Alfonso Maruccia

Copyright Java, appello al via

Prende il via la nuova fase della contesa tra Oracle e Google sul copyright di Java e l'uso che Mountain View ne ha fatto per Android. ╚ illegale sostiene Oracle. ╚ fair use, continua a rispondere Google

Roma - Il già annunciato appello di Oracle contro la decisione di scagionare Google dall'accusa di violazione del copyright entra nel vivo, con i giudici e la corte impegnati ad ascoltare le argomentazioni di accusa (Oracle) e difesa (Google) nel tentativo di stabilire la verità sulla virtual machine e le API Java integrate in Android.

Oracle ha chiesto e ottenuto la celebrazione di un appello dopo aver perso su tutta la linea in primo grado: il giudice William Alsup aveva inizialmente stabilito l'esenzione dal copyright delle librerie Java incriminate, assolvendo Google - le cui infrazioni al codice protetto dal diritto d'autore erano trascurabili e coperte dal fair use - e imponendo a Oracle persino il pagamento delle sostanziose spese legali sostenute da Mountain View.

Nel nuovo processo, il colosso dei database relazionali sostiene che Google "ha preso la parte più importante e interessante" delle API Java per creare Android, Mountain View ha estratto codice in maniera certosina usandolo per i propri scopi e lo ha fatto per "sfruttare la base utenti di Oracle".
Nel processo sono entrati anche i nomi di Apple e Microsoft, con il giudice Judge Kathleen O Malley impegnato a chiedere ai legali di Google se, stando alla sentenza di Alsup, Mountain View fosse autorizzata a usare gratuitamente anche le API sviluppate dai suoi due succitati competitor.

La risposta dell'avvocato Robert Van Nest è stato un "sì" condizionale: Google può usare liberamente le API ma "solo nella struttura dei comandi", ha sostenuto Nest, mettendoci di suo la riscrittura di milioni di linee di codice esattamente come avvenuto nel caso dei 15 milioni di linee contenute nei sorgenti "originali" di Android. La parola passa ora alla corte, che non esprimerà un giudizio se non tra qualche mese.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • AttualitàOracle contro Google, appello per JavaRicomincia lo spettacolo, questa volta fioccano le storie di fantasia ispirate ai romanzi di Harry Potter. L'azienda di Larry Ellison non ci sta e vuole sia fatta giustizia. Android Ŕ una copia di Java, e Mountain View va sanzionata
  • TecnologiaAndroid, il successore di Dalvik si chiama ARTUna delle novitÓ introdotte in sordina dall'ultima release dell'OS mobile potrebbe avere ricadute significative sul fronte delle prestazioni. Google si starebbe preparando a sostituire la discussa virtual machine di Android
8 Commenti alla Notizia Copyright Java, appello al via
Ordina
  • ovviamente la questione tra Oracle e Google appare come quelle di lana caprina: così semplice ma in ultima analisi un attimino più complessa da dirimere ufficialmente, stando alla troppo poco sensata normativa di copyright americana.

    Volendo però nella notizia soprassedere sulla correttezza del cognome del giudice, in realtà O'Malley, appare evidente alla lettura come "Judge" non possa assolutamente essere considerato un nome proprio.
    non+autenticato
  • - Scritto da: opinionista
    > ovviamente la questione tra Oracle e Google
    > appare come quelle di lana caprina: così semplice
    > ma in ultima analisi un attimino più complessa da
    > dirimere ufficialmente, stando alla troppo poco
    > sensata normativa di copyright americana.

    > Volendo però nella notizia soprassedere sulla
    > correttezza del cognome del giudice, in realtà
    > O'Malley, appare evidente alla lettura come
    > "Judge" non possa assolutamente essere
    > considerato un nome proprio.

    Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    Bellissima, non ci avevo fatto caso ahahahah
    Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    krane
    22544
  • Oracle farebbe bene a pensare ai suoi problemi interni, altro che chiedere danni e improntare cause
  • La diatriba è nata fondamentalmente perchè Google ha preso "nomi" e "organizzazione" dei package di Java, ed ha riscritto la propria versione di tutte le classi e funzioni (a dirla tutta, su diversi milioni di righe di codice, ne sono state scoperte 9 copiate pari pari).

    Risultato: per fare app Android con SDK si usa il linguaggio Java e le stesse classi/package di Java, ma il risultato non è Java bytecode, è bytecode per la Virtual Machine DALVIK presente in Android.

