Claudio Tamburrino

Brevetti, Apple e Samsung tra distrazioni e nulla osta

Niente blocchi alle importazioni per i dispositivi della coreana, che adesso chiede uno sconto in seguito alla pubblicazione di accordi riservati

Roma - Il giudice della Corte federale di San José Lucy Koh ha respinto la richiesta di Apple di ingiunzione permanente contro 23 dispositivi Samsung.
Niente pace, dunque, tra Apple e Google che continuano a battersi a suon di richieste di ingiunzione e di ricalcolo dei danni conseguenti alle violazioni rilevate.

Sempre il giudice Koh aveva ordinato ai rispettivi CEO di incontrarsi entro il 19 febbraio per cercare di provare a risolvere in via stragiudiziale le questioni brevettuali che le vedono contrapposte ormai da anni davanti ai tribunali a stelle e strisce. Il tribunale non aveva naturalmente il potere di imporre il raggiungimento di un accordo, ma solo di raccomandare il tentativo: a quanto pare Oh-Hyun Kwon, il CEO di Samsung, e Tim Cook, il CEO di Apple, non ci sono riusciti.

Ora, dunque, il giudice è dovuto tornare a valutare nuovamente le richieste delle parti e davanti a quella di Apple di veder bloccate le importazioni dei prodotti coreani ora accusati, ha risposto di no: Koh ha rilevato che Cupertino ha mancato di dimostrare il legame tra violazione brevettuale e danno irreparabile, perciò l'eventuale blocco alla dogana sarebbe una misura sproporzionata.
Apple cercherà di trovare nuove basi con cui ricorrere in appello contro la decisione, ma deve fare attenzione: a quanto pare lo scorso ottobre i legali di Apple hanno per sbaglio pubblicato su documenti non secretati i termini della licenza che la lega a Nokia. Lo stesso contratto la cui divulgazione in un precedente processo era costato ai legali di Samsung una multa salatissima.

Proprio in forza dell'errore da parte di Cupertino ora reso pubblico, la coreana chiede un sostanzioso sconto sull'ammenda inflittagli per quell'errore.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàApple e Samsung, guerra e paceI rispettivi CEO si incontreranno entro il prossimo 19 febbraio per tentare di trovare un accordo. Come ordinato dalla corte statunitense
  • BusinessApple e Samsung, le arringhe finaliMentre rispunta la possibilitÓ di un blocco per i vecchi dispositivi Samsung, davanti alla giuria si procederÓ al calcolo dei danni che la coreana deve ad Apple. L'una propone 52 milioni di dollari, l'altra ne pretende 380 milioni
  • BusinessApple, il pentimento che non convinceUna corte d'appello britannica ordina alla Mela di riformulare le scuse nei confronti di Samsung. Il precedente messaggio Ŕ stato considerato "falso" e "scorretto". Le nuove scuse attese entro due giorni
1 Commenti alla Notizia Brevetti, Apple e Samsung tra distrazioni e nulla osta
Ordina
  • "Niente pace, dunque, tra Apple e Google che continuano a battersi a suon di richieste di ingiunzione e di ricalcolo dei danni conseguenti alle violazioni rilevate"

    Che c'entra Google ?

    "Koh ha rilevato che Cupertino ha mancato di dimostrare il legame tra violazione brevettuale e danno irreparabile"

    Ma perchè non c'è mai stato !!! Apple gioca alla vittima per ricevere introiti extra e creare danno ad un avversario...

    "Apple cercherà di trovare nuove basi con cui ricorrere in appello contro la decisione.."

    Leggasi nuove fandonie per sostenere le sue fragili e strampalate teorieA bocca aperta

    "a quanto pare lo scorso ottobre i legali di Apple hanno per sbaglio pubblicato su documenti non secretati i termini della licenza che la lega a Nokia."

    ahahahah,un bel autogol ...

    "Lo stesso contratto la cui divulgazione in un precedente processo era costato ai legali di Samsung una multa salatissima.

    Proprio in forza dell'errore da parte di Cupertino ora reso pubblico, la coreana chiede un sostanzioso sconto sull'ammenda inflittagli per quell'errore."

    Mi pare il minimo,oppure la stessa multa alla mela morsicata ...
    non+autenticato