Claudio Tamburrino

Google Glass, tremano le autorità

Gli explorer che inforcano gli occhiali intelligenti di Mountain View stanno incontrando non pochi problemi: dal cinema alla guida, c'è chi ha timore della nuova tecnologia

Roma - Che i Google Glass fossero un gadget che strizzava molto l'occhio al cinema era noto, ma che il cinema non ricambiasse affatto l'ammiccamento è cosa che ha scoperto a sue spese un utente, fermato dalle autorità durante la proiezione di un film in un cinema di Columbus con l'accusa di camrecording.

A raccontare la vicenda è direttamente lo sfortunato protagonista, uno fra i primi ad inforcare gli smart glasses. Si è trovato improvvisamente catapultato da Jack Ryan: Shadow Recruit (il film che stava guardando) a Il Processo di Kafka: "Un uomo si è avvicinato al mio posto, mi ha mostrato un distintivo con qualche tipo di scudo sopra, mi ha strappato i Google Glass di dosso e mi ha detto di seguirlo immediatamente fuori", dove ad aspettarlo c'erano i responsabili del cinema e 5-10 agenti della Homeland Security, l'autorità federale che si occupa tra l'altro del contrasto della pirateria.

A confermare i fatti e spiegare il perché dell'intervento è la Motion Picture Association of America (MPAA): lo spettatore indossava gli occhiali di Google (con specifiche lenti graduate con tanto di ricetta oculistica) e i detentori di diritti erano allarmati dal fatto che potessero essere utilizzati per registrare il film.
L'uomo ha cercato di spiegare che non stava registrando nulla ma solo dopo un interrogatorio, che dal racconto sembra uno di quelli che si vede - ancora - nei film americani, è stato rilasciato con 4 biglietti omaggio per il cinema.

MPAA, pur definendo Google Glass "un'incredibile innovazione per il settore mobile, per cui non vi sono ancora prove di minacce significative per il furto di contenuti", ha spiegato di essere impegnata in una stretta collaborazione con i cinema per combattere il camcording: per questo, per esempio, il codice di condotta di diversi circuiti cinematografici proibisce "il possesso di dispositivi che permettono di registrare audio o video" (cosa che ormai praticamente ogni smartphone sa fare, oltretutto con un'autonomia di batteria in molti casi maggiore dei Google Glass, senza che nessuno venga trascinato fuori dal buio della sala). Per questo MPAA chiede alle maschere del cinema "tolleranza zero", invitandole a contattare le autorità ogni volta che hanno un sospetto.

Non si tratta, peraltro, dell'unico caso in cui gli explorer di Google Glass hanno avuto a che fare con autorità poco inclini alle novità: la corte della California del Sud ha dovuto annullare la multa elevata ad una conducente perché trovata alla guida con gli occhiali intelligenti, ritenuti dal poliziotto che l'aveva fermata "uno schermo video" diverso da un navigatore GPS e dunque proibito dalla legge della California. Il giudice non è tuttavia arrivato a riconoscere la legalità del nuovo device.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
29 Commenti alla Notizia Google Glass, tremano le autorità
Ordina
  • Sarà.....ma il primo che vedrò nel mio paese con addosso quegli occhiali (luce rossa o no...) non potrà evitare i liquidi che usciranno dalla mia bocca.
  • - Scritto da: Lizard
    > Sarà.....ma il primo che vedrò nel mio paese con
    > addosso quegli occhiali (luce rossa o no...) non
    > potrà evitare i liquidi che usciranno dalla mia
    > bocca.

    Finirai di getto sul tubo allora...
    krane
    22544
  • Premesso che io obbligherei Google, se non c'è già, a mettere un bel LED rosso che si accenda durante la registrazione (audio o video che sia) e durante lo scatto di foto, in modo che risulti quantomeno complicato registrare all'insaputa del dirimpettaio, ritengo comunque esagrato l'atteggiamento delle autorità.
    Nel caso specifico potevano semplicemente fermare il personaggio all'uscita della sala e chiedergli di visionare il contenuto dell'apparato. Una volta appurato che effettivamente non aveva registrato nulla, lo avrebbero lasciato andare senza tanto chiasso... a meno che non fosse proprio quello lo scopo: colpirne uno (in modo plateale) per istruirne cento.
  • > Nel caso specifico potevano semplicemente fermare
    > il personaggio all'uscita della sala e chiedergli
    > di visionare il contenuto dell'apparato. Una
    > volta appurato che effettivamente non aveva
    > registrato nulla, lo avrebbero lasciato andare
    > senza tanto chiasso... a meno che non fosse
    > proprio quello lo scopo:

