Alfonso Maruccia

Facebook: lo storage a freddo usa dischi Blu-ray

Il sito in blu fa uso dei dischi ottici "blu" per archiviare i dati a cui gli utenti accedono meno di frequente. Il risparmio è considerevole, e le specifiche dei rack saranno presto rese noti a tutti

Roma - Apple potrà anche considerarli sorpassati, ma i dischi ottici multi-Gigabyte rappresentano una delle opzioni scelte da Facebook per le sue necessità di storage "a freddo": il social network ha progettato un sistema di archiviazione robotica basato su supporti Blu-ray e relativi masterizzatori, tecnologia che ha permesso risparmi considerevoli in consumi energetici e costi realizzativi puri.

La macchina con i dischi BD (-R? -RW?) è stata presentata da Facebook in occasione dell'Open Compute Summit: stando ai dati forniti dalla corporation statunitense, ogni cabinato è dotato di un braccio robotico per l'individuazione di un particolare disco/cartuccia (ogni cartuccia contiene svariati dischi BD) e ha una capienza massima di ben 10mila supporti Blu-ray.

La capacità di storage massima del cabinato (mostrato da Facebook in un video) è al momento di 1 Petabyte, una frazione minima dei 3 Exabyte che il sistema di "cold storage" ideato dall'azienda è pensato per ospitare e che dovrebbe crescere presto fino ai 5 Petabyte. Il prototipo del cabinato fa attualmente uso di dischi Blu-ray da 100 Gigabyte - molto più capienti rispetto ai più comuni supporti dual-layer da 50 Gigabyte.
Facebook sostiene che l'uso di dischi ottici permette di risparmiare il 50 per cento dei costi di realizzazione e l'80 per cento dell'energia elettrica necessaria ai tradizionali sistemi di storage basati su HDD, risparmi che si giustificano con la necessità di archiviare dati dall'accesso poco frequente come le copie di backup delle foto e dei video caricati dagli utenti sul social network.

In realtà Facebook aveva anche pensato di adoperare una qualche sorta di memoria Flash per il suo impianto di cold storage, ma per risparmiare sui costi la corporation sarebbe stata obbligata a fare uso dei chip di memoria di "peggiore qualità" che a ogni modo non avrebbero necessitato di cicli di scrittura particolarmente frequenti.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • TecnologiaBlu-ray accoglie i dischi da 128GBIl consorzio di aziende che sviluppa lo standard Blu-ray ha pubblicato la nuova specifica BDXL, che apre la strada a dischi BD-R e BD-RE con capacità maggiore rispetto a quella attuale
4 Commenti alla Notizia Facebook: lo storage a freddo usa dischi Blu-ray
Ordina