà conseguenze sui progetti correnti. Abbiamo la fortuna di avere in azienda un gruppo di brillanti programmatori che hanno lavorato con John e porteranno avanti la sua tradizione di creare giochi grandiosi con tecnologia avanzata. Da colleghi di John per molti anni, gli auguriamo il meglio". "Sarei voluto rimanere consulente tecnico per iD, ma non ha funzionato" ha aggiunto Carmack su Twitter: evidentemente la direzione da lui intrapresa era troppo divergente rispetto allo svolgimento del suo lavoro presso iD.

La partenza di Carmack viene vista da qualcuno come il principio della fine di iD Software: Doom 4 è da tempo annunciato come il futuro grande sparatutto, ma si avvia sul sentiero già percorso da Duke Nukem e che lo sta facendo rallentare e ritardare nell'uscita sul mercato. L'ultimo titolo di rilievo di iD è stato Rage, non esattamente uno dei più riusciti dello studio, e a quanto pare l'attenzione di John si è progressivamente spostata dal sequel di Doom alla realtà virtuale (senza trascurare le attività aerospaziali di Armadillo). Carmack era l'ultimo dei fondatori dello studio ancora a bordo, e la sua partenza segue quella del presidente (in carica per 17 anni) Todd Hollenshead avvenuta a giugno. (L.A.)
16 Commenti alla Notizia John Carmack lascia iD Software
Ordina
  • Id software (la grande id software) agonizza...
    Ma le "videogame house" non erano aziende che facevano guadagni enormi vendendo qualcosa che a loro costa 0 (copie licenziate del proprio software)???
    Forse non è tutto così semplice come alcuni credono.
  • - Scritto da: saverio_ve
    > Id software (la grande id software) agonizza...
    > Ma le "videogame house" non erano aziende che
    > facevano guadagni enormi vendendo qualcosa che a
    > loro costa 0 (copie licenziate del proprio
    > software)???
    > Forse non è tutto così semplice come alcuni
    > credono.

    Io continuo a trovare in rete ogni mese nuovi scenari per doom, che scarico, installo e gioco.

    E' la dimostrazione che la gente che sviluppa/configura giochi solo per il gusto di farlo esiste ed e' tanta.

    Questo e' quanto.

    Il motore del gioco esiste.
    Di mappe ne vengono continuamente create di nuove.
    Si gioca gratis.

    Questo ti irrita? Meglio!
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: saverio_ve
    > > Id software (la grande id software)
    > agonizza...
    > > Ma le "videogame house" non erano aziende che
    > > facevano guadagni enormi vendendo qualcosa
    > che
    > a
    > > loro costa 0 (copie licenziate del proprio
    > > software)???
    > > Forse non è tutto così semplice come alcuni
    > > credono.
    >
    > Io continuo a trovare in rete ogni mese nuovi
    > scenari per doom, che scarico, installo e
    > gioco.
    >
    > E' la dimostrazione che la gente che
    > sviluppa/configura giochi solo per il gusto di
    > farlo esiste ed e'
    > tanta.
    >
    > Questo e' quanto.
    >
    > Il motore del gioco esiste.
    > Di mappe ne vengono continuamente create di nuove.
    > Si gioca gratis.
    >
    > Questo ti irrita? Meglio!

    No non mi irrita... semplicemente non capisco cosa c'entra...
    strawman argument?
  • contenuto non disponibile
  • - Scritto da: unaDuraLezione
    > - Scritto da: saverio_ve
    > > Id software (la grande id software)
    > agonizza...
    > > Ma le "videogame house" non erano aziende che
    > > facevano guadagni enormi vendendo qualcosa
    >
    > Id ha fatto moltissimi soldi in passato: ti
    > ricordo che Carmack ha regalato la sua Ferrari ad
    > un tizio che lo ha battuto ad un deadmatch.
    > Essendo il vincitore solo un ragazzino che non
    > sapeva come portarla a casa, Carmack ha aperto il
    > portafoglio e gli ha anche dato i soldi per
    > farsela
    > spedire.
    >
    > Il problema nasce quando cominci a produrre roba
    > di qualità via via inferiore perdendo nel
    > contempo tutta l'originalità che caratterizzava
    > le prime opere che hanno di fatto fondato due
    > generi, gli FPS e gli FPS multiplayer, ma Carmack
    > non si è mosso di un pixel da questi generi ed è
    > stato soppiantato da chi offriva più
    > spettacolarità (la serie COD) e chi offriva più
    > divertimento vario e casual (Team Fortress
    > II).
    > Evidentamente i clienti l'hanno punita: siamo
    > forse obbligati ad acquistare prodotti che non ci
    > piacciono????
    > Io ho personalmente 13 titoli di Id nella mia
    > lista giochi di Steam, ma i più recenti non li ho
    > comprati perché non mi
    > convincevano.
    > C'è qualcosa che non ti è chiaro sul rischio di
    > impresa? Lui rischia di dover partire da zero e
    > rischia di comprarsi la Ferrari nuova, che cosa
    > non ti torna di
    > preciso?
    > Apri bocca solo per dire l'ovvio, ovvero che
    > un'azienda che fa prodotti che non piacciono va
    > male????
    > Perché invece non vai a chiedere a Rockstar come
    > se la
    > passano?

