Domenico Galimberti

Anno nuovo, Mac Pro nuovo

di D. Galimberti - L'idea di Workstation proposta da Apple è originale e al contempo una scelta controcorrente. Basterà aver ridotto le misure e puntato sulla potenza pura per risollevare le sorti del settore?

« Indietro
Foto 1 di 8

Roma - Il mercato del personal computer è in crisi, a tutto vantaggio di smartphone e (soprattutto) tablet. Lo dicono numeri e analisi di mercato (Canalys e Gartner, tanto per fare un paio di esempi), lo dicono le trimestrali dei produttori (si potrebbe partire dagli ultimi risultati di Intel, ma il trend dura da oramai diversi trimestri) oppure, molto più semplicemente, potete accorgervene osservando quali sono le notizie più frequenti che trovate sui siti di informatica da qualche anno a questa parte.

Le motivazioni di questa tendenza possono essere molte e io stesso accennai in tempi meno sospetti ad un possibile scenario di questo tipo, ma non è questo ciò di cui voglio parlarvi oggi. In una situazione di questo tipo, dove l'aspetto consumistico dell'informatica la sta (inevitabilmente) facendo da padrone, Steve Jobs aveva addirittura considerato la possibilità di eliminare completamente dal listino tutta la "linea Pro", e forse è proprio per questo motivo molti aggiornamenti si sono fatti attendere.

Quando però nel giugno del 2012 Tim Cook confermò il progetto di un nuovo Mac Pro, nessuno immaginava quello che sarebbe stato presentato (una volta tanto con un ottimo livello di segretezza) un anno più tardi: in un panorama dove il mercato dei computer è stantio, investire nella completa riprogettazione di un desktop, con tanto di produzione "made in USA", in un'apposita fabbrica creata ad-hoc in Texas, è una scelta decisamente controcorrente.
Una nuova idea di workstation
Per cercare di centrare il bersaglio, e dare una smossa ad un mercato da troppo tempo paralizzato, Apple doveva inventarsi qualcosa che fosse veramente diverso da quanto visto finora, e il nuovo Mac Pro (aldilà di battute scontate e fuori luogo sulla forma) porta con se una concezione di desktop davvero inusuale, una concezione che per certi versi spinge nella fascia "Pro" il lavoro già fatto per il Mac mini, una filosofia di computer che non lascia indecisioni: o si ama o si odia, ma in ogni caso fa parlare di sé.

Per chi ancora non conoscesse l'oggetto di cui stiamo parlando, il nuovo Mac Pro è un cilindro di alluminio estruso al cui interno trovano posto le tre schede che ospitano processore, RAM, doppia GPU e sistema di archiviazione flash PCIe; il tutto è assemblato intorno ad un unico dissipatore a sezione triangolare, montato verticalmente nello chassis cilindrico. Apple ha preparato un interessante video che spiega tutti i passi della costruzione del nuovo Mac Pro, ma andando sul concreto credo che molti saranno maggiormente interessati a specifiche e prezzi.

Si parte da 3.049 euro per un quad-core Intel Xeon E5 (con 10MB di cache L3 e Turbo Boost fino a 3,9GHz), con 12GB di RAM ECC DDR3 a 1866MHz, doppia GPU AMD FirePro D300 (ciascuna con 2GB di VRAM GDDR5) e 256GB di disco flash PCI Express. Chi cerca di più può spingersi fino ai 9.649 euro che garantiscono i 12 core Intel Xeon E5 (con 30MB di cache L3 condivisa su un unico chip), 64GB di RAM, 1TB di disco flash, e due GPU AMD FirePro D700, ognuna con 6GB di VRAM GDDR5. Memoria e disco flash sono dichiaratamente accessibili all'utente, e anche la CPU (per chi è avvezzo a smontare e rimontare hardware) è sostituibile.

Tutte le macchine hanno in comune la possibilità di controllare fino a tre monitor 4K o sei display via Thunderbolt, e proprio la connessione ultraveloce sviluppata in collaborazione con Intel è la chiave di svolta che contraddistingue questa macchina di Apple.

Il Mac Pro è una macchina compatta e silenziosa, che stravolge il concetto di desktop professionale di grande dimensioni e super-accessoriato per affidare il tutto alla connettività esterna. A bordo trovano posto ben sei porte Thunderbolt 2, ognuna con la possibilità di collegare fino a sei periferiche in serie (per un totale di 36 dispositivi), e in grado di offrire una larghezza di banda fino a 20 Gb/sec ad ognuna di queste periferiche. Scenderemo più avanti nei dettagli di questa scelta, ma in questo momento vale la pena di ricordare che Thunderbolt non è l'unica via di espansione presente sui Mac Pro: oltre alle sei porte ultraveloci, trovano spazio quattro porte USB 3, due gigabit ethernet, una porta HDMI 1.4, WiFi 802.11ac e Bluetooth 4.0. Riassumendo, Apple ha letteralmente concentrato la potenza della macchina in un dispositivo ad alta capacità di calcolo, delegando archiviazione ed eventuali altri compiti alla periferia (ricordiamo che attraverso Thunderbolt è possibile collegare anche uno chassis di espansione PCI).