    Lo scopo del personaggio era quello di finire sui giornali, raccontando una vicenda kafkiana. Era ben indicato all'ingresso del cinema che i Google Glass non si possono indossare.
  • - Scritto da: Leguleio
    > > Nel caso specifico potevano semplicemente
    > fermare
    > > il personaggio all'uscita della sala e
    > chiedergli
    > > di visionare il contenuto dell'apparato. Una
    > > volta appurato che effettivamente non aveva
    > > registrato nulla, lo avrebbero lasciato
    > andare
    > > senza tanto chiasso... a meno che non fosse
    > > proprio quello lo scopo:
    >
    > Lo scopo del personaggio era quello di finire sui
    > giornali,
    quale tra i due soggettoni? perche l'MPAA, con
    "5-10 agenti della Homeland Security, l'autorità" ci fa sicuro la figuraccia precisa precisa x i giornali...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Leguleio
    > > Nel caso specifico potevano semplicemente
    > fermare
    > > il personaggio all'uscita della sala e
    > chiedergli
    > > di visionare il contenuto dell'apparato. Una
    > > volta appurato che effettivamente non aveva
    > > registrato nulla, lo avrebbero lasciato
    > andare
    > > senza tanto chiasso... a meno che non fosse
    > > proprio quello lo scopo:
    >
    > Lo scopo del personaggio era quello di finire sui
    > giornali,
    quale tra i due soggettoni? perche l'MPAA, con
    "5-10 agenti della Homeland Security, l'autorità" ci fa sicuro la figuraccia precisa precisa x i giornali...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Leguleio
    > > Nel caso specifico potevano semplicemente
    > fermare
    > > il personaggio all'uscita della sala e
    > chiedergli
    > > di visionare il contenuto dell'apparato. Una
    > > volta appurato che effettivamente non aveva
    > > registrato nulla, lo avrebbero lasciato
    > andare
    > > senza tanto chiasso... a meno che non fosse
    > > proprio quello lo scopo:
    >
    > Lo scopo del personaggio era quello di finire sui
    > giornali, raccontando una vicenda kafkiana. Era
    > ben indicato all'ingresso del cinema che i Google
    > Glass non si possono
    > indossare.

    Quale parte di "prescrizione medica" non ti e' chiara?

    Tu puoi anche mettere un cartello con scritto "vietato l'ingresso ai cani", ma se io sono cieco, entro col mio cane addestrato per pisciare sul tuo cartello e ringhiarti.

    Un soggetto privato non puo' mettere divieti contrari alla legge e pretendere che questi vengano rispettati.

    Il tizio ha fatto benissimo a sollevare un problema di liberta' individuale sul nascere.
  • > > Lo scopo del personaggio era quello di
    > finire
    > sui
    > > giornali, raccontando una vicenda kafkiana.
    > Era
    > > ben indicato all'ingresso del cinema che i
    > Google
    > > Glass non si possono
    > > indossare.

    > Quale parte di "prescrizione medica" non ti e'
    > chiara?

    Anche lì, mi sa che ha voluto giocare la carta della medicina, davanti alla quale tutti si inchinano: come miope so che per sapere che gradazione di occhiali devo adottare l'ottico basta e avanza. L'oculista si può consultare, ma per problemi più seri, ormai i difetti visivi sono una cosa banale da misurare.
    Poi, un oculista che consiglia proprio i Google Glass non so dove il tizo l'abbia trovato... forse a Mountain View, California. Rotola dal ridere


    > Tu puoi anche mettere un cartello con scritto
    > "vietato l'ingresso ai cani", ma se io sono
    > cieco, entro col mio cane addestrato per pisciare
    > sul tuo cartello e
    > ringhiarti.

    Non ti lasciano entrare.

    > Un soggetto privato non puo' mettere divieti
    > contrari alla legge e pretendere che questi
    > vengano
    > rispettati.
    >
    > Il tizio ha fatto benissimo a sollevare un
    > problema di liberta' individuale sul
    > nascere.

    Questo aspetto va bene.
    Non venga a raccontare però che non se l'era andata a cercare. Impossibile passare inosservati con quella roba sul naso.
  • - Scritto da: Leguleio
    >
    > Anche lì, mi sa che ha voluto giocare la carta
    > della medicina, davanti alla quale tutti si
    > inchinano:

    Complimenti per l'onesta' individuale.
    Pesanti illazioni denigratorie che calpestano il principio di presunzione di innocenza.

    > come miope so che per sapere che
    > gradazione di occhiali devo adottare l'ottico
    > basta e avanza.

    Si vede che il tuo mestiere (con tutto il rispetto per quelli che lavorano sul serio) non ha nulla a che fare con la tecnologia.

    Proprio per fare un piacere a quelli come te, miopi, questa persona stava mettendo a disposizione le sue competenze tecniche per collaudare uno strumento che entrera' a breve nella vita di tutti i giorni.
    E il collaudo prevede anche l'esperienza del cinema.

    > L'oculista si può consultare, ma
    > per problemi più seri, ormai i difetti visivi
    > sono una cosa banale da misurare.

