Gaia Bottà

Gli hacker siriani vogliono comprare online

Rivendicano il diritto di fruire, anche in Siria, di piattaforme come PayPal e eBay: lo fanno attaccando i siti delle due aziende

Roma - Un altro trofeo per il gruppo di guastatori siriani che si presenta in Rete con il nome di Syrian Electronic Army (SEA): dopo le ripetute aggressioni a Microsoft, l'offensiva è stata scagliata nei confronti di eBay e della sua controllata PayPal. Un attacco, quello condotto nella giornata di sabato dagli smanettoni vicini al regime di Al-Assad, per rivendicare a favore della Siria la possibilità di fruire delle transazioni elettroniche, come nel resto del mondo.

L'obiettivo dei cyberattivisti, nel colpire colossi dei trasferimenti di denaro come PayPal e eBay, non è stato quello di mettere in pericolo i milioni di utenti delle due piattaforme, di appropriarsi di preziosi dati personali: si è trattato di un'operazione a sfondo hacktivista, ha spiegato un rappresentante del gruppo, per denunciare l'impossibilità per i netizen siriani di fruire dei servizi di pagamento online. Paypal ha confermato: "Non è stato fatto accesso ad alcun dato degli utenti e nessun account è stato coinvolto".



Semplicemente, "per un breve periodo, un limitatissimo numero di persone che visitava delle pagine dedicate al marketing di PayPal e eBay nel Regno Unito, in Francia e in India, è stato rediretto - ha illustrato la situazione il portavoce di PayPal - Il problema è stato tempestivamente individuato e risolto".
SEA, dal proprio account Twitter ora sospeso, ha rivendicato inoltre la sostituzione del logo delle due aziende su diverse homepage dedicate e ha mostrato i retroscena dell'attacco, fra email di dipendenti e screenshot del sistema di gestione dei domini delle due piattaforme, spiegando che, a causa della "grande quantità di protocolli di autenticazione e di verifica di PayPal", per l'attacco è stato necessario un dispiegamento di "tecniche molto più avanzate" rispetto a quelle impiegate finora. (G.B.)
Notizie collegate
  • AttualitàMicrosoft ancora vittima degli hacker sirianiRedmond denuncia una nuova azione da parte dei cyber-guastatori di SEA e ammette: alcuni documenti legali sono finiti nelle loro mani. Il gruppo pro-Assad se la prende anche con la CNN
  • SicurezzaMicrosoft, la minaccia siriana continuaLa milizia hacktivista mette la propria firma sul blog ufficiale di Office: Redmond non avrebbe idea di quanti e quali account dei propri dipendenti siano stati compromessi a mezzo phishing. Ma anche SEA subisce una sconfitta
  • SicurezzaMicrosoft, SEA colpisce ancoraLa cybermilizia hacktivista siriana si scaglia di nuovo contro Redmond: invita a diffidare dei servizi email marchiati Microsoft attraverso i canali ufficiali dell'azienda
2 Commenti alla Notizia Gli hacker siriani vogliono comprare online
Ordina