433 Commenti alla Notizia Anno nuovo, Mac Pro nuovo
Ordina
  • http://www.macrumors.com/2014/01/17/2011-macbook-p.../

    ma apple non era quella che sfornava prodotti perfetti?

    massimino dove sei? abbiamo bisogno di te Rotola dal ridere
    non+autenticato
  • - Scritto da: Teo_
    > - Scritto da: giuda
    > > - Scritto da: Teo_
    > > > - Scritto da: giuda
    > > > > tentare di inserire in una
    > > > > rete con permessi 4 client apple e
    > > perdere
    > > 3
    > > > > giorni per modificare addirittura
    > le
    > > policy
    > > > di
    > > > > architettura perchè osx non ha
    > idea
    > di
    > > cosa
    > > > sia
    > > > > un token certificato? ma adesso
    > arriva
    > > la
    > > > > genialata, in azienda i dirigenti
    > hanno
    > > > voluto
    > > > > assolutamente gli iphone, per
    > lavorare
    > > > dicono,
    > > > e
    > > > > vogliono accesso ai database a cui
    > si
    > > può
    > > > > accedere solo con un token
    > > certificato...
    > > ti
    > > > > lascio immaginare cosa sta
    > succedendo
    > in
    > > > > azienda... solo un dato, 6 iphone
    > sono
    > > andati
    > > > > "persi" e i database non sono più
    > > sicuri,
    > > > cosa
    > > > > credi possa pensare di apple e chi
    > usa
    > > roba
    > > > > apple?
    > > >
    > > > Potreste rivolgervi a chi di queste
    > cose
    > se
    > > ne
    > > > occupa invece che compromettere i
    > servizi
    > o
    > > > liquidare con un “non si può
    > > > fare”.
    > >
    > > oppure potremmo molto più facilmente evitare
    > di
    > > usare roba apple che crea solo problemi, è
    > cara
    > e
    > > ha una utilità pari al cubo di rubik per
    > stephen
    > > hawkink
    >
    > O evitare di usare computer. Calcolatrice e
    > telefono e avreste ancora meno
    > problemi.

    calcolatrice, telefono, computers con sistemi operativi diversi da quelli di apple non mi danno problemi, a te apple non può dare problemi perchè tu di informatica non capisci una mazza, basta che si accende il monitor e tu sei felice così
    non+autenticato
  • Il Personal Computer?

    No, il Professional Computer, come da me previsto 3 anni fa, in tempi non sospetti e ben prima di Galimberti:

    http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2800746&m=280...
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: luppolo
    >
    > Il Personal Computer?
    >
    > No, il Professional Computer, come da me previsto
    > 3 anni fa, in tempi non sospetti e ben prima di
    > Galimberti:
    >
    > http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2800746&m=280

    bè il Mac Pro è da sempre un macchina destinata ai professionisti

    comunque la strada è quella, ed è assurdo che MS abbia puntando tutto sulla convergenza per un unico Windows destinato sia al professionista che alla massa
  • - Scritto da: bertuccia
    > - Scritto da: luppolo
    > >
    > > Il Personal Computer?
    > >
    > > No, il Professional Computer, come da me
    > previsto
    > > 3 anni fa, in tempi non sospetti e ben prima
    > di
    > > Galimberti:
    > >
    > >
    > http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2800746&m=280
    >
    > bè il Mac Pro è da sempre un macchina destinata
    > ai
    > professionisti
    >
    > comunque la strada è quella, ed è assurdo che MS
    > abbia puntando tutto sulla convergenza per un
    > unico Windows destinato sia al professionista che
    > alla
    > massa

    Bravo, hai paragonato mele con pere. Da quando Microsoft produce PC?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Gerry

    > Bravo, hai paragonato mele con pere. Da quando
    > Microsoft produce PC?

    Surface Pro (e sottolineo Pro )

    La cosa divertente è che pagliacci come Etype credono che sia Apple a spingere sul tablet come macchina universale, mentre invece è proprio Microsoft a fare questo accostamento insensato
    non+autenticato
  • Microsoft vive di software come Office. Ovvio che voglia portarlo ovunque, anche in device che non hanno la vocazione di strumenti per il word processor e i fogli di calcolo.

    Far girare il software desktop su un tablet è un'idiozia, e M$ continua a insistere.
    iRoby
    7600
  • > Far girare il software desktop su un tablet è
    > un'idiozia, e M$ continua a
    > insistere.

    La tua amata Inmbuto invece no.
    non+autenticato
  • - Scritto da: nome e cognome

    > La tua amata Inmbuto invece no.

    Non pervenuta
    FDG
    10893
  • - Scritto da: Nome e cognome
    > La cosa divertente è che pagliacci come Etype
    > credono che sia Apple a spingere sul tablet come
    > macchina universale, mentre invece è proprio
    > Microsoft a fare questo accostamento
    > insensato

    Più divertente di un principiante ottuso che si fa chiamare Nome e cognome e che non sa neanche com'è fatto un banco di Ram ?A bocca apertaA bocca apertaA bocca aperta

    Per inciso proprio Ruppolo è il sostenitore che il tablet sostituisce in toto il pc ...pensa che grandi menti illuminate che sieteA bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: Etype
    >
    > Per inciso proprio Ruppolo è il sostenitore che
    > il tablet sostituisce in toto il pc ...pensa che
    > grandi menti illuminate che siete A bocca aperta

    manco più la comprensione del testo eh
    http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3971309&m=397...
  • - Scritto da: Nome e cognome

    > elenco...

    Ma perché dare importanza ad uno smanettone montato che si e no avrà la professionalità di un bimbominchia?
    FDG
    10893
  • - Scritto da: Trotterello
    > Oppure sei tu che travisi qualsiasi cosa leggi.

    Oppure sei tu che vuoi spacciare pan per focacciaOcchiolino
    non+autenticato
  • OHHHH SONO UGUALI!!!

    Clicca per vedere le dimensioni originali
    iRoby
    7600
  • Che noia ste trollate.
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | Successiva
(pagina 1/5 - 21 discussioni)