Claudio Tamburrino

Copyright, lettere scandalose

Gli avvoltoi del copyright colpiscono ancora: minacciano di esporre al pubblico ludibrio chi si è trastullato con il porno dei propri assistiti, ospitato in streaming su piattaforme terze. A meno che...

Roma - La produttrice svizzera di contenuti a luci rosse Abmahner ha presentato il conto ai tedeschi che si sono intrattenuti con le sue opere attraverso la piattaforma di video sharing Redtube.

L'azienda svizzera, peraltro, è decisamente hardcore nella sua richiesta: 250 euro per ogni clip visualizzata oppure affrontare la trafila giudiziaria. Una richiesta che ha il sapore inequivocabile del ricatto.

I business legati alla tutela del copyright a luci rosse, d'altronde, spesso sono al limite della legalità. Negli Stati Uniti lo stesso schema minaccia-richiesta di pagamento è stato adottato dai produttori Corbin Fisher e Malibu Media. Quest'ultimo, in particolare, in 11 casi si è spinto fino a citare nell'atto di accusa contenuti non propri caricati sull'indirizzo IP accusato e caratterizzati da titoli decisamente scandalosi: una pratica per imbarazzare (e di fatto minacciare) il destinatario della denuncia, che però è stata ritenuta illegale dal giudice che l'ha per questo condannata a pagare 200 dollari a caso.
In Germania, poi, la società legale Urmann and Colleagues (U+C) aveva già chiesto nel 2012 a centinaia di downloader il pagamento di 650 euro per evitare la pubblicazione dei propri dati associati ai contenuti pornografici.

Come ogni avvoltoio del copyright che si rispetti, dunque, anche il piano di Abmahner è quello di spingere i malcapitati a pagare per evitare la trafila processuale e la gogna pubblica legata alla divulgazione del loro passatempo amatoriale.

Ad essere stata incaricata di portare avanti l'accusa è ancora una volta U+C: sembra aver già ottenuto il via libera dalla Corte regionale di Colonia per chiedere agli Internet Service Provider i nominativi corrispondenti agli indirizzi IP incriminati e per inviare decine di migliaia di lettere con le richieste di pagamento. In questo modo aggirerebbe il problema non da poco del collegamento legale ed inequivocabile tra un indirizzo IP ed una persona fisica: vero ostacolo alla rivendicazione di qualsivoglia diritto di proprietà intellettuale consumato online o all'individuazione di eventuali responsabilità in caso di violazioni.

L'altro problema per l'accusa è che per la normativa tedesca c'è una bella differenza tra visione in streaming di un contenuto e la sua condivisione: il primo comportamento non connoterebbe la violazione del diritto d'autore in quanto gli utenti non sono in grado di individuare la proprietà del copyright in discussione.

Infine, gli indirizzi IP dei destinatari delle richieste potrebbero essere stati ottenuti attraverso malware: un'altra questione che molto probabilmente non otterrebbe il favore di un giudice.

A difesa degli utenti minacciati, peraltro, si è già schierato un altro studio legale tedesco, Wendermann, che ha già sentito più di mille persone preoccupate e sembra pronto a preparare una causa di gruppo, cui invita a partecipare chiunque abbia ricevuto una lettera da Abmahner.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • Diritto & InternetCopyright, lo scandalo non pagaIl titolo scaricato illegalmente non è abbastanza pornografico? Il detentore dei diritti non esita a chiamare in causa inequivocabili titoli altrui. Per la vergogna dei condivisori accusati
  • Diritto & InternetUSA, l'indirizzo IP non è una provaUn giudice di New York condanna gli avvoltoi del copyright: uno spreco di risorse giuridiche. Impossibile denunciare un presunto downloader sulla base di un indirizzo IP, perché non identifica un responsabile
  • AttualitàGermania, la gogna del porno pirataUna società legale minaccia di pubblicare online le reali identità associate a oltre 150mila indirizzi IP. Una ritorsione che coinvolgerebbe anche chiese e ambasciate arabe. Non pagate le multe forfettarie per i download pornografici
24 Commenti alla Notizia Copyright, lettere scandalose
Ordina
  • In Italia così si chiama.
    Non so se in Germania esiste un reato analogo.
  • - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
    > In Italia così si chiama.
    > Non so se in Germania esiste un reato analogo.


