Alfonso Maruccia

Chromebox, videoconferenze e non solo

Google svela il nuovo sistema mini-PC per videoconferenze, basato sulle nuvole di Chrome OS ma dotato di un hardware adeguato al compito, il tutto per mille dollari. Anche HP entra nella partita Chromebox

Roma - La novità che orbita attorno al sistema operativo di Google si chiama Chromebox, un mini-PC in formato compatto basato su Chrome OS e quindi dipendente da una connessione a Internet. Anche Mountain View ha scelto di offrire un proprio Chromebox "brandizzato", indirizzandolo però al mercato ben definito dei prodotti per videoconferenza aziendale.

chromebox

Il Chromebox per videoconferenze di Google costa 1.000 dollari (più 250 dollari all'anno per il servizio), e a quel prezzo offre un sottosistema PC con CPU Intel Core i7, uscite video HDMI/DisplayPort, 4 porte USB 3.0, connessione Ethernet/WiFi. Inclusi nel pacchetto sono inoltre una videocamera Full HD, un controller remoto dotato di tastiera, microfono e speaker multidirezionale.

Il prodotto è in grado di gestire conferenze con 15 partecipanti al massimo, spiega Google, divisi tra videochiamate, chiamate audio e quant'altro. L'interoperabilità con altri sistemi di videoconferenza è garantita dal supporto del protocollo H.323/SIP (tramite plug-in Vidyo), mentre gli schermi dei computer portatili sono supportati come dispositivi di visualizzazione via connessione wireless.
Google dice di aver semplificato al massimo l'installazione del sistema, e scommette sull'attrattiva di un prodotto tagliato su misura per le esigenze del mercato delle conferenze aziendali. Un mercato che in realtà è stato sin qui avaro di successi per molti.

Ma Google, si sa, non si dà per vinta molto facilmente e la perseveranza con i suoi sistemi basati su Chrome OS fa breccia tra un numero sempre maggiore di produttori: alle corporation già impegnate a realizzare scatolotti Chromebox (Asus e altri) si aggiunge ora anche HP, che avvierà la distribuzione di mini-PC Chrome OS (anche qui con CPU Intel Core i7) a partire dalla prossima primavera.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
4 Commenti alla Notizia Chromebox, videoconferenze e non solo
Ordina
  • Queste macchine mi fanno gola.

    A casa ho un desktop mini-ITX Haswell i7, un portatile 11,6" Pentium dual core SU4100, e un portatile Core2Duo T9300 collegato ad un TV da 55".

    Ho preso un NAS con Linux della QNAP il TS-212P.

    Una di queste macchinette ChromeOS di Asus o HP la metterei in studio, e con l'altra sostituisco il portatile sotto al TV con un'altra ChromeBox ma tutte con Ubuntu però.

    Ubuntu sta anche su tutte le altre mie macchine.

    Il NAS TS-212P ha una CPU ARM 1,6Ghz e 512M di ram, e permette svariate funzioni, ma quella che più mi interessa è la connessione iSCSI. Attraverso l'iSCSI posso montare partizioni in rete come fossero nel PC locale.

    In questo modo tutte le mie macchine possono avere una SSD da 16, 32 o max 64GB, in cui mettere solo il sistema operativo e poche altre cose.

    Il NAS ha due HD da 3TB messi in mirror (Raid 1).
    Io e la mia compagna abbiano ognuno il proprio account sulle varie macchine, ma dato che via iSCSI viene montata la partizione del nas ognuno ha la sua Home sempre identica perché la stessa che è su NAS protetta in Raid 1.

    Questo NAS è fantastico perché ha il sistema espandibile con pacchetti aggiuntivi. C'è il pacchetto per trasformalo in server LAMP oppure MLDonkey, eMule, client Torrent, ecc.
    Ci sono varie community di sviluppatori che fanno estensioni utili.

    La mia ragazza quando a casa della sua famiglia e le viene in mente un film da scaricare, si connette da fuori all'interfaccia di MLDonkey o inserisce il link Torrent da scaricare e il NAS lavora da solo.
    Quando poi vene a trovarmi abbiamo il film pronto da vedere. Se non ci piace lo cancelliamo, se ci piace andiamo al cinema a vederlo, o lo compriamo per rivederlo in futuro. La roba che merita la compriamo come tutti i cartoni di Miyazaki.

    Sul NAS ci gira anche il sito del lavoro della mia compagna è un blog Wordpress nel settore dell'educazione infantile.

    E ci abbiamo messo al sicuro tutte le foto di nostro figlio che per ora sono sparpagliate tra cellulari e il suo computer.

    Per il NAS c'è anche l'App iOS/Android QMobile che ti permette di caricare dentro file e foto.

    Un progetto futuro prevede due IP cam una che guarda in casa e l'altra fuori in giardino che riprendono a 2fps con sensore di movimento eventuali intrusi o atti vandalici. Le IP Cam riversano sempre nel NAS.

