Alfonso Maruccia

WD Black 2, il disco ibrido con due anime

Un'idea diversa da quella degli altri dischi che uniscono SSD e HDD nello stesso contenitore. In un solo package due distinti archivi per garantire velocità e spazio di archivio

Roma - Il nuovo prodotto Western Digital per lo storage si chiama WD Black2, si monta su un singolo cavo SATA 3 (6 Gbps) ma è dotato di due diverse unità per l'immagazzinamento dati, una a stato solido e l'altra basata sull'uso di piatti magnetici tradizionali. Sono gli utenti che lo vogliono, sostiene WD.

wd black 2WD Black2 accorpa SSD da 120 gigabyte e HDD da 1 terabyte in una singola unità da 2,5 pollici e 9,5mm di spessore, e piuttosto che usare la memoria a stato solido come una soluzione cache il drive rende disponibili al sistema (Windows XP-8.1, la versione Mac è in arrivo) le due opzioni di storage come unità separate.

WD spiega che i clienti "apprezzano la nostra tecnologia ibrida a stato solido", ma nel contempo gli utenti più esperti "chiedono un maggiore controllo su dove vengono archiviati i dati". Ecco dunque spuntare una soluzione come WD Black2, "risultato diretto" del feedback della clientela WD che garantisce ampio spazio per l'immagazzinamento delle informazioni accanto alle performance tipiche di un SSD - che in questo caso si assestano sui 350 Megabyte al secondo in lettura e i 140 MB/s in scrittura (quindi inferiori a quelle delle fuoriserie da oltre 500MB/s in commercio). Qualche compromesso è stato fatto, ma il risultato è comunque quello di riunire in una sola unità lo spazio dei dischi tradizionali con le performance dello stato solido.
Western Digital commercializza il nuovo WD Black2 come soluzione ideale per utenti di laptop, creativi professionisti, PC gamer e appassionati garantendo flessibilità d'uso, performance e affidabilità con una garanzia della durata di cinque anni. Il prezzo consigliato di questo "dual drive" è di 299 dollari.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • TecnologiaSei Terabyte pieni di elioHGST annuncia la commercializzazione di nuove unità per lo storage ad alta capacità, soluzioni basate sui "vecchi" piatti magnetici ma caratterizzate da una novità tecnologica importante. 6 Terabyte sono solo l'inizio
39 Commenti alla Notizia WD Black 2, il disco ibrido con due anime
Ordina
  • Soluzione interessante per i notebook, ma a quel prezzo ci si prende un SSD da 500 MB ben piu' performante.
  • - Scritto da: Enjoy with Us
    > Soluzione interessante per i notebook, ma a quel
    > prezzo ci si prende un SSD da 500 MB ben piu'
    > performante.
    ok, ma questo ha il doppio di capacità oltre a quella ssd
    non+autenticato
  • - Scritto da: Dr Doom
    > - Scritto da: Enjoy with Us
    > > Soluzione interessante per i notebook, ma a
    > quel
    > > prezzo ci si prende un SSD da 500 MB ben piu'
    > > performante.
    > ok, ma questo ha il doppio di capacità oltre a
    > quella
    > ssd

    Si ma allora se parliamo di costo beneficio un 840 Evo di samsung da 120 Gb assai più prestante di sto ibrido lo prendi per 80 euro e un HD da 1 Tb per 55 euro (ed è un 7000 giri, non un 5200), totale 135 euro per avere una soluzione migliore
  • - Scritto da: Enjoy with Us
    > - Scritto da: Dr Doom
    > > - Scritto da: Enjoy with Us
    > > > Soluzione interessante per i notebook,
    > ma
    > a
    > > quel
    > > > prezzo ci si prende un SSD da 500 MB
    > ben
    > piu'
    > > > performante.
    > > ok, ma questo ha il doppio di capacità oltre
    > a
    > > quella
    > > ssd
    >
    > Si ma allora se parliamo di costo beneficio un
    > 840 Evo di samsung da 120 Gb assai più prestante
    > di sto ibrido lo prendi per 80 euro e un HD da 1
    > Tb per 55 euro (ed è un 7000 giri, non un 5200),
    > totale 135 euro per avere una soluzione
    > migliore
    +1 per aver usato prestante invece di performanteOcchiolino
    non+autenticato
  • Si ma è la novità... Ed è d'obbligo passare per questo tipo di soluzioni sui laptop. Per cui magari ci speculeranno un po' e non credo che scenderà mai al prezzo di un SSD+HD. Per cui si pagherà la praticità di averlo integrato.