    Se esiste qui a Bananas non può non esistere nella più evoluta Germania. A bocca aperta
    non+autenticato
  • Chi è che fa la cosa più scandalosa? Chi guarda il porno gratis... o chi addirittura paga per guardarlo? O chi si fa pagare per produrlo?

    Se questo provvedimento può dissuadere qualcuno dal guardare il porno gratis (assurdo, ma ipotizziamo per un secondo che sia così), a maggior ragione dissuaderebbe chi pagava per il porno dal comprarne altro.
    non+autenticato
  • Cacciate 650 Euro su. Non vorrete mica essere esposti al pubblico ludibrio per i pippaioli che siete? Sorpresa

    Parola di terribile avvoltoio legale

    Clicca per vedere le dimensioni originali
    non+autenticato
  • - Scritto da: Terribile avvoltoio legale
    > Cacciate 650 Euro su. Non vorrete mica essere
    > esposti al pubblico ludibrio per i pippaioli che
    > siete?
    >Sorpresa
    >
    > Parola di terribile avvoltoio legale
    >
    > [img]http://parksandresorts.wdpromedia.com/media/d

    La caccia alla fauna selvatica stanziale ed alla migratoria è
    consentita nelle forme sotto indicate, dalla terza
    domenica di settembre al 31 gennaio:
    non+autenticato
  • > Cacciate 650 Euro su. Non vorrete mica essere
    > esposti al pubblico ludibrio per i pippaioli che
    > siete?
    >Sorpresa

    E vale anche per gli utenti di PI. Ora che si è scoperto che la NSA traccia la navigazione di aspiranti terroristi su siti pornografici, siti proibiti dalla loro religione, potrebbe capitare che alcune voci troppo critiche qui su PI si vedano pubblicata a tradimento la cronologia dei siti a luce rosse visitati negli ultimi mesi. E sarebbero costretti a cambiare pseudonimo o a non commentare più Imbarazzato
  • - Scritto da: Leguleio
    > > Cacciate 650 Euro su. Non vorrete mica essere
    > > esposti al pubblico ludibrio per i pippaioli
    > che
    > > siete?
    > >Sorpresa
    >
    > E vale anche per gli utenti di PI. Ora che si è
    > scoperto che la NSA traccia la navigazione di
    > aspiranti terroristi su siti pornografici, siti
    > proibiti dalla loro religione, potrebbe capitare
    > che alcune voci troppo critiche qui su PI si
    > vedano pubblicata a tradimento la cronologia dei
    > siti a luce rosse visitati negli ultimi mesi.

    E il problema sarebbe ?

    > E sarebbero costretti a cambiare pseudonimo o a non
    > commentare più
    >Imbarazzato

    E perche' ?
    Il porno e' reato, ora ?
    non+autenticato
  • > > > Cacciate 650 Euro su. Non vorrete mica
    > essere
    > > > esposti al pubblico ludibrio per i
    > pippaioli
    > > che
    > > > siete?
    > > >Sorpresa
    > >
    > > E vale anche per gli utenti di PI. Ora che
    > si
    > è
    > > scoperto che la NSA traccia la navigazione di
    > > aspiranti terroristi su siti pornografici,
    > siti
    > > proibiti dalla loro religione, potrebbe
    > capitare
    > > che alcune voci troppo critiche qui su PI si
    > > vedano pubblicata a tradimento la cronologia
    > dei
    > > siti a luce rosse visitati negli ultimi
    > mesi.
    >
    >
    > E il problema sarebbe ?

    Come minimo la violazione della privacy. ImbarazzatoImbarazzato


    > > E sarebbero costretti a cambiare pseudonimo
    > o a
    > non
    > > commentare più
    > >Imbarazzato

    > E perche' ?
    > Il porno e' reato, ora ?

    I programmatori, i geek e i nerd dell'informatica non possono guardare pornografia. Non è nel loro personaggio.ImbarazzatoImbarazzatoImbarazzatoImbarazzato
  • - Scritto da: Leguleio
    > > Cacciate 650 Euro su. Non vorrete mica essere
    > > esposti al pubblico ludibrio per i pippaioli
    > che
    > > siete?
    > >Sorpresa
    >
    > E vale anche per gli utenti di PI. Ora che si è
    > scoperto che la NSA traccia la navigazione di
    > aspiranti terroristi su siti pornografici, siti
    > proibiti dalla loro religione, potrebbe capitare
    > che alcune voci troppo critiche qui su PI si
    > vedano pubblicata a tradimento la cronologia dei
    > siti a luce rosse visitati negli ultimi mesi.