    Oracle aveva basato la sua causa affermando che, pur essendo Java un linguaggio libero, i "nomi" delle classi, i "nomi" delle funzioni, e il raggruppamento in quei "package", è copyright di Oracle.

    Il giudice Alsup ha dichiarato che certi "nomi" di funzioni e classi e una ben precisa "organizzazione in package" non possono essere coperti da copyright.

    Ora Oracle rilancia, dicendo che Google ha volutamente scelto stessi nomi e package per sfruttare la base di sviluppatori e letteratura java. Secondo me è esattamente così, ma non credo si possa impedire a qualcuno di usare un linguaggio che per "manifesto" è libero. Inoltre c'è anche da considerare che l'adozione di massa in Android ha rivitalizzato un linguaggio che obiettivamente era un po' in declino.
  • tutto giusto... aggiungiamo anche che
    - il giudice-coder Alsup ha gia' pisciato in testa a Oracle... e' chiaro che il 2'grado diventa sempre piu' una questione 'politica' (ha pure M$ a dar manforte)... tanto piu che danni = zero (sono i danni ipotetici stile RIAA)
    - Al tempo il giocattolo era di Sun, che era 100 volte piu' friendly dell'odiosissima Oracle (non ci dimentichiamo le bestialita' su openoffice ecc vs Sun che rilicenzio' 4/5 di java come GPL)
    non+autenticato
  • Sun non era piu' "friendly" di Oracle, infatti gia' la Sun aveva iniziato a minacciare Google con una causa legale, ma che poi non parti' mai perche' mancavano i soldi, e infatti Sun ando' fallita.

    Salvata da Oracle, la Sun ha passato le carte ai dirigenti Oracle che, avendo disponibilita' economiche, hanno iniziato la causa con "qualche anno" di ritardo.

    Ed eccoci ora qui: Sun/Oracle sta giustamente dicendo che Google ha copiato milioni di righe, Google dice che in realta' non c'e' copyright su nomi di classi , funzioni , pacchetti..etc...
    Al di la' di questo, io vorrei chiedere una cosa a Google:
    ma passi il copyright sulle classi che "si possono copiare", ma pure i commenti si possono copiare?
    Si' perche' Google (nell'articolo non si dice) ha copiato pure i commenti dei file .jara!!!!
    ...ma permetti quindi che quelli di Sun/Oracle si siano un tantino adirati?!?!? o no?!?!?!?!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mimmo
    > Ed eccoci ora qui: Sun/Oracle sta giustamente
    > dicendo che Google ha copiato milioni di righe,
    > Google dice che in realta' non c'e' copyright su
    > nomi di classi , funzioni , pacchetti..etc...

    Come detto prima, nomi e struttura sono stati copiati pari pari, ma quanto alle righe di codice in aula è stato stabilito che le righe copiate sono 9 (NOVE) su un totale di circa 15 MILIONI, e sono queste:

    private static void rangeCheck(int arrayLen, int fromIndex, int toIndex {
         if (fromIndex > toIndex)
             throw new IllegalArgumentException("fromIndex(" + fromIndex +
                   ") > toIndex(" + toIndex+")");
         if (fromIndex < 0)
             throw new ArrayIndexOutOfBoundsException(fromIndex);
         if (toIndex > arrayLen)
             throw new ArrayIndexOutOfBoundsException(toIndex);
    }

    Quando il legale di Oracle si è accanito su queste righe di codice, sino a portare alla sbarra chi le aveva scritte, è uscito che quelle righe erano un contributo di Joshua Bloch di Google, che aveva donato a Sun la funzione per essere inserita in Java. Quindi per riassumere, google ha copiato 9 righe di codice che già possedeva e ha poi donato a Java.
  • - Scritto da: Mimmo
    > Sun non era piu' "friendly" di Oracle, infatti
    > gia' la Sun aveva iniziato a minacciare Google
    > con una causa legale, ma che poi non parti' mai
    > perche' mancavano i soldi, e infatti Sun ando'
    > fallita.
    veramente tentarono un agreement per la licenza, e falli'. Come falliscono tante trattative. Pure Schwartz era d'accordo con l'interpretazione di google....
    Sun poveraccia aveva altri problemi.

    > Si' perche' Google (nell'articolo non si dice) ha
    > copiato pure i commenti dei file
    > .jara!!!!
    > ...ma permetti quindi che quelli di Sun/Oracle si
    > siano un tantino adirati?!?!? o
    > no?!?!?!?!
    no. sono degli avvoltoi. e anche abbastanza incapaci.
    non+autenticato