    Comunque a me non è mai andata a genio l'idea precedente di usare l'ssd come cache dell'HD.

    Preferisco di gran lunga un sistema tipo doppia partizione 120GB+1TB oppure doppia unità disco su unico canale SATA oppure ancora la gestione multi-LUN dei precedenti CD con caricatore miltidisco o DAT multinastro.

    Vedremo la compatibilità con gli OS di questa soluzione perché quello con la struttura a cache-ssd era trasparente e gestita dal controller sul disco. Questa va a creare difficoltà tecniche maggiori.
    iRoby
    6904
  • - Scritto da: iRoby
    > Vedremo la compatibilità con gli OS di questa
    > soluzione perché quello con la struttura a
    > cache-ssd era trasparente e gestita dal
    > controller sul disco. Questa va a creare
    > difficoltà tecniche
    > maggiori.

    http://www.xbitlabs.com/news/storage/display/20131...
    "The drive supports operating systems ranging from Windows XP to Windows 8.1, but does not support Apple Mac OS or Linux."
    per quanto mi riguarda, se deve dipendere da un driver che magari a un aggiornamento di Windows non funziona più, indipendentemente dal prezzo lo fa restare dove è.
    La modalità "ibrida" invece la condivido, tanto è vero che ho da tempo SSD + HD su MacBook Pro gestiti come volumi separati e Fusion Drive su iMac.
    Teo_
    2588
  • Ah beh se lo possono tenere allora se va demandato ad un driver!

    Questa non è tecnologia. Ci stanno portando sugli HD l'idea delle stampanti GDI.

    È vero che per SAS e SATA il numero dei LUN supportati varia da controller a controller, ma implementarne 2 in questo hard disk si poteva fare concettualmente.
    iRoby
    6904
  • E pensa, poi, se si rompe una delle due unità "virtuali" !
  • si tratta del prezzo di listino appena uscito, tempo qualche mese e lo trovi a 200€
    non+autenticato
  • Se il prezzo è interessante sarebbe veramente eccezionale con Linux.

    Tramite LVM2 (Logical Volume Management) si possono creare due volumi logici in un gruppo logico per disco. Ed utilizzare i volumi per assegnarli a quello che si preferisce.
    In Ubuntu LVM è di serie anche sulla versione desktop, prima stava solo sulla live di Ubuntu server, o andava installato al volo prima dell'installazione.

    Io ho già una struttura come questa sul mio desktop, ma utilizzando 1 ssd 128GB + 1 hd da 1TB.
    La mia installazione è fatta così:

    1 volume logico da 16GB per la / sull'SSD
    1 volume logico da 10GB per /var sull'HD
    1 volume logico da 990GB per /home sull'HD
    1 volume logico da 40GB per /home/utente/Virtualbox VMs sull'SSD

    Root e macchine virtuali su ssd.
    Dati utente, documenti, video ecc. su HD.

    In qualsiasi momento posso ridimensionare lo spazio rimasto sulla SSD da 128GB per qualsiasi uso in cui mi serve un disco veloce. Ed in qualsiasi momento posso fare lo stesso sull'HD per assegnare lo spazio che mi serve a necessità di storage (es. video, musica ecc).

    Il massimo della flessibilità.

    Questa unità ibrida mi permette di fare altrettanto anche su un laptop dove notoriamente se non ho uno slot mSATA libero di solito ho spazio per un solo HD.

