Gaia Bottà

USA, la caciara delle telefonate ad alta quota

Bisogna riconoscere l'evolvere della tecnologia, sostiene FCC, e autorizzare le chiamate nei viaggi aerei. Ma il Dipartimento dei Trasporti pensa a già a proibirle. Nel nome della buona educazione

Roma - È stato appurato che le tecnologie di comunicazione wireless non attentano alla sicurezza dei voli, le autorità di tutto il mondo si stanno muovendo per garantire le autorizzazioni necessarie a lasciare che compagnie aeree e operatori di telecomunicazioni possano farsi spazio in un mercato ancora vergine. Dopo aver appurato che ogni ostacolo tecnico è stato abbattuto, anche la Federal Communications Commission statunitense ha avviato un procedimento volto ad annullare le proibizioni imposte nel 1991 e a consentire alle compagnie aeree di dotarsi degli apparati necessari ad offrire ai passeggeri la possibilità di fruire della rete mobile ad alta quota. Ma la sospensione del bando potrebbe essere resa vana dal Dipartimento dei Trasporti, che ravvisa nelle telefonate a bordo non un pericolo per la sicurezza, ma una scocciatura per i viaggiatori.

La FCC ha dato il via libera alle chiamate in aereo: per "stare al passo con la tecnologia, per garantire alle compagnie la libertà di scegliere" se adeguarsi all'offerta di vettori che hanno base in Europa o in altri paesi del mondo che già hanno abbracciato queste tecnologie. Ora la decisione verrà sottoposta a consultazione pubblica, e l'ultima parola spetterà al Dipartimento dei Trasporti, a cui fa capo la Federal Aviation Administration.

Il Dipartimento dei Trasporti, però, ha già messo le mani avanti: sta già vagliando la possibilità di tornare ad impedire le chiacchierate a bordo. "Nelle scorse settimane abbiamo ascoltato le preoccupazioni delle linee aeree, dei viaggiatori, degli assistenti di volo, dei membri del Congresso e di altri - ha dichiarato Anthony Foxx, a capo del Department of Transportation - e io stesso sono preoccupato da questa eventualità". Le telefonate a bordo rischiano di diventare un invadente compagno di viaggio: la pensa così il 59 per cento dei cittadini americani, concordano i rappresentanti del sempre più vessato personale di bordo e alcuni membri del Congresso si sono già mossi per farsi interpreti di queste istanze proponendo di imporre la buona educazione per legge.
Ma la FCC non ha esitato a ribattere: "La tecnologia ha dato origine a una nuova realtà di rete riconosciuta dai governi e dalle linee aeree di tutto il mondo - ha spiegato Tom Wheeler, a capo di FCC - La nostra responsabilità è quella di riconoscere l'impatto di questa nuova realtà sulle vecchie regole". La FCC non può dunque esimersi dall'affrontare il tema dal punto di vista tecnico, e sotto questo aspetto ha riconosciuto che le telefonate ad alta quota sono praticabili. Spetterà poi al Dipartimento dei Trasporti imporre eventuali regolamentazioni all'uso della tecnologia, e alle compagnie aeree tentare di rispondere alle inconciliabili esigenze dei passeggeri che non sanno fare a meno del telefono e di quelli che approfittano dell'aereo per godersi uno sprezzo di silenzio. Così come è stato per la connettività dati, sdoganata nel 2008 a bordo dei velivoli e circoscritta dalle singole compagnie aeree alle attività meno rumorose, le proposte per contenere il disturbo non mancano: JetBlue, ad esempio, medita di istituire uno spazio apposito in cui confinare i passeggeri più molesti.

