Gaia Bottà

BlackBerry, defezione in BBM

Lascia il capo della squadra che si occupava del servizio di messaggistica mobile, che prometteva successo in ambito consumer. Nessuno sarà nominato per sostituirlo, BBM sarà assorbito da una divisione enterprise

Roma - Dopo una faticosa estensione agli utenti iOS e Android, il servizio di messaggistica BBM sembrava dover garantire a BlackBerry un motivo di consolazione, dopo un periodo tormentato fatto di numeri in calo, di licenziamenti, di scossoni nel management e nella struttura aziendale. Proprio in seno alla divisione BBM l'azienda canadese accusa ora una perdita importante: il vicepresidente Andrew Brocking, che guidava il team dedicato al servizio di messaggistica, ha lasciato Waterloo.

Si tratterebbe di una decisione personale, non di un allontanamento. Brocking, dopo il lancio di BBM per iOS e Android nel mese di ottobre, avrebbe semplicemente scelto di imboccare un'altra strada.

Nessuno verrà reclutato per sostituirlo: la gestione di BBM sarà abbracciata dalla divisione Global Enterprise Solutions, guidata da John Sims, e "continuerà a concentrarsi sulle potenzialità di BlackBerry e BBM per la messaggistica e per le nuove aree come marketing mobile, community building, messaggistica in ambito enterprise". C'è chi sottolinea come proprio la guida di Sims possa imprimere a BBM una direzione più orientata alle imprese, aspetto sul quale il nuovo CEO John S. Chen scommette con decisione. (G.B.)
Notizie collegate
  • BusinessBlackBerry perde ancoraLe deboli vendite di BB10 e il cali nel fatturato registrati per questo trimestre spingono la canadese a cercare la ripresa stringendo un accordo con Foxconn
  • BusinessBlackBerry viveIl CEO ad interim si rivolge ai clienti enterprise per rassicurarli riguardo al proprio ritorno alle origini. Con una strategia che incassa l'esistenza di una concorrenza sempre più forte e che sceglie di abbracciarla
  • BusinessBlackBerry: senti chi parlaIl servizio di messaggistica BBM assume le vesti di un social network, aprendo alle conversazioni pubbliche e puntando sull'interesse delle aziende. Per conquistare il mondo, senza dimenticare i mercati emergenti