    Ma perché non ci hanno pensato prima ad un HD ibrido come questo?

    P.S. Un plauso a Linux! Un sistema operativo molto potente ed incredibilmente avanzato.
    Lo stesso con Windows non è possibile o non ha la stessa flessibilità. Al massimo puoi fare C: per il sistema operativo su SSD e D: dove farai la cartella Users per i dati utente su HD.

    Senza contare che non abbiamo parlato di possibilità di combinazioni RAID software di ogni tipo. Cosa che con Windows non funziona bene. Il RAID software in Windows è una cagata pazzesca.
    iRoby
    6904
  • "Il prezzo consigliato di questo "dual drive" è di 299 dollari."

    A meno che non l'abbiano aggiunta dopo, questa frase credo sia illuminante sul prezzo. Se mai calerá a 200 euro, si potrá prendere in considerazione.

    HDD "ibridi" o SSHD dotati di 8 GB di NAND (con funzione di cache) sono giá in commercio da tempo: http://www.seagate.com/internal-hard-drives/laptop.../

    Magari i chip erano troppo grandi (fisicamente) per offrire una soluzione completa da 128 GB. Inoltre in questo modo SSD e HD condividono la stessa interfaccia (Bus), extra lavoro per il controller e ovviamente resa buona ma non confrontabile con SSD puro.

    Condivido l'entusiasmo per il prodotto, ma niente novitá e prezzo di lancio elevato = aspettare.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Psico Anal Ittico
    > Inoltre in questo modo SSD e HD condividono la
    > stessa interfaccia (Bus), extra lavoro per il
    > controller e ovviamente resa buona ma non
    > confrontabile con SSD puro.

    Sata3 da 600MB teorici, ormai saturati dai migliori SSD.
    Tenendo conto che un buon HD da 2,5" da max 100MB/s.
    Tolto un po' di throughput per vari byte di controllo ecc. Si devono dividere 550MB/s. I 100MB per l'HD e ne restano circa 450 per l'ssd. Ne hanno scelto uno da circa 350MB/s, diciamo che ci siamo ed è difficile fare di meglio...

    Come dici, il prezzo giusto è 140-150€ circa, oggi un HD da 1TB è sui 50-60€ ed un SSD da 128GB sugli 80€.
    iRoby
    6904
  • - Scritto da: iRoby

    > Lo stesso con Windows non è possibile o non ha la
    > stessa flessibilità. Al massimo puoi fare C: per
    > il sistema operativo su SSD e D: dove farai la
    > cartella Users per i dati utente su
    > HD.
    >
    > Senza contare che non abbiamo parlato di
    > possibilità di combinazioni RAID software di ogni
    > tipo. Cosa che con Windows non funziona bene. Il
    > RAID software in Windows è una cagata
    > pazzesca.

    Della serie: non conosco Windows.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Zucca Vuota
    > Della serie: non conosco Windows.


    ... intendevi dire che non conosci Linux!Sorride

    A parte gli scherzi, il raid o volumi stile LVM sotto Linux non sono nemmeno parenti con la controparte Windows.
    E non ho menzionato raid-5 o altre combinazioni in quanto fuori tema (es. mirror su 4 dischi, raid-10, ecc).
    Windows fa benissimo giochi e sviluppo .NET (opportunamente configurati e storpiati) ma le robe serie lasciamole fare ad altri sistemi che è meglio...

    Comunque disco interessante, qualsiasi sia l'utilizzo che vogliate farne.
    non+autenticato
  • Probabilmente lui intendeva il Dynamic Disk. Disponibile solo nelle versioni Pro, Enterprise e Ultimate di Windows.

    E comunque non ha la stessa flessibilità di un file system Unix proprio per il design del sistema a dischi di Windows. In pratica puoi mettere insieme più HD per fare un unico volume che poi però è una lettera di unità, tipo D, E.

    Poi però se vuoi metterci per esempio solo i tuoi video devi trasformare la cartella Video sotto Documenti in un collegamento al disco dinamico.
    Non fa parte del tuo file system come su Unix/Linux.

