Intel vende la sua TV

Il chipmaker accelera il cambio di direzione e ottiene 200 milioni di dollari per il segmento Media, utile a Verizon per ampliare i contenuti e conquistare nuove fette di pubblico

Roma - La metamorfosi di Intel prosegue senza soste e miete un'altra vittima: nel piano di rilancio del CEO Brian Krzanich non c'è spazio per il comparto TV, che sarà rilevato da Verizon per una cifra che secondo le indiscrezioni si aggira intorno ai 200 milioni di dollari. La vendita non è un fulmine a ciel sereno, poiché già nei mesi scorsi ci sono stati diversi indizi in tal senso: alle indiscrezioni diffuse lo scorso autunno, infatti, si è aggiunta la totale assenza di accenni ai progetti televisivi durante il keynote di Krzanich al recente CES di Las Vegas.

A fare chiarezza ci ha pensato il comunicato pubblicato nelle ultime ore dal chipmaker, che conferma il passaggio di consegne specificando che, per quanto innovativi, i prodotti di Intel Media riusciranno a cambiare l'interazione delle persone con i contenuti video grazie al potenziale di Verizon Communications. Quest'ultima rileverà tutti gli asset della divisione incentrata sullo sviluppo e commercializzazione di prodotti e servizi streaming salvaguardando il lavoro dei 350 dipendenti, che continueranno a sviluppare il set-top-box nella sede Intel di Santa Clara.

In attesa delle consuete approvazioni normative, previste entro il primo trimestre 2014, Verizon ha già le idee chiare su come agire e sfruttare le qualità di OnCue, la piattaforma per la Smart Tv creata qualche anno fa da Intel che andrà ad affiancare i servizi di IPTV e l'attuale offerta del bundle FiOS per ampliare la fornitura di contenuti video su rete fissa e wireless, sia in ambito casalingo che mobile. "Con questa mossa riusciremo a espandere e accelerare la distribuzione di prodotti video e accontentare le esigenze del pubblico su una vasta gamma di dispositivi", spiega il CEO di Verizon Lowell McAdam.
Una ristrutturazione in piena regola, dunque, per Intel che dinanzi alla crisi di vendite dei PC prosegue la virata verso altri lidi concentrando le forze sul mercato mobile e soprattutto sul settore wearable, considerato da molti analisti e produttori come la prossima frontiera del mercato hi-tech. Gli obiettivi sono chiari, le potenzialità ci sono tutte ma tra il licenziamento del 5 per cento della forza lavoro (circa 5.000 dipendenti), i continui ribassi a Wall Street e le previsioni di un fatturato piuttosto deludente per l'anno fiscale in corso, ci sono ancora tante spine da estirpare.

Alessio Caprodossi
Notizie collegate
  • BusinessIntel decide per un taglio al personaleUn normale assestamento per rispondere alle mutate condizioni di mercato. Circa 5.000 dipendenti saranno coinvolti nella ristrutturazione. Ma sbaglia chi vedrÓ nella decisione un cattivo presagio
  • TecnologiaCES 2014/ Intel, tutto l'hardware che c'èIl keynote di apertura tocca al CEO del chipmaker di Santa Clara. E Brian Krzanich dipinge un futuro fatto di Intel inside: wearable, mobile, naturalmente i cari vecchi PC. Intel vuole continuare a essere leader della produzione di semiconduttori
  • TecnologiaIntel, servizio Smart TV in arrivoIl colosso dei processori si prepara al debutto nel mondo dei servizi di IP TV con un'offerta onnicomprensiva, un "bundle" senza esclusive ma disponibile sia sul televisore domestico che sui micro-schermi dei gadget mobile