Seattle, assalto ai bus di Microsoft

Dopo le manifestazioni contro Google e Facebook, stavolta la protesta č rivolta contro Microsoft, colpevole con i suoi 40mila dipendenti nello stato di Washington di incrementare i costi e creare spaccature socio-economiche

Roma - Le proteste contro i giganti hi-tech si allargano dalla Baia di San Francisco a Seattle e nel mirino finiscono sempre i bus aziendali, simbolo dei privilegi della categoria. Sarà l'effetto emulazione, la ricerca della celebrità o semplicemente la necessità di frenare il fenomeno prima che degeneri come in California, ma lunedì mattina nella città dello stato di Washington si sono ripetute le scene già viste a San Francisco con i manifestanti intenti a bloccare le navette dei dipendenti di Microsoft.

Certo, la portata dei disordini è decisamente minore, perché il gruppo di protestanti scesi in strada a Capitol Hill contava un nugolo di persone, che però sono riuscite a ritardare di 45 minuti la partenza di cinque bus esponendo striscioni e intonando cori contrari all'azienda fondata da Bill Gates.

Come per Google, Facebook e altri colossi del ramo tecnologico con sede nella Silicon Valley, anche Microsoft è considerata la prima colpevole dell'aumento dei prezzi degli alloggi e dell'utilizzo di mezzi pubblici per trasportare agevolmente i dipendenti verso il campus di Redmond. Non a caso la protesta è andata in scena in una strada simbolica di Capitol Hill - l'area che ha subito i maggiori rincari dovuti alla presenza di buona parte dei circa 40mila dipendenti di Microsoft residenti nello stato di Washington - dove sempre più antiche residenze vengono abbattute per far spazio a nuovi complessi multifamiliari.
Il servizio navetta è stato inaugurato alla fine del 2007 in cinque quartieri residenziali, saliti con gli anni a dodici, con Microsoft che ha sostenuto la scelta additando benefici ambientali e quelli alla viabilità cittadina. Dopo aver assistito all'escalation nella Bay Area, però, i cittadini sono passati all'azione dichiarando che col suo comportamento la società crea spaccature socio-economiche profonde e difficilmente rimarginabili. Seguendo l'esempio dei manifestanti californiani, è assai probabile che la comunità di Seattle e Capitol Hill chiederà alle autorità cittadine di trovare un rimedio soddisfacente per entrambe le parti, prevedendo ovviamente un congruo rimborso per le casse municipali.

Alessio Caprodossi
Notizie collegate
  • Digital LifeGoogle, al lavoro in catamaranoBig G sperimenta una via originale: un traghetto al posto della navetta per portare i dipendenti in ufficio. Per non ingolfare in traffico e sfuggire all'ira dei concittadini
1 Commenti alla Notizia Seattle, assalto ai bus di Microsoft
Ordina
  • Va a finire che le grosse societa' compreranno i terreni ...
    cotruiranno le case nei loro terreni belli recintati e le daranno in affitto ai dipendenti ...
    bisogna poi pero' vedere se sara' una cosa buona ...

    Si formera' una cittadina "ricca" e magari controllata da guardie private
    con una sua economia semi-chiusa ( negozi , bar , palestre ) e gestita in privato accanto ad una cittadina "povera" a gestione pubblica ...
    non+autenticato