    È solo una specie di Raid 0. Ha anche funzionalità come il Raid 5 e lo striping. Ma quello è un altro discorso...

    E comunque se leggi su Internet la maggior parte dei siti che parlano di questa tecnologia riportano tantissimi problemi. Uno di questi è che i dischi con partizioni logiche del dynamic disk non funzionano bene se connessi via USB per fare un travaso di dati, cosa che con l'lvm di Linux invece funziona (a patto che il volume logico non comprendeva più dischi e c'è comunque possibilità di recupero).
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 26 novembre 2013 22.15
    -----------------------------------------------------------
    iRoby
    6904
  • - Scritto da: iRoby
    > Probabilmente lui intendeva il Dynamic Disk.

    No.

    > Poi però se vuoi metterci per esempio solo i tuoi
    > video devi trasformare la cartella Video sotto
    > Documenti in un collegamento al disco
    > dinamico.
    > Non fa parte del tuo file system come su
    > Unix/Linux.

    Diciamo che o aggiungi un disco ad un volume esistente (Windows lo può fare) o crei un link/mount point ad un diverso volume come illustrato nell'esempio (Windows lo può fare). Non ti piace il fatto di avere un disco C? Su questo non si può fare niente (dove è scritto poi che il sistema deve fare il boot da C?).
    non+autenticato
  • - Scritto da: Forse...
    > - Scritto da: Zucca Vuota
    > > Della serie: non conosco Windows.
    >
    >
    > ... intendevi dire che non conosci Linux!Sorride

    Conosco molto bene Linux che, nota bene, io non sto affatto criticando.

    Il problema è che qua si critica Windows a vanvera senza conoscerlo veramente. I criticoni, se in buona fede, sono probabilmente fermi a XP, una roba del 2001. Già... dimenticavo... gli aggiornamenti di Windows sono solo maquillage estetico e non aggiungono niente di nuovo. Occhiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: Zucca Vuota
    > - Scritto da: Forse...
    > > - Scritto da: Zucca Vuota
    > > > Della serie: non conosco Windows.
    > >
    > >
    > > ... intendevi dire che non conosci Linux!Sorride
    >
    > Conosco molto bene Linux che, nota bene, io non
    > sto affatto criticando.

    Scusa ma sembrava proprio il contrario... non mi sembra di aver usato frasi di parte...

    Comunque l'importante è parlarneOcchiolino
    non+autenticato
  • Se la tecnologia nuova viene aggiunta solo nelle versioni Pro, Enterprise, Ultimate, nella speranza che qualcuno se le compri per averla, e ciò accadrà raramente, allora è come se quella tecnologia non esistesse.

    Il Dynamic Disk non è disponibile a tutti.

    Su Linux LVM e raid software sofisticati sono disponibili a tutti. E se non è installato di serie, con il comando del pacchettizzatore si scarica e si installa.

    Windows è un sistema mediocre per gente mediocre. Non mettere a disposizione queste tecnologie a tutti significa lasciare l'utenza nell'ignoranza e nella mediocrità.
    Metterlo a pagamento nelle versioni Pro significa non diffonderle e non spingere l'utenza ad incuriosirsi ed evolversi.
    iRoby
    6904
  • - Scritto da: iRoby
    > Se la tecnologia nuova viene aggiunta solo nelle
    > versioni Pro, Enterprise, Ultimate, nella
    > speranza che qualcuno se le compri per averla, e
    > ciò accadrà raramente, allora è come se quella
    > tecnologia non
    > esistesse.

    Non mi risulta ci siano differenze nella gestione dello storage tra Windows, Windows Pro e Enterprise (Ultimate esiste ancora?).

    Tutto quello che ho citato è presente in Windows 8.x (e probabilmente anche in 7). Molto di quello che ho citato era presente persino in XP (che è del 2001 ovvero di 12 anni fa).
    non+autenticato