Claudio Tamburrino

AGCM, quando lo sconto inganna

Tra i multati dall'autorità, Alitalia, Ryanair e Ticketone: al centro dell'operazione, degli abbonamenti che gli utenti sono stati indotti a sottoscrivere inconsapevolmente

Roma - L'Autorità garante della concorrenza e del mercato (AGCM) è intervenuta sul mercato degli acquisti di servizi online multando sette diverse aziende per una pratica commerciale ritenuta scorretta: sui loro siti, dietro l'offerta di buoni sconto per acquisti futuri, si nascondevano servizi di abbonamento a pagamento.

Il servizio incriminato è stato messo a punto dal gruppo Webloyalty: si tratta di un servizio in abbonamento che al costo di 12 euro mensili offriva alcuni sconti agli utenti. Il problema è che la sua sottoscrizione avveniva all'insaputa degli utenti stessi, utilizzando i dati bancari forniti da questi ultimi all'atto dell'acquisto di altri beni e servizi online su siti Internet delle società partner coinvolte nel provvedimento.

Una pratica, a quanto pare, particolarmente diffusa nel settore dei biglietti d'aereo: tra i multati vi sono Ryanair, Alitalia, eDreams e Airone, insieme a Ticketone, eBay e - appunto - Webloyalty.
Secondo l'autorità i consumatori sarebbero stati indirizzati al sito acquistierisparmi.it in concomitanza con il termine della procedura d'acquisto effettuata sulle piattaforme coinvolte: sarebbero stati così attratti da una finestra - dalla grafica e dai colori identici al sito ospitante a parte che nel caso di eBay - che prometteva uno sconto per un successivo acquisto. In realtà si trattava di uno specchietto per le allodole che nascondeva un servizio di abbonamento a pagamento.

AGCM ha multato le 7 per un totale di 1,7 milioni di dollari: 800mila euro per Webloyalty International, 420mila euro per Ryanair, 145mila per Alitalia, 25mila per Airone, 220mila per Vacaciones eDreams, 20mila per eBay e 50mila per TicketOne.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàAntitrust, dallo scorporo ai parassiti del webIl presidente Pitruzzella plaude al piano di societarizzazione della rete di accesso di Telecom Italia. E solleva la questione degli Over The Top: parassiti dei vecchi editori?
  • BusinessAGCM: Groupon sotto sorveglianzaIl garante ha avviato una procedura contro la piattaforma di coupon online, dopo le segnalazioni dei consumatori. Nella lente dell'authority, informazioni commerciali ingannevoli e procedure di rimborso inadeguate
10 Commenti alla Notizia AGCM, quando lo sconto inganna
Ordina
  • Il cliente prima viene "fregato" dalla company e poi lo stato multa la Company ma non da nulla indietro al cliente.
    Sembra che lo stato approfitti dell'illecito per "scremare" la sua parte...
    ufo1
    183
  • - Scritto da: ufo1
    > Il cliente prima viene "fregato" dalla company e
    > poi lo stato multa la Company ma non da nulla
    > indietro al
    > cliente.
    > Sembra che lo stato approfitti dell'illecito per
    > "scremare" la sua
    > parte...
    una interpretazione dei fatti per niente barbina... in effetti non ho mai ben capito neanch'io perche' roba del genere prende questa strada.... (o meglio lo si intuisce... guardando che lotta hanno fatto certi politicanti per affogare le class action, norme contro lo spam telefonico , ecc)
    non+autenticato
  • > una interpretazione dei fatti per niente
    > barbina... in effetti non ho mai ben capito
    > neanch'io perche' roba del genere prende questa
    > strada.... (o meglio lo si intuisce... guardando
    > che lotta hanno fatto certi politicanti per
    > affogare le class action,

    Povera class action senza ossigeno, allora. Cresceranno le branchie, almeno?
    Ti informo che l'azione di classe (così si chiama nella lingua italiana, a te sconosciuta) è in vigore dal 1° gennaio 2010.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 05 marzo 2014 06.42
    -----------------------------------------------------------
  • Quella non e' la class action ... e' fumo neglio occhi ...
    non+autenticato
  • > Quella non e' la class action ... e' fumo neglio
    > occhi
    > ...

    Preferisco qualcuno che dica chiaro e tondo che è fumo negli occhi, e che le casuse collettive finora si contano sulla punta delle dita, piuttosto che raccontare la storia che i politici l'hanno soffocato o "affogato". L'art. 104 bis del codice del consumo non si è approvato da solo.
  • Sbagliato. L'utente, forte della sentenza AGCM, può adire le vie legali per chiedere la restituzione dell'importo versato. Oggi può farlo anche tramite la conciliazione, magari avvalendosi dell'aiuto di una associazione dei consumatori. L'AGCM può multare una società per un comportamento lesivo della concorrenza e del mercato ma non credo (potrei sbagliarmi) che abbia il potere giudiziario per entrare nel merito di un contratto tra privati e stabilire la restituzione del maltolto ai cittadini. Anche perché è possibile che qualche cittadino abbia deciso di aderire coscientemente e abbia anche avuto un guadagno da quel tipo di abbonamento (chiaramente sono scettico). Quindi tocca al cittadino rivalersi sull'azienda tramite le classiche vie legali.
  • ...chi pagherà la multa di 145.000 Euro di Alitalia Angioletto
    non+autenticato
  • - Scritto da: StarKnight
    > ...chi pagherà la multa di 145.000 Euro di
    > Alitalia
    >Angioletto

    Perché le altre multe chi pensi le paghi? Triste
    non+autenticato
  • > > ...chi pagherà la multa di 145.000 Euro di
    > > Alitalia
    > >Angioletto
    >
    > Perché le altre multe chi pensi le paghi? Triste

    Le aziende Webloyalty International, Ryanair, Airone, Vacaciones eDreams, eBay e TicketOne non sono state salvate da una "cordata italiana" per poi tornare nelle mani dello Stato pochi anni dopo, e la prospettiva di una megamulta UE. Sono davvero private, a differenza di Alitalia.

    Il ragionamento sempre valido si applica anche qui: queste multe alla fine le pagano i consumatori con rincari sui loro servizi. Almeno la sconcezza di farle pagare ai contribuenti italiani con le tasse è risparmiata, almeno quella.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 05 marzo 2014 13.41
    -----------------------------------------------------------
  • L'amministratore delegato col suo mega stipendio ... ops, risposta sbagliata, la pagheremo noiSorride