    Con Linux si può fare di tutto, ma proprio tutto. Il limite è solo alla fantasia.
    iRoby
    6904
  • - Scritto da: iRoby
    > Queste macchine mi fanno gola.

    a quei prezzi? bah!

    > A casa ho un desktop mini-ITX Haswell i7, un
    > portatile 11,6" Pentium dual core SU4100, e un
    > portatile Core2Duo T9300 collegato ad un TV da
    > 55".

    ecco che parte la gara...

    > Ho preso un NAS con Linux della QNAP il TS-212P.
    >
    > Una di queste macchinette ChromeOS di Asus o HP
    > la metterei in studio, e con l'altra sostituisco
    > il portatile sotto al TV con un'altra ChromeBox
    > ma tutte con Ubuntu però.

    con ubuntu? lo direi con un po' meno orgoglio, eh!

    >
    > Ubuntu sta anche su tutte le altre mie macchine.
    >

    vedi sopra.

    > Il NAS TS-212P ha una CPU ARM 1,6Ghz e 512M di
    > ram, e permette svariate funzioni, ma quella che
    > più mi interessa è la connessione iSCSI.
    > Attraverso l'iSCSI posso montare partizioni in
    > rete come fossero nel PC locale.
    >
    > In questo modo tutte le mie macchine possono
    > avere una SSD da 16, 32 o max 64GB, in cui
    > mettere solo il sistema operativo e poche altre
    > cose.

    calma riprendi fiato!

    > Il NAS ha due HD da 3TB messi in mirror (Raid 1).
    > Io e la mia compagna abbiano ognuno il proprio
    > account sulle varie macchine, ma dato che via
    > iSCSI viene montata la partizione del nas ognuno
    > ha la sua Home sempre identica perché la stessa
    > che è su NAS protetta in Raid 1.

    ah, era una deriva da "io ce l'ho piu' lungo"
    Ma la connessione wireless in giardino con hostapd? no?


    > Questo NAS è fantastico perché ha il sistema
    > espandibile con pacchetti aggiuntivi. C'è il
    > pacchetto per trasformalo in server LAMP oppure
    > MLDonkey, eMule, client Torrent,
    > ecc.

    apt-get anyone?

    > Ci sono varie community di sviluppatori che fanno
    > estensioni utili.
    >
    > La mia ragazza quando a casa della sua famiglia e
    > le viene in mente un film da scaricare, si
    > connette da fuori all'interfaccia di MLDonkey o
    > inserisce il link Torrent da scaricare e il NAS
    > lavora da solo.

    e ce la fa tutta da sola senza nemmeno un aiutino? wow!

    > Quando poi vene a trovarmi abbiamo il film pronto
    > da vedere. Se non ci piace lo cancelliamo, se ci
    > piace andiamo al cinema a vederlo, o lo compriamo
    > per rivederlo in futuro. La roba che merita la
    > compriamo come tutti i cartoni di
    > Miyazaki.

    (sbadiglio)(sbadiglio)(sbadiglio)

    > Sul NAS ci gira anche il sito del lavoro della
    > mia compagna è un blog Wordpress nel settore
    > dell'educazione infantile.

    e un portate di "pesca al salmone canadese" invece niente?

    > E ci abbiamo messo al sicuro tutte le foto di
    > nostro figlio che per ora sono sparpagliate tra
    > cellulari e il suo computer.

    teribbile, presto presto, fai il backup: ma doppio e spostato in garage, hai visto mai che il nas preda fuoco.

    >
    > Per il NAS c'è anche l'App iOS/Android QMobile
    > che ti permette di caricare dentro file e
    > foto.

    e ti pareva se non c'era l'app mobile.

    >
    > Un progetto futuro prevede due IP cam una che
    > guarda in casa e l'altra fuori in giardino che
    > riprendono a 2fps con sensore di movimento
    > eventuali intrusi o atti vandalici. Le IP Cam
    > riversano sempre nel NAS.
    >
    > Con Linux si può fare di tutto, ma proprio tutto.
    > Il limite è solo alla fantasia.

    ok, pero' adesso rimettilo nelle mutande che ce lo hai fatto vedere anche troppo.

    se solo un parveneu che si crede un dio perche e' riuscito ad installare ubuntu... patetico.
    non+autenticato
  • Era un semplice messaggio su un progetto di automazione e servizi utili in casa usando un NAS e delle postazioni Linux.

    Se ti sei sentito toccato dal punto di vista fallico o sessuale, vuol dire che soffri di un complesso di inferiorità ed hai bisogno urgentemente di uno psicologo.
    iRoby
    6904
  • relax...probabilmente soffre di ejaculazizone precode di silicio...puo' capitare a tutti in questi tempi bui in cui viviamo...sii paziente, dagli tempo e porgi l'altro NAS...magari poi gli passa....
    non+autenticato