ADSL, c'è chi lo paga a due fornitori

Succede ad un lettore che, non riuscendo a staccare e riattivare un abbonamento decide di disdirlo e di aprirne un altro con un altro operatore. Non sa chi gestisce la portante e in due gli chiedono il canone

Roma - Gentile redazione, la mia odissea con la banda larga questa volta ha raggiunto il culmine. Sono forse riuscito a raggiungere un record e spero di essere inserito nel Guinnes dei primati: ho una ADSL e mi arrivano fatture da due provider!

Ma veniamo al punto.
Avevo una TIN 640 e giunto in prossimità della scadenza contrattuale, visto che TIN non fa upgrade da 640 a 1200, seguo le loro indicazioni e nei termini disdico con RR, mail e fax. Passati alcuni giorni contatto TIN e stipulo via internet un nuovo abbonamento ADSL TIN 1280.

Era la metà di settembre e, passati alcuni giorni con il "semaforo rosso" sul sito TIN, ho chiamato ripetutamente l'803380 per capire quanto occorresse per avere la nuova ADSL visto che la portante era ancora attiva anche se ovviamente non navigavo. Mi è stato risposto che il problema era di Telecom Italia che deve "liberare la linea".
Passati altri 10 giorni, decido di sentire direttamente Telecom, che mi dice che non è vero che devono provvedere loro alla portante bensì TIN. Passano altri 5 giorni con altre mie telefonate e alla fine di settembre una responsabile Telecom mi dice che se voglio loro possono attivarmi una Alice Mega nel giro di quattro giorni.

A questo punto chiamo TIN e chiedo se posso disdire la mia "richiesta" di allaccio della 1280. La risposta è positiva e immediatamente invio un fax dicendo che voglio recedere dalla richiesta etc. etc. Il modem dal giorno dopo è disallineato, quindi la portante TIN è stata staccata, mi allacciano Alice in quattro giorni ed inizio a navigare perfettamente.

Per scrupolo nei giorni seguenti seguito a controllare i ticket sul sito TIN e il giorno 11/11 trovo scritto "Procedure di attivazione e gestione abbonamento / Disdetta / Lavorazione raccomandata / Entro i termini" quindi sono tranquillo di avere fatto tutto in maniera impeccabile.

Mi arriva la prima fattura Telecom, la pago ma, a distanza di 10 giorni, vedo arrivare un SMS che mi dice che la mia ADSL TIN è attiva!

Telefono a TIN e mi viene detto che la ADSL che uso io è TIN anche se Telecom utilizza una loro portante, telefono a Telecom e mi dicono che la portante è la loro e che quelli di TIN sono matti. Insomma da questo mese dovrei pagare per un unico servizio sia TIN che Telecom!

A scanso di equivoci, e per evitare futuri problemi, ho immediatamente fatto una raccomandata con ricevuta di ritorno a TIN per dare disdetta entro i 10 giorni dall'attivazione. Ritengo comunque questo un abuso di tempo e di denaro (la raccomandata e le telefonate comunque costano) e mi auguro che la linea resti attiva anche perchè se veramente TIN dovesse togliermi l'attuale portante credo che l'unica possibilità sarebbe a quel punto affidare tutto nelle mani di un legale per far rispettare i miei credo sacrosanti diritti!

