Luca Annunziata

Intel sospende la Fab42 in Arizona

La nuova fucina viene posta nel limbo. Vista la contrazione della domanda non ha senso investire. Per ora Santa Clara si limiterà ad aggiornare le altre linee dello stesso sito

Roma - La Fab42 di Intel, in via di costruzione in Arizona (USA), verrà messa in standby: il chipmaker ha preso questa decisione alla luce del rallentamento nella domanda del mercato PC, mercato per il quale la nuova linea di produzione da 14nm era espressamente dedicata. Questo non esclude il completamento della struttura: l'edificio è stato completato, semplicemente non verrà rifornito di tutto punto con i macchinari necessari al suo funzionamento. I fondi verranno dirottati piuttosto nell'aggiornamento di altre Fab, comprese quelle già presenti a Chandler.

La Fab42 sarà quindi messa in naftalina: ciò non impedirà comunque a Intel di investire i fondi stanziati per la sua costruzione, visto che gli operai assunti stanno ora provvedendo all'ammodernamento delle altre linee di produzione già presenti in Arizona, e che probabilmente saranno traghettate al nuovo processo di produzione da 14nm che al momento costituisce lo stato dell'arte dei chip di Santa Clara. L'impegno di Intel in Arizona, per altro, gli è valso un sostanzioso sconto sulle tasse pari a 3,3 milioni di dollari: pertanto l'azienda deve mantenere fede ai propri impegni occupazionali, onde evitare di dover restituire tutto questo denaro, e ha già ribadito che intende farlo.

Nel complesso, Intel ha ridotto gradualmente la mole dei propri investimenti in infrastruttura produttiva nel corso di tutto il 2013: una scelta inevitabile alla luce della stagnazione del mercato PC, in cui Intel è assoluta dominatrice, in attesa di capire se la svolta impartita dal nuovo CEO Krzanich permetterà di acquisire fette importante di altri settori. Attualmente le Fab Intel lavorano all'80 per cento della propria capacità, con un certo margine che permetterebbe di incrementare la produzione in caso di necessità: i miliardi di attrezzatura risparmiati serviranno a finanziare altre attività, come l'ammodernamento delle linee già esistenti, o più banalmente a ridurre le spese correnti per tentare di diminuire l'impatto che la frenata dei personal computer avrà sui conti. (L.A.)
Notizie collegate
  • BusinessIntel, nuovo CEO per una nuova divisione aziendaleIl neo-incaricato amministratore delegato di Chipzilla apre una nuova divisione all'interno dell'azienda e pensa alla leadership nata dalle nuove tecnologie. Perché oltre il mobile c'è il futuro
  • TecnologiaIntel, viaggio nella Fab24Una giornata passata tra apparecchiature da milioni di dollari e progetti di ricerca che coinvolgono centinaia di poli tecnologici in tutta Europa. Fa eccezione l'Italia: un'occasione perduta per il Belpaese
  • BusinessIntel e la secolarizzazione della legge di MooreParlano gli alti papaveri di Santa Clara e spiegano le strategie per assicurare un futuro al più grande chipmaker del mondo: mobile, cloud e sicurezza. Ma anche apertura delle fab ad aziende esterne. E Atom 64bit anche per Android
5 Commenti alla Notizia Intel sospende la Fab42 in Arizona
Ordina
  • Gira voce che la Intel potrebbe produrre nei propri stabilimenti i chip Marvell, immagino sia anche per tenere impegnati gli stabilimenti, messi in difficoltà dalla crisi del settore desktop, come dimostra questa notizia.
    Non penso che vedremo chip Marvell a 14nm (giustamente quel vantaggio intel se lo tiene per se'), ma a 22nm magari sì Sorride
  • ciao pentolino.
    consideriamo anche una cosa, che a prescindere dal calo dei pc tenere una fab aperta è un investimento elevatissimo, non produttiva è un salasso.

    Tanto per dare un metro di paragone delle cifre in gioco, GloFO ha appena investito 10 miliardi di dollari nella fab8 nuova di pacca e solo per ammodernarla e renderla competitiva con quelle TSMC (20nm/14nm) che in media ne investe 15 di miliardi.

    Non sono bruscolini.
    chissà perchè non produce soc Apple.

    ps
    che intel abbassi i costiSorride
    non+autenticato
  • appunto per quello mantenere ferma una fabbrica con processo a 22nm (che non è il top ma è comunque meglio di quello che fanno alcuni concorrenti come Marvell, citato non a caso) avrebbe un costo improponibile; "noleggiarla" alla concorrenza risolverebbe questo problema.

    Sono cifre che fanno girare la testa, ma d'altra parte parliamo di fabbriche che producono milioni di pezzi con una precisione che noi comuni mortali non possiamo nemmeno concepire, con macchinari sostanzialmente unici al mondo, con processi all'assoluta avanguardia; e con scarti relativamente bassi! Rimango sempre affascinato quando ci pensoSorride
  • - Scritto da: pentolino
    > appunto per quello mantenere ferma una fabbrica
    > con processo a 22nm
    > avrebbe un costo improponibile;

    Ciao.
    In realtà non ero in "disaccordo" volevo "validare" il tuo commento concretizzando le cifre.

    Mi sono espresso forse in maniera ambigua.
    non+autenticato
  • nessun problema, forse sono anche io che ho frainteso; a fine giornata di lavoro perdo luciditàSorride