    Quindi tu sei favorevole al metodo stamina: fare le cose alla carlona senza alcuna sperimentazione e alcun protocollo.

    > Poi, un oculista che consiglia proprio i Google
    > Glass non so dove il tizo l'abbia trovato...
    > forse a Mountain View, California.
    > Rotola dal ridere

    Un oculista prescrive il grado delle lenti.
    Poi si va da Google a chiedere occhiali con lenti di quel grado.

    > > Tu puoi anche mettere un cartello con scritto
    > > "vietato l'ingresso ai cani", ma se io sono
    > > cieco, entro col mio cane addestrato per
    > pisciare
    > > sul tuo cartello e
    > > ringhiarti.
    >
    > Non ti lasciano entrare.

    In questo caso uno fa bene a commettere una azione provocatoria.
    I cani da guida per non vedenti non possono in alcun caso essere discriminati.

    > > Un soggetto privato non puo' mettere divieti
    > > contrari alla legge e pretendere che questi
    > > vengano
    > > rispettati.
    > >
    > > Il tizio ha fatto benissimo a sollevare un
    > > problema di liberta' individuale sul
    > > nascere.
    >
    > Questo aspetto va bene.
    > Non venga a raccontare però che non se l'era
    > andata a cercare. Impossibile passare inosservati
    > con quella roba sul naso.

    Dove c'e' scritto che voleva passare inosservato?

    Se avesse voluto passare inosservato, li teneva nel taschino per indossarli solo quando la sala veniva oscurata.

    Se e' entrato con gli occhiali inforcati e magari ha fatto pure in modo che gli astanti si rendessero conto che fossero google glass, non puoi certo dire che voleva passare inosservato.

    Con una arringa come questa avresti avuto la giuria che ti rideva in faccia. Posso chiedere di avere te come pubblico ministero il giorno che dovessi mai finire sotto processo?
  • > > Anche lì, mi sa che ha voluto giocare la
    > carta
    > > della medicina, davanti alla quale tutti si
    > > inchinano:

    > Complimenti per l'onesta' individuale.
    > Pesanti illazioni denigratorie che calpestano il
    > principio di presunzione di
    > innocenza.

    Ma quale presunzione di innocenza?A bocca aperta
    Nella società dell'immagine farsi pubblicità non è certo un reato, anzi, farsela gratis come in questo caso è considerata una virtù.


    > > come miope so che per sapere che
    > > gradazione di occhiali devo adottare l'ottico
    > > basta e avanza.
    >
    > Si vede che il tuo mestiere (con tutto il
    > rispetto per quelli che lavorano sul serio) non
    > ha nulla a che fare con la
    > tecnologia.

    Cioè? Chi lavora con la tecnologia ha bisogno di occhiali prescritti da un medico oculista, e gli altri no?
    Qual è il senso di questa frase?


    > Proprio per fare un piacere a quelli come te,
    > miopi, questa persona stava mettendo a
    > disposizione le sue competenze tecniche per
    > collaudare uno strumento che entrera' a breve
    > nella vita di tutti i
    > giorni.

    Ma chissà perché va a collaudarlo proprio in un cinema di prima visione, forse i cinema d'essai non danno la stessa risposta visiva, chissà.


    > > L'oculista si può consultare, ma
    > > per problemi più seri, ormai i difetti visivi
    > > sono una cosa banale da misurare.
    >
    > Quindi tu sei favorevole al metodo stamina: fare
    > le cose alla carlona senza alcuna sperimentazione
    > e alcun
    > protocollo.

    No, ma che c'entra?
    La prescrizione medica riguarda solo ed esclusivamente il grado delle lenti da utilizzare. I Google glass li possono collaudare sia miopi che persone con 12 decimi, quindi non venga a dire che i Google glass correggono difetti visivi che le lenti tradizionali non correggono, perché così non è.


    > > Poi, un oculista che consiglia proprio i
    > Google
    > > Glass non so dove il tizo l'abbia trovato...
    > > forse a Mountain View, California.
    > > Rotola dal ridere
    >
    > Un oculista prescrive il grado delle lenti.
    > Poi si va da Google a chiedere occhiali con lenti
    > di quel
    > grado.

    Ecco, diciamo le cose come stanno, pane al pane e vino al vino. I Google glass erano un di più.


    > > Non ti lasciano entrare.
    >
    > In questo caso uno fa bene a commettere una
    > azione
    > provocatoria.
    > I cani da guida per non vedenti non possono in
    > alcun caso essere
    > discriminati.

    Al cinema sì.


    > > > Il tizio ha fatto benissimo a sollevare
    > un
    > > > problema di liberta' individuale sul
    > > > nascere.
    > >
    > > Questo aspetto va bene.
    > > Non venga a raccontare però che non se l'era
    > > andata a cercare. Impossibile passare
    > inosservati
    > > con quella roba sul naso.
    >
    > Dove c'e' scritto che voleva passare inosservato?