    E' inutile che mi racconti la storia dell'ID sw... la conosco molto bene, penso di essere un po' più vecchiotto di te.
    Il "rischio di impresa" non è per nulla ovvio per alcuni qui dentro.
    E quando si punta il dito contro una Rockstar perché dovrebbe regalare i giochi e non pretendere di fare montagne di soldi... Bisogna ricordarsi che per una che ce la fa ce ne sono cento che non ce la fanno.
    Messi guadagna un fantastigliardo perché fa una cosa che fanno decine o centinaia di milioni di persone nel mondo... ma lui è il migliore.
    Io non voglio fare l'elemosina ne a Carmack ne all'ID, dico solo che fare un gioco che vende milioni di copie non è così scontato... E chi produce lo fa mettendosi a 90 e facendosi il segno della croce.
  • contenuto non disponibile
  • - Scritto da: unaDuraLezione
    > - Scritto da: saverio_ve
    >
    > > E' inutile che mi racconti la storia dell'ID
    > > sw... la conosco molto bene, penso di essere
    > un
    > > po' più vecchiotto di
    > > te.
    >
    > Maddài, sai talmente tante cose che sai perfino
    > esattamente quanti anni
    > ho.
    >
    > Direi che possiamo fermarci qui.
    >
    > Ciao ciao, Nostradamus

    Vediamo... io ho 43 anni e tu che hai come avatar un manga per 12enni quanti anni hai?

    Ciao a te Matusalemme....
  • > Direi che possiamo fermarci qui.
    >

    Si però ha esposto bene le sue ragioni fino qua, peccato che non gli rispondi attacandoti a questa cosa dell'età.
    non+autenticato
  • contenuto non disponibile
  • - Scritto da: unaDuraLezione
    > - Scritto da: ecumio
    >
    > > Si però ha esposto bene le sue ragioni fino
    > qua,
    > > peccato che non gli rispondi attacandoti a
    > questa
    > > cosa
    > > dell'età.
    >
    > le ragione le ho esposte io, prima di lui:
    > Id faceva un mucchio di soldi quando produceva
    > giochi che alla gente
    > interessavano.
    > Poi ha smesso di farlo con le conseguenze del
    > caso.
    >
    > E' così difficile da capire?
    >
    > Certo, si può sempre rispondere "la storia di Id
    > la conosco meglio io", ma se non mi dici in che
    > modo questo cambia i FATTI che ho esposto, stai
    > solo mettendo in fila parole per far credere che
    > stai rispondendo un argomento, MA non stai
    > dicendo
    > NULLA
    > --------------------------------------------------
    > Modificato dall' autore il 26 novembre 2013 19.24
    > --------------------------------------------------

    Ho capito, ma lui non ha detto solo quello, ha ribadito il concetto che non basta essere "major" (vendere le copie di qualcosa) per essere automaticamente ricchissimi vivere di rendita, infatti iD chiuderà i battenti. E se vogliamo dirla tutta, ci sono state altre software house che hanno sfornato titoli interessanti e famosi, che hanno fatto la stessa fine.
    A mio avviso avente entrambi ragione nelle vostre esposizioni, il contributo di saverio_ve è interessante perché voleva evidenziare come produrre opere di ingegno non sia facile come qualcuno un questi forum pensa, e tu stesso confermi che quando è finita la qualità è finita la iD, non è quindi il modello di business che automaticamente è vantaggioso (la vendita di copie). Mi sembrava un tema interessante, tutto qua.
    non+autenticato
  • >
    > Ho capito, ma lui non ha detto solo quello, ha
    > ribadito il concetto che non basta essere "major"
    > (vendere le copie di qualcosa) per essere
    > automaticamente ricchissimi vivere di rendita,
    > infatti iD chiuderà i battenti. E se vogliamo
    > dirla tutta, ci sono state altre software house
    > che hanno sfornato titoli interessanti e famosi,
    > che hanno fatto la stessa
    > fine.

    Appunto: " hanno sfornato titoli interessanti", verbo al passato. E quando l'hanno fatto, hanno guadagnato. Ma se oggi non fanno nulla di interessante, la domanda è: perché dovrebbero guadagnare qualcosa oggi? Fanno qualcosa di utile? Vale la pena di tenerli ancora in piedi?
    non+autenticato
  • In realtà il declino inarrestabile era già iniziato da almeno 10 anni, ma gli ultimi ridicoli sviluppi su Doom 4 e l'uscita di Carmack praticamente confermano che iD è ormai uno... zombi... A bocca aperta

    In lacrime
    non+autenticato