    Mi piacerebbe sapere come la recuperano questa cronologia.

    > E
    > sarebbero costretti a cambiare pseudonimo o a non
    > commentare più
    >Imbarazzato

    In tal caso ci mancherai, ma non piu' di tanto.
  • > la NSA traccia la navigazione di
    > > aspiranti terroristi su siti pornografici,
    > siti
    > > proibiti dalla loro religione, potrebbe
    > capitare
    > > che alcune voci troppo critiche qui su PI si
    > > vedano pubblicata a tradimento la cronologia
    > dei
    > > siti a luce rosse visitati negli ultimi mesi.
    >
    > Mi piacerebbe sapere come la recuperano questa
    > cronologia.

    Chi lo sa. L'articolo sulla NSA e gli islamici è qui:
    http://www.lastampa.it/2013/11/28/esteri/lnsa-spia...

    > > E
    > > sarebbero costretti a cambiare pseudonimo o
    > a
    > non
    > > commentare più
    > >Imbarazzato
    >
    > In tal caso ci mancherai, ma non piu' di tanto.

    Potrebbe capitare anche a te! Arrabbiato
    ImbarazzatoImbarazzato
  • E qualcuno mette ancora in dubbio che le normative sul diritto d'autore vanno riformate! Deluso
    non+autenticato
  • contenuto non disponibile
  • > non c'è nessuna normativa che permette di fare
    > ricatti e sfondo sessuale a persone fino a prova
    > contraria
    > innocenti.
    > Semplicemente vanno arrestati coloro che operano
    > in questo
    > modo.

    Capisco che i vari articoli di giornale ci debbano mettere il pepe, per insaporire la cosa, ma non interpretarli letteralmente: non c'è nessuna minaccia, non sono mica scemi! C'è una frase standard, presente in qualsiasi lettera dell'avvocato, in caso di mancato riscontro si adiranno le vie legali. Fine.
  • - Scritto da: Leguleio
    > > non c'è nessuna normativa che permette di
    > fare
    > > ricatti e sfondo sessuale a persone fino a
    > prova
    > > contraria
    > > innocenti.
    > > Semplicemente vanno arrestati coloro che
    > operano
    > > in questo
    > > modo.
    >
    > Capisco che i vari articoli di giornale ci
    > debbano mettere il pepe, per insaporire la cosa,
    > ma non interpretarli letteralmente: non c'è
    > nessuna minaccia, non sono mica scemi! C'è una
    > frase standard, presente in qualsiasi lettera
    > dell'avvocato, in caso di mancato riscontro si
    > adiranno le vie legali.
    > Fine.
    questo lo dici tu (omen nomen...).
    Ricordiamoci di Prenda Law firm per es http://copyrightclerk.com/2012/12/28/has-prenda-la.../
    O i buoni amici di Logistep AG/Peppermint...
    non+autenticato
  • > > > non c'è nessuna normativa che permette di
    > > fare
    > > > ricatti e sfondo sessuale a persone fino a
    > > prova
    > > > contraria
    > > > innocenti.
    > > > Semplicemente vanno arrestati coloro che
    > > operano
    > > > in questo
    > > > modo.

    > > Capisco che i vari articoli di giornale ci
    > > debbano mettere il pepe, per insaporire la cosa,
    > > ma non interpretarli letteralmente: non c'è
    > > nessuna minaccia, non sono mica scemi! C'è una
    > > frase standard, presente in qualsiasi lettera
    > > dell'avvocato, in caso di mancato riscontro si
    > > adiranno le vie legali.
    > > Fine.

    > questo lo dici tu (omen nomen...).

    Quale nome? Guarda che Leguleio è un nome come un altro, mi è caduto l'occhio su una parola a caso del dizionario.

    > Ricordiamoci di Prenda Law firm per es
    > http://copyrightclerk.com/2012/12/28/has-prenda-la


    Sei fuori tema: Cito "Suggest Possible Systemic Fraud, Perjury, Identity Theft, and Lack of Standing". Il reato di minacce, in inglese americano "true threat", non compare.

    > O i buoni amici di Logistep AG/Peppermint...

