Vuoi Yahoo!? Beccati le sue email

La nuova policy del portalone americano non consente più ai suoi utenti di evitare le sue comunicazioni commerciali. Un'opzione divenuta demodé con l'affermarsi dei servizi a pagamento

Roma - Tutti gli iscritti ai servizi di Yahoo.com stanno ricevendo in queste ore una lettera che anche molti utenti italiani stanno segnalando alla redazione di Punto Informatico. Una mail nella quale si annuncia una nuova brusca virata nella policy di Yahoo! in merito alle comunicazioni commerciali verso gli utenti registrati ai propri servizi web.

Nella lettera Yahoo! ricostruisce la storia delle varie novità introdotte nei propri servizi e nelle comunicazioni commerciali, ricordando che un tempo quando ci si registrava al sitone si doveva lì per lì scegliere, con un semplice "sì" o "no", se ricevere o meno informazioni commerciali. Poi, a marzo 2002, è nata la "Pagina delle preferenze", dove l'utente sceglie se intende ricevere comunicazioni da Yahoo! o meno, o anche dai suoi partner, oppure solo da Yahoo! ma limitatamente a certi prodotti, oppure se è o meno disponibile a ricevere lettere tradizionali o telefonate a casa.

Quella pagina, spiega l'ultima lettera di Yahoo!, rimane funzionante e tutte le garanzie rimangono intatte con l'unica eccezione, certo non trascurabile, che non è più possibile dare un "no" preventivo alle comunicazioni commerciali provenienti da Yahoo! e solo da Yahoo! (non dai suoi partner, quindi). Una scelta, quella di Yahoo!, certo imputabile alla necessità per l'azienda di rientrare dei costi dei servizi gratuiti e far fruttare quella enorme base di utenti che il portalone si è costruito in questi anni.
"Dal primo gennaio 2004 - spiega la lettera - Yahoo! inizierà a mandarti messaggi, via email o via posta, sui nostri servizi e prodotti (non ti manderemo posta tradizionale se ci hai dato il tuo indirizzo ma hai chiesto di non essere contattato in questo modo)". Ad ogni modo, assicura Yahoo!, ogni email spedita conterrà anche la possibilità di impedire ulteriori futuri invii di materiali simili.

"E - conclude la lettera - come sempre potrai cancellare il tuo account Yahoo! in qualsiasi momento, per qualsiasi ragione, andando alla pagina https://edit.yahoo.com/config/delete_user".
22 Commenti alla Notizia Vuoi Yahoo!? Beccati le sue email
Ordina
  • Forse sbaglio, ma tutto questo non mi sembra un vero problema. Intanto ecco la parte rilevante della mail di Yahoo, che come tanti anche io ho ricevuto. "What's Changing on January 1, 2004. Starting January 1, 2004, Yahoo! will begin to send you messages, via email or postal mail, about our own products and services. (We will not send you postal mail if you have given us a mailing address and have opted out of contact via postal delivery.) You can control the types of messages you receive by visiting your Marketing Preferences at any time." L'area "Marketing Preferences" è raggiungibile dall'interno del proprio profilo, ed contiene una lista di opzioni disabilitabili. Io da sempre tengo tutto impostato a "no" (vuoi ricevere questo? No. Che ne dici di quello? No. Vuoi sapere di "A"? No. E di "B"? No...). Se dal 1 gennaio provano a cambiarmi in automatico le impostazioni, e provano a mandarmi alcunché, reimposto di nuovo tutto a "no", e la storia dovrebbe finire lì. Comunque, la pagina prevede di indicare loro l'indirizzo di posta elettronica presso il quale si vuole essere contattati. Chi impedisce di creare un account dedicato da qualche parte (es. Hotmail) e far finire lì tutti i messaggi commerciali: uno crea l'account, registra l'indirizzo nel profilo, indica quello come indirizzo per la pubblicità, e lascia che Zio Bill dopo un po' disabiliti la casella.

    non+autenticato
  • Gli annunci commerciali di Yahoo già arrivano nelle caselle di posta elettronica, ma non è un problema: si autofiltrano andando a finire nella cartellina antispam. Meglio di così!Sorride
    non+autenticato
  • "E - conclude la lettera - come sempre potrai cancellare il tuo account Yahoo! in qualsiasi momento, per qualsiasi ragione, andando alla pagina https://edit.yahoo.com/config/delete_user".

    e' un po' come dire: o cosi' o te ne puoi andare sempre in quel posto.

    Mi sembra un modo abbastanza sgradevole, anche perché e' un accordo che fa comodo ad'entrambi.
    Io ho l'email e non spendo nulla, yahoo ci fa soldi, e mi sembra, dopo le continue acquisizioni, che gli riesca anche bene.
    Io non mi sono mai sentito in debito, ma grato.
    Ora sono scocciato.

    A voi l'ardua sentenza.
    non+autenticato
  • se Yahoo non può permettersi certi servizi li venda a chi può permetterseli. Perché ha fatto una campagna di incetta acquisendosi Geocities, Onenet e chi più ne ha più ne metta, e poi cerca di togliere sempre di più? Ormai è stillicidio, limiti di banda che starebbero stretti pure se fossimo all'epoca dei modem 28k, pochi megabyte e poi hai finito per tutta la giornata, Geocities ormai divenuto inutilizzabile (senza pagare) e via di seguito.

    Insomma, ormai il "gratis" di Yahoo diventa sempre di più solo di facciata.
    non+autenticato
  • Sveglia.....ma scusa ripeto, quando entri un bar pretendi che il barista non ti faccia pagare il caffè? credo proprio che non ci si pensi nemmeno, e allora perchè Yahoo&co dovrebbero darci servizi gratuiti....

    welcome into the real world.

    fab
    non+autenticato

  • Perche' finche' gli ha fatto comodo
    per incettare dati di utenti lo hanno
    fatto eccome...
    ecco perche'

    se non riesci a tirar fuori una lira
    da un gigante coorporativo come
    yahoo senza usare mezzucci come lo
    spam e' un chiaro segno che la sua
    importanza come servizio non e' poi
    cosi' alta....e quindi che chiuda.

    cmq potrebbe anche essere accettabile
    questo VOLTAGABBANA (perche di questo
    si tratta) se avessero ricominciato da capo...
    ovvero non sfruttando databases enormi
    di dati accaparrati (ripeto) sventolando
    la parola gratis.

    troppo facile cosi.

    bye
    Francesco


    - Scritto da: Anonimo
    > Sveglia.....ma scusa ripeto, quando entri un
    > bar pretendi che il barista non ti faccia
    > pagare il caffè? credo proprio che non ci si
    > pensi nemmeno, e allora perchè Yahoo&co
    > dovrebbero darci servizi gratuiti....
    >
    > welcome into the real world.
    >
    > fab
    non+autenticato
  • e' come se il nuovo bar all'angolo il giorno dell'inaugurazione decide di fare il caffe' gratis per tutti per promuovere la sua attivita' e te il giorno seguente ti arrabbi e ti senti ingannato quando te lo fa pagare. E dici, "beh' se proprio non sa mandare avanti l'attivita' senza regalare il caffe' a tutti, che allora chiuda!"

    non+autenticato

  • .... e la barca va..............



    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)