Gaia Bottà
Notizie collegate
  • AttualitàUE: gadget sicuri dal rullaggio all'atterraggioI PED terranno compagnia ai viaggiatori delle linee aeree del Vecchio Continente anche nelle fasi più concitate del volo: la Commissione Europea accende il semaforo verde
  • Digital LifeFuori il porno dalla fusolieraIl lamento accorato del personale di bordo di American Airlines. Le connessioni non filtrate costringono gli assistenti di volo a fare da moralizzatori
  • AttualitàUSA, tutti zitti in aereoNei voli delle compagnie aeree degli States si può navigare, si può chattare, ma non si può parlare né con il cellulare, né via VoIP. Non per problemi di sicurezza, ma per mantenere il quieto viaggiare. Ma non esistono proprio alternative?
13 Commenti alla Notizia USA, la caciara delle telefonate ad alta quota
Ordina
  • Seduti al proprio posto, solo messaggi scritti. Chiamate vocali solo in luoghi separati, sennò diventa davvero fastidioso visto che la gente raramente sa autocontrollarsi su certe cose.
    Inoltre mi viene un dubbio. Non credo che i cellulari a bordo si collegheranno direttamente alle celle presenti a terra (altrimenti il sistema funzionerebbe già adesso), bensì passeranno da una rete interna dell'aeromobile, e non credo che la cosa sarà gratuita. Una tariffa non proprio economica potrebbe scoraggiare chiamate inutili tipo "cara, atterro tra dieci minuti, butta la pasta"! Sorride
  • - Scritto da: Skywalkersenior
    > Seduti al proprio posto, solo messaggi scritti.
    > Chiamate vocali solo in luoghi separati, sennò
    > diventa davvero fastidioso visto che la gente
    > raramente sa autocontrollarsi su certe
    > cose.
    > Inoltre mi viene un dubbio. Non credo che i
    > cellulari a bordo si collegheranno direttamente
    > alle celle presenti a terra (altrimenti il
    > sistema funzionerebbe già adesso), bensì
    > passeranno da una rete interna dell'aeromobile, e
    > non credo che la cosa sarà gratuita. Una tariffa
    > non proprio economica potrebbe scoraggiare
    > chiamate inutili tipo "cara, atterro tra dieci
    > minuti, butta la pasta"!
    > Sorride

    E dove abita, sulla pista? Perché se atterra fra 10 minuti hai voglia ad essere fuori dall'aeroporto prima di una buona mezz'ora, tra manovre post-atterraggio e file.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Quotator Maximus

    >
    > E dove abita, sulla pista? Perché se atterra fra
    > 10 minuti hai voglia ad essere fuori
    > dall'aeroporto prima di una buona mezz'ora, tra
    > manovre post-atterraggio e
    > file.

    La troverà un po' scotta...
  • Non ci vuole tanto a risolvere il problema: basta permettere le telefonate solo all'interno di camere opportunamente insonorizzate. Non vedo che bisogno ci sia di estremizzare le posizioni inutilmente fra la liberalizzazione totale delle telefonate o il loro divieto assoluto...
    non+autenticato
  • - Scritto da: John John
    > Non ci vuole tanto a risolvere il problema: basta
    > permettere le telefonate solo all'interno di
    > camere opportunamente insonorizzate. Non vedo che
    > bisogno ci sia di estremizzare le posizioni
    > inutilmente fra la liberalizzazione totale delle
    > telefonate o il loro divieto
    > assoluto...
    ci sono già, dentro i motori...A bocca aperta
    non+autenticato
  • Ancora più semplice: ti alzi e vai a chiamare fuori dall'aereomobile A bocca aperta
  • Visto che le persone non soo in grado da sole di capire quando sono moleste.. Non basterebbe permettere l'uso dei dispositivi wireless e vietare le telefonate?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Nella sgabbia dei leoni
    > Visto che le persone non soo in grado da sole di
    > capire quando sono moleste.. Non basterebbe
    > permettere l'uso dei dispositivi wireless e
    > vietare le
    > telefonate?
    è già cosi
    non+autenticato
  • 200 persone che telefonano, sembrerebbe di stare in un call center.

    Per l'amore di Dio.
    non+autenticato
  • Io consentirei solo e.mail ed SMS.

    - Scritto da: marco ramundo
    > 200 persone che telefonano, sembrerebbe di stare
    > in un call
    > center.
    >
    > Per l'amore di Dio.
    non+autenticato
  • D'accordissimo con la proibizione per il problema citato: maleducazione! Già sui treni a media percorrenza sembra di essere al mercato del pesce con gente che fa a gara per chi urla più ca22ate al telefono. Ci manca solo che su un aereo uno si metta a parlare al telefono ad alta voce per tutta la durata del viaggio. Ben venga, piuttosto, lo scambio di quattro chiacchiere contro le quali non ho mai avuto niente di contrario.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Nonsonoio
    > D'accordissimo con la proibizione per il problema
    > citato: maleducazione! Già sui treni a media
    > percorrenza sembra di essere al mercato del pesce
    > con gente che fa a gara per chi urla più ca22ate
    > al telefono. Ci manca solo che su un aereo uno si
    > metta a parlare al telefono ad alta voce per
    > tutta la durata del viaggio. Ben venga,
    > piuttosto, lo scambio di quattro chiacchiere
    > contro le quali non ho mai avuto niente di
    > contrario

    Stra-quoto. Già sui treni è una pena, ma almeno in quelli in teoria puoi spostarti altrove... pensa invece in aereo avere uno che parla tutto il tempo, sarebbe allucinante...
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)