    Cosa facevano quelli di Logistep?
  • - Scritto da: Leguleio
    > > > > non c'è nessuna normativa che
    > permette
    > di
    > > > fare
    > > > > ricatti e sfondo sessuale a
    > persone fino
    > a
    > > > prova
    > > > > contraria
    > > > > innocenti.
    > > > > Semplicemente vanno arrestati
    > coloro
    > che
    > > > operano
    > > > > in questo
    > > > > modo.
    >
    > > > Capisco che i vari articoli di giornale
    > ci
    > > > debbano mettere il pepe, per insaporire
    > la
    > cosa,
    > > > ma non interpretarli letteralmente: non
    > c'è
    > > > nessuna minaccia, non sono mica scemi!
    > C'è
    > una
    > > > frase standard, presente in qualsiasi
    > lettera
    > > > dell'avvocato, in caso di mancato
    > riscontro
    > si
    > > > adiranno le vie legali.
    > > > Fine.
    >
    > > questo lo dici tu (omen nomen...).
    >
    > Quale nome? Guarda che Leguleio è un nome come un
    > altro, mi è caduto l'occhio su una parola a caso
    > del
    > dizionario.
    uauuaua ma daiSorride

    > > Ricordiamoci di Prenda Law firm per es
    > >
    > http://copyrightclerk.com/2012/12/28/has-prenda-la
    >
    >
    > Sei fuori tema: Cito "Suggest Possible Systemic
    > Fraud, Perjury, Identity Theft, and Lack of
    > Standing". Il reato di minacce, in inglese
    > americano "true threat", non compare.
    Cioe' liquidi una faccenda di mesi con dozzine di articoli con una scorsa volante a quello e basta? che fossero dei ladroni matricolari ci si e' arrivati nel tempo (e ovviamente loro non sono d'accordoCon la lingua fuori)...

    > > O i buoni amici di Logistep AG/Peppermint...
    >
    > Cosa facevano quelli di Logistep?
    ehhh... ti do un pezzo del puzzle ... http://punto-informatico.it/2987767/PI/News/logist...
    non+autenticato
  • > > > Ricordiamoci di Prenda Law firm per es
    > > >
    > >
    > http://copyrightclerk.com/2012/12/28/has-prenda-la
    > >
    > >
    > > Sei fuori tema: Cito "Suggest Possible Systemic
    > > Fraud, Perjury, Identity Theft, and Lack of
    > > Standing". Il reato di minacce, in inglese
    > > americano "true threat", non compare.

    > Cioe' liquidi una faccenda di mesi con dozzine di
    > articoli con una scorsa volante a quello e basta?

    Indicami un link che formalizza le lettere minatorie fra le accuse, allora. Io ho letto il link che mi hai dato tu.

    > che fossero dei ladroni matricolari ci si e'
    > arrivati nel tempo (e ovviamente loro non sono
    > d'accordo
    >Con la lingua fuori)...

    Non ho l'abitudine di dare dello stupratore a un colpevole di atti persecutori (tu lo chiameresti stalking , tanto sei anglofilo), oppure dell'assassino a un bracconiere. Non ho alcuna necessità di puntare alla pancia della gente, alla loro emotività. La realtà non ha bisogno di drammatizzazioni per essere raccontata.
    Ma forse per te è diverso. E ragioni come gli autori olandesi dello spot antipirateria, che sostengono che scaricare è un furto.



    > > > O i buoni amici di Logistep
    > AG/Peppermint...
    > >
    > > Cosa facevano quelli di Logistep?
    > ehhh... ti do un pezzo del puzzle ...
    > http://punto-informatico.it/2987767/PI/News/logist

    Violazione della privacy. Anche questo non c'entra con le minacce.
  • - Scritto da: Leguleio
    > > > > Ricordiamoci di Prenda Law firm
    > per es
    >
    > > > >
    > > >
    > >
    > http://copyrightclerk.com/2012/12/28/has-prenda-la
    > > >
    > > >

    > > >
    > > > Cosa facevano quelli di Logistep?
    > > ehhh... ti do un pezzo del puzzle ...
    > >
    > http://punto-informatico.it/2987767/PI/News/logist
    >
    > Violazione della privacy. Anche questo non
    > c'entra con le
    > minacce.
    ero indeciso se rispondere perche' qua non e' straw... me stai a cojona'Sorride
    O pensi veramente che l'avvocato mandi una lettera stile "porti la borsa con 100000 dietro l'uliveto o senno' il figlio glielo mandiamo a casa a pezzi" stile rapitore in aspromonte?Sorride E' un pelo piu' sofisticato...
    E si, si chiama stalking, harrasment, estorsione, o piu' elegantemente abuso del diritto...
    non+autenticato
  • > ero indeciso se rispondere perche' qua non e'
    > straw... me stai a cojona'
    >Sorride

    No, bubba, fai tutto da solo. Ti cojoni da te.