    Da nessuna parte. Ma è implicito nello stupore mostrato per l'intervento delle squadre d'assalto.



    > Se avesse voluto passare inosservato, li teneva
    > nel taschino per indossarli solo quando la sala
    > veniva
    > oscurata.

    No, tenendoli nel taschino non poteva leggere il cartello che dice che non si possono indossare i Google Glass, vista la sua miopia. Doveva tenerli per forza, per creare il caso.A bocca aperta


    > Se e' entrato con gli occhiali inforcati e magari
    > ha fatto pure in modo che gli astanti si
    > rendessero conto che fossero google glass, non
    > puoi certo dire che voleva passare
    > inosservato.

    Infatti, il senso è che voleva fare tutto il contrario, e a bella posta. ha cercato l'attenzione e l'ha ottenuta, oltre tutte le più rosee previsioni.


    > Con una arringa come questa avresti avuto la
    > giuria che ti rideva in faccia. Posso chiedere di
    > avere te come pubblico ministero il giorno che
    > dovessi mai finire sotto
    > processo?

    Era un'aringa, con una R sola.
  • - Scritto da: Leguleio

    > > > come miope so che per sapere
    > > > che gradazione di occhiali
    > > > devo adottare l'ottico basta
    > > > e avanza.

    > > Si vede che il tuo mestiere
    > > (con tutto il rispetto per quelli
    > > che lavorano sul serio) non
    > > ha nulla a che fare con la
    > > tecnologia.

    > Cioè? Chi lavora con la tecnologia
    > ha bisogno di occhiali prescritti da
    > un medico oculista, e gli altri no?
    > Qual è il senso di questa frase?

    Chi lavora con la tecnologia (immagino che alluda all'ottica nello specifico) sa che non basta neanche per il cacchio la gradazione per avere delle lenti confomi ai difetti del tuo occhio.
    Soprattutto oltre una certa eta'.
    krane
    22544
  • > Lo scopo del personaggio era quello di finire sui
    > giornali, raccontando una vicenda kafkiana. Era
    > ben indicato all'ingresso del cinema che i Google
    > Glass non si possono
    > indossare.

    Come pure è indicato in tutti i cinema che non si può entrare con macchine fotografiche, cineprese e cellulari, sono sicuro che tu lasci sempre il tuo cellulare(che è anche una cinepresa) a casa ogni volta che vai al cinema!!!!
    non+autenticato
  • > > Lo scopo del personaggio era quello di finire
    > sui
    > > giornali, raccontando una vicenda kafkiana. Era
    > > ben indicato all'ingresso del cinema che i
    > Google
    > > Glass non si possono
    > > indossare.

    > Come pure è indicato in tutti i cinema che non si
    > può entrare con macchine fotografiche, cineprese
    > e cellulari, sono sicuro che tu lasci sempre il
    > tuo cellulare(che è anche una cinepresa) a casa
    > ogni volta che vai al
    > cinema!!!!

    Non ho cellulare.Sorride
  • In qualunque posto, ma soprattuto in USA, sei colpevole fino a prova contraria.
    non+autenticato
  • Le Autorità non tremano: legiferano, vietano, ordinano, puniscono, imprigionano, manganellano.

    A che ti servono i google glasses quando un poliziotto ti apre la faccia a manganellate? Su cosa li inforcherai, quando non avrai più un naso?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Get Real
    > Le Autorità non tremano: legiferano, vietano,
    > ordinano, puniscono, imprigionano,
    > manganellano.
    >
    > A che ti servono i google glasses quando un
    > poliziotto ti apre la faccia a manganellate? Su
    > cosa li inforcherai, quando non avrai più un
    > naso?
    E perchè a manganellate? Perchè non una sonda elettrificata giù in fondo al naso vicino al cervello dove fa più male?
    Se devi fare dei film devi pensare in grande!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Get Real
    > Le Autorità non tremano: legiferano, vietano,
    > ordinano, puniscono, imprigionano,
    > manganellano.

    e perdono la testa, prima metaforicamente poi MariantoniettamenteCon la lingua fuori

    > A che ti servono i google glasses quando un
    > poliziotto ti apre la faccia a manganellate? Su
    > cosa li inforcherai, quando non avrai più un
    > naso?

    sei troppo ottimista: nel Medioevo prossimo venturo avere i poliziotti sarà un lusso per pochi.
    Per tutti gli altri ci saranno i bravacci del valvassino locale. A cui non gliene fo**erà una se*a di quello che scarichi, anche perché saranno loro i primi a farlo.
    Magari qualche volta al posto del solito pizzo per farli stare buoni potremo offrirgli il contenuto del nostro HDCon la lingua fuori
    Funz
    12943