Alfonso Maruccia

Microsoft ancora vittima degli hacker siriani

Redmond denuncia una nuova azione da parte dei cyber-guastatori di SEA e ammette: alcuni documenti legali sono finiti nelle loro mani. Il gruppo pro-Assad se la prende anche con la CNN

Roma - I guastatori di Syrian Electronic Army (SEA) colpiscono ancora, e ancora una volta l'obiettivo è Microsoft: la rete dell'azienda statunitense è stata fatta oggetto di un attacco phishing, il risultato del quale è la compromissione di alcuni documenti legali finiti nelle mani del gruppo di hacker black-hat che supporta il regime di Bashar al-Assad.

Microsoft riferisce dell'accaduto sul suo blog, parlando dell'accesso non autorizzato di SEA ad "alcuni account email" di impiegati e del furto delle informazioni contenute in questi account. Si parla in particolare di documenti relativi a indagini giudiziarie, anche se i dettagli su quali indagini siano scarseggiano.

Redmond promette ovviamente di prendere gli opportuni provvedimenti nel caso in cui i dati dei suoi utenti risultassero compromessi assieme ai documenti di cui sopra, rifiutandosi altresì - e a priori - di commentare sulla "validità di qualsiasi email o documento rubati" che si prevede SEA pubblicherà in questi giorni.
In attesa di conoscere il contenuti di queste eventuali pubblicazioni, però, SEA non è andata certo in letargo: l'obiettivo prediletto del network cyber-guastatore è Microsoft, ma quando si tratta di difendere il regime di Bashar al-Assad dalla stampa e dai reporter "bugiardi" gli hacker siriani non si fanno scrupoli nel prendersela anche con la CNN mirando al defacing dei suoi account "social".

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • SicurezzaMicrosoft, la minaccia siriana continuaLa milizia hacktivista mette la propria firma sul blog ufficiale di Office: Redmond non avrebbe idea di quanti e quali account dei propri dipendenti siano stati compromessi a mezzo phishing. Ma anche SEA subisce una sconfitta