    > O pensi veramente che l'avvocato mandi una
    > lettera stile "porti la borsa con 100000 dietro
    > l'uliveto o senno' il figlio glielo mandiamo a
    > casa a pezzi" stile rapitore in aspromonte?Sorride

    Se leggessi il commento iniziale di unaDuraLezione:

    "non c'è nessuna normativa che permette di fare ricatti e sfondo sessuale a persone fino a prova contraria innocenti.
    Semplicemente vanno arrestati coloro che operano in questo modo."
    (grassetto mio)

    Ebbene, il ricatto in tutti questi casi precedenti non c'è. Proprio non so che gusto ci sia a parlare di reati a vanvera.
    Secondo me non ci sono reati nemmeno di altro tipo, a parte in qui casi di violazione della privacy. Ma andrebbero visti meglio tutti gli atti.


    > E'
    > un pelo piu'
    > sofisticato...
    > E si, si chiama stalking, harrasment, estorsione,
    > o piu' elegantemente abuso del
    > diritto...

    Non è un ricatto. Semplicemente.
    Vai a dirlo a tutti quelli che hanno scritto questa inesattezza, a cominciare da PI. Poi la gente semplice ci crede, ed è capace che fa una querela per questo. Ma ti pare l caso di diffondere cose del genere?
  • - Scritto da: Leguleio

    > Ebbene, il ricatto in tutti questi casi
    > precedenti non c'è. Proprio non so che gusto ci
    > sia a parlare di reati a vanvera.

    Benché non sia tecnicamente un ricatto, la sensanzione di "essere ricattati" la gente ce l'ha comunque. Ed è quello che conta.

    D'altronde quando ci si trova invischiati in situazioni del genere, è abbastanza difficile non viverla come un ricatto/minaccia.

    Non impuntarti sul formalismo, ma guarda la sostanza.

    > Poi la gente semplice ci crede,
    > ed è capace che fa una querela per questo.
    > Ma ti pare il caso di diffondere cose del
    > genere?

    Certo. Perché no?
    non+autenticato
  • > > Ebbene, il ricatto in tutti questi casi
    > > precedenti non c'è. Proprio non so che gusto ci
    > > sia a parlare di reati a vanvera.
    >
    > Benché non sia tecnicamente un ricatto, la
    > sensanzione di "essere ricattati" la gente ce
    > l'ha comunque. Ed è quello che
    > conta.

    No, quello che conta è ciò che si scrive, e come si scrive, sui giornali e sui siti web. Qui parliamo di aziende americane, o svizzere, quindi il problema non credo si porrà mai. Ma se scrivessi che una ditta italiana che si occupa di queste cose fa "ricatti" o "minaccia", entrambi reati, una querela per diffamazione non te la leva nessuno.

    Chissà perché, nelle parole di quel portavoce che ha linkato bubba la parola "ricatto" non c'è, e nemmeno "minacce".


    > D'altronde quando ci si trova invischiati in
    > situazioni del genere, è abbastanza difficile non
    > viverla come un
    > ricatto/minaccia.

    Quando uno si sente con le spalle al muro tutto appare un ricatto. Fa parte dell'animo umano. Quando non si hanno i soldi del mutuo da pagare, si arriva a dire che è un ricatto che la banca possa prenderci la casa. Eppure la firma sul contratto è lì, la può leggere chiunque.

    Non è che le cose spiacevoli per gli altri diventano reati di cui siamo vittime quando ci succedono in prima persona.Deluso

    > > Poi la gente semplice ci crede,
    > > ed è capace che fa una querela per questo.
    > > Ma ti pare il caso di diffondere cose del
    > > genere?
    >
    > Certo. Perché no?

    Perché rischi di dare idee sbagliate a persone sprovvedute. Se poi salta loro in testa di querelare davvero queste agenzie per ricatto, le conseguenze sono molto spiacevoli.