Cordiali saluti
Marco

Caro Marco
mi chiedo soltanto cosa sarebbe accaduto se, invece che con anonimi call center, tu avessi potuto parlare de visu con un responsabile di entrambe le aziende. Tutti, probabilmente, avrebbero perso meno tempo e tu saresti un utente soddisfatto.
In bocca al lupo, Lamberto Assenti
TAG: adsl
21 Commenti alla Notizia ADSL, c'è chi lo paga a due fornitori
Ordina
  • Salve, ho fatto a Novembre 2005 regolare domanda di disdetta Adsl Tin scadente il 4 Febbraio 2006. Tutto regolare. Attualmente non posso attivare Alice Adsl Mini, respinta 4 volte perchè Tin, nonostante solleciti occupa ancora la portante. Telecom dice che Tin la deve togliere, Tin dice che è compito di Telecom liberarmi la portante. Mi devo rivolgere ad un legale , a chi dei due ? Veramente è uno schifo ! Si parla di " ostruzionismo" ho tutto registrato.........di una delle due
    Come posso fare ?
    non+autenticato
  • buongiorno
    quanto c'è di vero in questa possibilità di attivare un abbonamento adsl con tin.it senza disporre di una linea telefonica in casa?ho chiamato il numero verde ed ho inoltrato la domanda di attivazione ma senza avere le necessarie cognizioni...qualcuno può darmi una mano???
    non+autenticato
  • A me avevano detto che era possibile, con 38? al mese per la flat e 155? per l'attivazione (tecnico che porta il cavo dati fino al pc) richiamando 2 settimane dopo per confermare e dare dati mi hanno detto che nn è vero e che bisogna avere il numero fisso... booooo
    per risposta nicofraccon@hotmail.com
    non+autenticato
  • 1) Rendere illegali i contratti telefonici. Per ogni variazione contrattuale e/o attivazione di opzioni varie bisognerebbe rendere obbligatoria la firma di un contratto cartaceo che dovrebbe rimanere in possesso del cliente e dell'azienda fornitrice.
    2) Obbligare qualsiasi ente/azienda a rispondere alle raccomandate entro 7 giorni lavorativi su carta intestata e firmata da qualche responsabile, in modo che abbia valenza legale. Ovviamente le risposte dovrebbero essere concise e strettamente pertinenti a quanto richiesto dal cliente.
    3) Per qualsiasi disguido o inefficienza far pagare all'azienda multe più o meno salate. Questo però senza prevedere meccanismi troppo complessi per farlo: davanti ad un giudice di pace e via, senza nemmeno il bisogno di un avvocato.
    non+autenticato
  • Punto primo: la T di TIN sta per Telecom... fa ridere che Telecom e TIN baruffino... è come quella volta che sono andato nel negozio "Punto 187" (Telecom) per chiarire una questione sulla BBB in prova e mi sono sentito rispondere che se ero stato contattato dal servizio telefonico 187 (Telecom) la questione non era di loro competenzaSorride)) purtroppo è una cosa veramente accadutaSorride

    Punto Secondo: non stiamo parlando di questioni opinabili come la giustizia umana, l'esistenza di Dio, o chissà cosa... stiamo parlando di un terminale che assegna la gestione di una connessione di rete... e i terminali "ragionano" in binario, quindi un dato o è 0 o è 1. Non capisco come molti operatori dei Call Center, sia di servizi x l'informatica che di altri servizi (per esempio tv satellitare) facciano passare certe procedure (come l'attivazione della portante ADSL o l'impulso per la visione dei canali crittati) come qualcosa di metafisico e di impalpabile. Si tratta di pigiare dei bottoni, ai quali farà seguito un'azione. Se ciò non si verifica è quasi assolutamente da attribuire ad un disservizio, punto e basta... inutile girarci tanto intorno...
    non+autenticato

  • in italia va avanti cosi'.. continua cosi' e sara' sempre cosi'
    intanto paga... pantalone Triste

    - Scritto da: Anonimo
    > Punto primo: la T di TIN sta per Telecom...
    > fa ridere che Telecom e TIN baruffino... è
    > come quella volta che sono andato nel
    > negozio "Punto 187" (Telecom) per chiarire
    > una questione sulla BBB in prova e mi sono
    > sentito rispondere che se ero stato
    > contattato dal servizio telefonico 187
    > (Telecom) la questione non era di loro
    > competenzaSorride)) purtroppo è una cosa
    > veramente accadutaSorride
    >
    > Punto Secondo: non stiamo parlando di
    > questioni opinabili come la giustizia umana,
    > l'esistenza di Dio, o chissà cosa... stiamo
    > parlando di un terminale che assegna la
    > gestione di una connessione di rete... e i
    > terminali "ragionano" in binario, quindi un
    > dato o è 0 o è 1. Non capisco come molti
    > operatori dei Call Center, sia di servizi x
    > l'informatica che di altri servizi (per
    > esempio tv satellitare) facciano passare
    > certe procedure (come l'attivazione della
    > portante ADSL o l'impulso per la visione dei
    > canali crittati) come qualcosa di metafisico
    > e di impalpabile. Si tratta di pigiare dei
    > bottoni, ai quali farà seguito un'azione. Se
    > ciò non si verifica è quasi assolutamente da
    > attribuire ad un disservizio, punto e
    > basta... inutile girarci tanto intorno...
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 10 discussioni)